Cerca

Scontro

Rocco Casalino e la minaccia a Salvatore Merlo: "Adesso che il Foglio chiude cosa fai?"

13 Luglio 2018

0
Salvatore Merlo

Le critiche non piacciono e a Rocco Casalino meno che meno. E dopo la serie di "legnate" prese su Il Foglio, il portavoce grillino del presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha praticamente "minacciato" il giornalista del quotidiano fondato da Giuliano Ferrara, Salvatore Merlo. Lo scrive lui stesso in prima pagina: Casalino ad un certo punto, mentre festeggia con tanto di palloncini gialli il taglio dei vitalizi, si rivolge a chi scrive: "Adesso che il Foglio chiude, che fai? Mi dici a che serve il Foglio?".  

Minacce che a Merlo non mettono certo paura. Scrive: "Insomma i Cinque stelle festeggiano sotto la regia del loro poderoso ufficio propaganda e comunicazione ("amore, amore", urla Rocco a un deputato, battendo le mani, "tienilo più in alto quel palloncino!"), ma in realtà il clima è plumbeo". "Sulla piazza i deputati del Movimento stanno stappando delle bottiglie di spumante, e su Facebook c' è persino Virginia Raggi che fa ciao ciao con la manina: bye bye vitalizi. Ecco Riccardo Fraccaro, il ministro della democrazia diretta. Baci, abbracci, finalmente!, evvai!, hip hip urrà. Rocco è molto attento a che le telecamere inquadrino bene la scena, dirige come a teatro, come al cinema, o forse a un matrimonio. E' il wedding planner. Vorrebbe che i protagonisti fossero i deputati, i ragazzi, ma inevitabilmente, urlando e zampettando, finisce per diventare lui stesso l'attrazione più forte".

Infine, affonda Merlo: "A un certo punto è preoccupato che Di Maio possa non arrivare in tempo, allora chiede: Ma un ministro può lasciare la commissione dov' è in audizione? No? E perché no? Uff. Che noia il Parlamento, con le sue discussioni, le sue regole, i suoi vitalizi. Fastidioso come certi giornali, ma non il Foglio che non conta nulla... Perché esiste?. Molto meglio il Grande Fratello. E ormai ci siamo".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media