Cerca

Uomo ai vertici del Nazareno

Chiamparino indagato per abuso in atti di ufficio

L'espontente del Pd, oggi presidente della Compagnia di San Paolo, nel mirino della magistratura per la gestione dei locali dei Murazzi sul lungo Po

Sergio Chiamparino

Sergio Chiamparino

Indagato Sergio Chiamparino, l'ex sindaco di Torino. L'ex primo cittadino del Partito democratico è finito nel mirino dei pubblici ministeri per la gestione dei locali dei Murazzi sul lungo Po. I pm gli hanno fatto recapitato un avviso di garanzia: l'ipotesi di reato è quella di abuso in atti di ufficio. Ancora non si conoscono i termini delle contestazioni. Secondo quanto si è appreso, i magistrati avrebbero intenzione di ascoltare Chiamparino nel corso delle prossime settimane. L'ex sindaco, oggi, è presidente della Compagnia di San Paolo.

"Lascio" - Chiamparino, pur dicendosi "sereno e pronto a collaborare con la magistratura", ha annunciato che rimetterà il mandato al Consiglio generale della Fondazione già convocato per lunedì prossimo. "Sono assolutamente sereno e pronto a collaborare con la magistratura, convinto come sono di aver sempre cercato di perseguire l'interesse generale della Città, quindi anche a proposito delle concessioni di locali sui Murazzi del Po, oggetto dell'indagine - sottolinea - rendendomi tuttavia conto dei possibili danni reputazionali che questa vicenda potrebbe arrecare alla Fondazione, che ho l'onore di presiedere, e per tenerla al riparo da questioni ad essa totalmente estranee, rimetterò il mio mandato al Consiglio Generale, già convocato per lunedì prossimo".

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    25 Ottobre 2013 - 11:11

    La Magistratura fa bene. Un paese corrotto fino al midollo, occorre - al presentarsi di dubbi - fare chiarezza. E' nell'interesse del paese, degli amministratori e degli amministrati. Le critiche alla Magistratura sono qui sciocche. L'avviso di garanzia non é condanna né presunta condanna. Il cittadino sa che su un suo comportamento che ha suscitato dubbi in qualcuno, si indaga. E' un avviso che garantisce il cittadino. Commenti sin qui idioti.

    Report

    Rispondi

  • geompiniliberoi

    25 Ottobre 2013 - 07:07

    non illudiamoci, tutto studiato fara un figurone dando le dimissioni ,tutto finisce in niente e un altro sinistronzo eroe con i media al seguito

    Report

    Rispondi

  • operalnero

    24 Ottobre 2013 - 22:10

    imbastisce la solita sceneggiata che finirà in un nulla di fatto.Considera tutti i cittadini dei deficienti,ormai il gioco è troppo scoperto.

    Report

    Rispondi

  • ectosilver

    24 Ottobre 2013 - 20:08

    Ovviamente verrà prosciolto alla prima telefonata dei suoi "compagni" al P.M.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog