Cerca

La bordata

Compravendita senatori, De Gregorio: "Berlusconi lasci la politica"

L'ex senatore dell'Idv dopo il rinvio a giudizio attacca Silvio: "Molla la politica e libera l'Italia". Ira Pdl: "Sei famoso solo grazie a Servizio Pubblico"

Sergio De Gregorio

Sergio De Gregorio

Sergio De Gregorio gongola. Il gup di Napoli ha creduto alle sue confessioni e ha rinviato a giudizio Silvio Berlusconi per corruzione per una presunta compravendita di senatori avvenuta a fine 2006 per "far cadere il governo Prodi", sostengono i pm e lo stesso De Gregorio. L'ex sentaore dell'Idv e del Pdl ha patteggiato la sua pena a 20 mesi di reclusione.Insomma De Gregorio ha fatto finora bottino pieno. Ha mandato alla sbarra Silvio, si è preso la sua passerella da a Servizio Puvbblico dall'amico Michele Santoro e ora ha avuto anche il semaforo verde da parte del gup per patteggiare la sua pena. Ma a De Gregorio tutto questo non basta. Vuole pure che il Cav "si ritiri subito dalla vita politica".

"Silvio si ritiri" -  Forse De Gregorio teme che la via giudiziaria possa non bastare per far fuori Silvio e allora gli manda qualche consiglio: "Credo che questa vicenda acceleri il tramonto di un percorso politico ormai arrivato al redde rationem. Consiglio a Berlusconi di ritirarsi dalla scena politica, liberando l'Italia e la sua persona da tante infamie. Ho avuto un comportamento che oggi ritengo assolutamente disdicevole, finalizzato a ribaltare il governo Prodi in una sorta di guerra santa denominata dallo stesso Berlusconi 'operazione libertà. Mi sento sollevato da un peso, ho detto la verità. Oggi non rimetterei la mia intelligenza, la mia capacità operativa, le mie conoscenze internazionali al servizio di Berlusconi: quell'uomo non meritava il mio aiuto".

"Tu famoso grazie a Santoro" - A De Gregorio risponde Renato Brunetta che ricorda la sua parabola: da senatore dell'Idv a santone della sinistra anti-Cav: " "Il circuito mediatico-giudiziario e' in piena attivita'", dice Renato Brunetta. Il presidente dei deputati Pdl aggiunge: "Prima le calunnie strombazzate a 'Servizio Pubblico', che ha ospitato per l'occasione il senatore De Gregorio, campione del pentimento con accusa incorporata e pagata con l'innalzamento a eroe, poi il passaggio del testimone da Santoro-Travaglio al giudice di Napoli che ha disposto prontamente un nuovo processo contro Berlusconi. Dov'e' la novita'? La guerra dei vent'anni contro il leader di Forza Italia - sottolinea - diventa la guerra dei ventuno, ventidue anni. Questa spaventosa macchina che calpesta diritto e decenza e' ormai come un alieno impazzito, che pero' sa benissimo chi divorare". "Gli italiani onesti - assicura - non rinunceranno a cercare e ottenere vera giustizia usando tutti gli strumenti della democrazia e della non violenza".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • colombinitullo

    26 Ottobre 2013 - 17:05

    caro trilaureato di seconda mano ma lei è splendido quando fà dell'ironia,si manifesta in tutta la sua potenza lessicale e partorisce pensieri che non lasciano spazio alcuno ad un suo eventuale ravvedimento;lei è scemo(lo ho già detto altre volte)ma,forte delle tre lauree ampiamente sbandierate su questo sito(dove le ha prese?,quanto le ha pagate? è vero?)non vuole rendersene conto pertanto la prego di sottoporsi a banali test di intelligenza e solo allora capirà.Non si riproduca assolutamente,si masturbi e basta sino al rimbambimento che sarà raggiunto senza fatica alcuna.

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    26 Ottobre 2013 - 15:03

    menomale che apparteneva ad Italia dei Valori e si è fatto corrompere,ora, per svelare i retroscena è tutto gratis?

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    25 Ottobre 2013 - 10:10

    Infatti temeva il processo già da tempo: Iersera a Porta a Porta, Cuperlo ha detto che l'impianto del processo non lascia scampo, in pratica. Fitto ha detto una cinquantina di cose solite ''votato dagli italiani'', troppi processi contro ma ha glissato che i famosi 34 processi (cifrati in 100 o 200 in altre occasioni anche da B,)in realtà sono in parte per ingiuria, per eredità ecc.. La magra figura di Fitto è un segno delle consegne ricevute di sviare l'attenzione. Nel paese c'è ormai la convinzione che un politico è avulso dalla Legge. Gli altri devono rispettarla. Declino italiano targato Berlusconi & C.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    25 Ottobre 2013 - 10:10

    Stai zitto. Vuol comandare il Brunetta... Poi minaccia ''guerriglia''. Se la guerriglia è armata, lui che arma tirerà fuori? Una pistola...tanto piccola che la chiamano....p...lino.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog