Cerca

Presidente fazioso

Grasso: "Su decadenza voto palese". Ira Pdl: "E' di parte"

Il presidente del Senato dagli Stati Uniti chiede voto palese: "Solo così i parlamentare saranno liberi". Cicchitto: "E' alla ricerca della rissa"

Pietro Grasso

Pietro Grasso

Voto segreto, voto palese: il nodo è tutto lì. Il centrodestra spinge per la segretezza, gli altri (ufficialmente quasi tutti) vorrebbero compiere il delitto politico perfetto alla luce del sole, votando in modo palese la decadenza del Cavaliere. Il Pdl, che lavora sodo per raggiungere il suo risultato, lavora di diplomazia, ma ieri dagli Stati Uniti è arrivata l'intrusione che non ti aspetti. Il presidente del Senato, Piero Grasso, si è espresso in materia. Scelta inusuale, la sua, che ha scatenato le polemiche. "Se il voto sarà segreto - ha detto la seconda carica dello Stato - bisognerà vedere se sarà davvero un voto di coscienza o se dipenderà piuttosto da interessi diversi. Se invece il voto sarà palese, tutto sarà più chiaro". Non solo, Grasso ha anche detto che si occuperà della questione appena rientrato dagli Usa lasciando intendere di voler far pendere la bilancia verso ciò che ritiene più giusto.

Democratico - "E' uomo di partito", è stata la risposta rapida degli azzurri. Il Popolo delle Libertà, infatti, ha fatto quadrato attorno a Berlusconi e ha attaccato il presidente del Senato: falchi e colombe, come accade sempre quando c'è di mezzo il Cav, sono tornate fianco a fianco e adesso si spalleggiano. Fabrizio Cicchitto, Renato Brunetta e Renato Schifani hanno detto che non è possibile che la seconda carica dello Stato entri a gamba tesa nel dibattito politico nazionale e pretendono chiarezza. Secondo Cicchitto, Grasso "dimentica di essere Presidente del Senato e si qualifica solo come uomo di parte". La sua è una "forzatura", dice, ma non solo: si tratta "anche di una irrazionale ricerca della rissa". 

Capigruppo - Sulla stessa scia i due numeri uno del Pdl alla Camera e al Senato, Brunetta e Schifani. Il primo non si tira mai indietro ed oggi se l'è presa con il presidente. "E' un uomo di fazione" che tuona "contro la dignità dei parlamentari". Brunetta, poi, ricorda una frase del giudice antimafia Giovanni Falcone che, a proposito di ipotesi e castelli in aria, diceva: "Il sospsetto è l'anticamera dellacalunnia". Più morbido (poco) Schifani che concede a Grasso il beneficio del dubbio: "Sospettare che attraverso il voto segreto i senatori possano perseguire interessi diversi rispetto alla propria coscienza è incredibile - dice - e ci auguriamo che si sia trattato di un malaugurato fraintendimento. Un chiarimento sarebbe quantomeno opportuno". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maugauros

    24 Ottobre 2013 - 16:04

    ...ci prende anche per l' orifizio anale! E sì, col voto palese, saranno tutti più liberi mentre, col segreto, saranno tutti condizionati dalla propria coscenza! Speriamo che questo individuo, tagliato con l' accetta, ci "faccia", altrimenti, qualora lo "sia", molte domande, dovranno, per forza, avere una giustificabile risposta!

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    24 Ottobre 2013 - 13:01

    PDR, un ex comunista. PDS, un ex magistrato dichiaratosi da sempre comunista. PDC, una ex commissaria ONU, che ha fatto più danni di uno tsunami, anche lei vetero comunista. Maggioranza 'bulgara', alla camera dei deputati, catto-comunista. Presidente della giunta parlamentare di giustizia(revoca di Berlusconi senatore)un vetero comunista. Per non parlare dei Tribunali e della imperante MALAGIUSTIZIA(magistrati simpatizzanti oppure aderenti alla sinistra ex comunista). CSM a maggioranza di ex giuristi di sinistra oppure ex comunisti.E chi più ne ha ne metta! E QUESTO NON E' UN REGIME? SI QUESTO E' IL REGIME CHE BENEVOLMENTE CHIAMO DI MALAGIUSTIZIA(che si può equiparare al peggiore dei regime stalinisti)

    Report

    Rispondi

  • arwen

    24 Ottobre 2013 - 11:11

    vedo che le idee nn sono chiare. Le leggi, così recitano i savi della sx, esistono x essere rispettate e valgono x tutti, ripeto, x tutti. Ora, premesso che la questione della decadenza di B. nn suscita in me particolari emozioni, rimane il fatto che io sono un cittadino di questo paese e vedere che la magistratura e altri poteri dello stato cerchino di cambiare la loro natura e di piegare le leggi al solo e unico scopo di far fuori un avversario politico, beh, mi da da pensare. Xchè, vedi, una volta che la porta è aperta e il principio è accettato, questo sistema può essere applicato a tutti e poi cosa ne sarà della democrazia? Cioè di quel poco che ne rimane? Xciò vedi, che sia proprio il Presidente del Senato, seconda carica della stato, a dire una cosa del genere, mi lascia molto perplesso e, dovrebbe, preoccupare tutti, xchè ho paura che con la favola dell'antiberlusconismo, in questo paese, abbiano attecchito poteri e idee nn proprio in linea con la costituzione. Rifletteteci su!

    Report

    Rispondi

  • blu521

    24 Ottobre 2013 - 09:09

    E sai quanto ce ne frega!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog