Cerca

Interventismo

Quirinale, vertice sulla riforma elettorale. La Lega Nord: "Inaudito"

L'irrituale incontro al Quirinale. Insorge la Lega Nord: "Inaudito, le leggi le fa Parlamento". Franceschini: "Non c'è iniziativa di governo"

Giorgio Napolitano

Il domatore Napolitano

Lo chiamano "Re Giorgio". E' il presidente della Repubblica, Napolitano, l'inquilino del Colle che dell'interventismo ha fatto la sua cifra politica. Ed eccoci all'ultimo, emblematico, caso: un vertice sulle riforme elettorali, al Quirinale, convocato dal presidente della Repubblica in persona. E' successo nella mattinata di oggi, giovedì 24 ottobre, e la notizia è filtrata nel pomeriggio.

Al cospetto di Re Giorgio i ministri Dario Franceschini e Gaetano Quagliariello, nonchè i capigruppo di maggioranza al Senato e il presidente della Commissione permanente affari costituzionali del Senato, ossia Anna Finocchiaro. Un incontro decisamente inusuale e irrituale. Da che l'Italia è una Repubblica, infatti, le leggi sono di stretta competenza Parlamentare. Eppure, al tempo di Napolitano, capita anche che la prima carica istituzionale "si sporchi le mani" con le riforme. 

La notizia del vertice ha scatenato la violenta reazione della Lega Nord. "Ritengo inaccettabile, inaudito e assolutamente non previsto dalla Costituzione il vertice di maggioranza che di fatto ha convocato oggi il presidente Napolitano al Quirinale", ha dichiarato Roberto Calderoli. "Lui - insiste - deve essere il presidente di tutti e non di maggioranza, e non spetta certo a lui convocare vertici di maggioranza soprattutto in relazione a una materia squisitamente parlamentare come la materia elettorale". 

Napolitano, soltanto ieri, parlando alla conferenza dell'Anci era tornato a insistere sull'approvazione delle riforme istituzionali entro il 2014, per prima proprio la cancellazione del Porcellum. Dopo le accuse della Lega, Franceschini si è difeso negando il fatto che la presenza del governo al vertice quirinalizio fosse legata a un'iniziativa dell'esecutivo sulla riforma: "Eravamo lì in veste di ministri competenti. Non c'è iniziativa del governo. La riforma elettorale è materia parlamentare".

In serata dagli ambienti del Qurinale si è saputo che Napolitano ha intenzione di convocare nei prossimi giorni e nelle modalità più opportune anche i leader delle opposizioni per discutere delle riforme che sono all'esame del Parlamento. L'intento del Presidente, come sempre in caso di cambiamenti istituzionali, è quello di cercare massima concordia tra tutte le componenti, senza dover andare avanti a colpi di maggioranza. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    25 Ottobre 2013 - 11:11

    Farebbero bene a leggersi la Costituzione. Trovo più assurdo stare zitti quando si presenta il caso di stimolare il Parlamento .Trovo che é imparziale poiché c'erano i due schieramenti che avevano promesso la revisione del Porcellum.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    25 Ottobre 2013 - 11:11

    Irrituale? E' un P. della Repubblica voluto da dx e sx. Altri erano solo di una fazione. Ora convocare parlamentari per sapere a che punto é la legge elettorale che i due schieramenti avevano promesso, non é incostituzionale. Dagli atti della costituenda nostra Costituzione, l'intervento-solo verbale- del Capo dello Stato nell'interesse del paese non é escluso. Napolitano non fa le leggi ma ha stimolato gli ''addetti'' a farla, come conclamato all'atto della nascita di questo governo. Infatti gli schieramenti , per ragioni diverse, dimenticherebbero quel proposito ma la situazione politica di conflittualità, consiglia che almeno si sappia con quali regole si andrebbe al voto e non con una ''porcata' , definita così da chi l'ha voluta.

    Report

    Rispondi

  • ketaon_01

    25 Ottobre 2013 - 08:08

    Parola che questo non conosce. Cervello in acqua e incapacità di intendere e volere. Cosa ci fa li a parte garantire le poltrone ai rossi. Nonno vattene a casa sei inutile , un peso per gli italiani e sinceramente come presidente fai schifo.

    Report

    Rispondi

  • er sola

    24 Ottobre 2013 - 20:08

    seguire alla lettera le disposizioni di uno che, in gamba quanto vi pare, ha sempre più di ottant'anni.

    Report

    Rispondi

blog