Cerca

La strategia

Decadenza, oggi la Giunta decide sul voto palese o segreto per Berlusconi

La denuncia arriva da Buemi (Psi-Autonomie): "Ci tempestano di telefonate. C'è pressione perchè passi lo scrutinio palese". La Lanzillotta frena: "Voteremo per il segreto"

Decadenza, oggi la Giunta decide sul voto palese o segreto per Berlusconi

Oggi il Senato riprende i lavori per mandare avanti leoperazioni di voto sulla decadenza di Silvio Berlusconi da palazzo Madama. Alle 15 la giunta per il Regolamento dovrà votare su una richiesta di modifica che prevede in voto palese e non quello segreto in Aula sulla decedenza del Cav. In Giunta c'è aria di tensione. Secondo indiscrezioni, però, i favorevoli al voto palese sarebbero, anche se di strettissima misura, in minoranza.

"Voteremo con scrutinio segreto" - L'ago della bilancia sembra essere nelle mani della senatrice di Scelta Civica Linda Lanzillotta, che sembrerebbe più propensa al no: "Sono contraria alle leggi ad personam - dichiara - ma anche a quelle contra personam". Ma a quanto pare ci sono pressioni forti sulla Giunta perchè venga approvata la modifica al Regolamento. "Sono centinaia le telefonate che da stamattina stanno intasando i telefoni del Gruppo Autonomie-Psi per esercitare pressione affinché il voto sia palese. Ciò sta impedendo di chiamare dagli uffici all'esterno bloccando qualsiasi attività, perché le telefonate arrivano al centralino che ha l'obbligo di passarle senza alcun filtro", afferma il senatore del Psi, Enrico Buemi. Che aggiunge: "è un inaccettabile modo di fare pressione. Già abbiamo subito il mail bombing sulla decadenza per la Giunta sulle elezioni. Se questa e' democrazia di massa, bisogna riflettere se non sia meglio un ritorno al passato quando il rapporto era con le persone e non con acefali esecutori di telefonate".

"Pressioni insostenibili" - Insomma a quanto pare le minacce e le pressioni per inchiodare il Cav all'umiliazione di un voto palese sulla sua decedenza sarebbero forti e incessanti. Le "vittime" sono i partiti minori, come il gruppo delle Autonomie-Psi e anche quelli che sono ago della bilancia come Scelta Civica. Qualunque decisione venga presa dalla Giunta deve poi passare dall'Aula dove può essere ratificata con un maggioranza assoluta. La Giunta per il Regolamento è costituita da 13 membri. Il presidente è Pietro Grasso che per prassi non vota.

Grasso fazioso? -
 Il presidente del Senato aveva comunque dichiarato qualche giorno fa: "Col voto palese tutto sarebbe più chiaro". Frase che ha sctenato le ire del Pdl che con Renato Schifani ha definito "inaccettabili" le parole di Grasso. Ora la patata "bollente" passa nelle mani della Giunta. Pdl, la Lega e Gal dovrebbero votare per il voto segreto,ma Pd, M5S e Sel per quello palese. C'è però da precisare che diversi esponenti democratici “sono contro le leggi ad personam e anche contro quelle contra personam”. In sostanza non accetterebbero un cambio del regolamento tarato solo sul caso Berlusconi. Tutto può succedere. Ma probabilmente alla fine si voterà col voto segreto per una scelta di buonsenso. 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    31 Ottobre 2013 - 11:11

    cara puccetta, ovviamente volevo scrivere Gianni Letta, zio di Enrico e uomo di fiducia del delinquente abituale...

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    30 Ottobre 2013 - 10:10

    cara puccetta, la esorto a leggere cosa sono capaci di scrivere i suoi sodali, tutte personcine a modo, educate e civili. come no! ma il suo pensiero è identico a quello del più stupido dei berlusconiani. le rammento che per l'affarone che fece la Mps nella compravendita di una banca c'è di mezzo enrico letta, advisor esterno della goldaman sachs dal 2007. sa cosa significa? significa che la banca senese ha comprato al triplo del prezzo una cosa anche grazie a chi è, di fatto, il suo idolo delinquente. le rammento che nella Mps il cda era composto anche da personaggi non solo di sinistra ma anche di destra, e decisi direttamente dal suo eroe da Hardcore. ma sorvoliamo sul fatto che secondo il suo pensiero tutti sono colpevoli, quindi nessuno lo è? Grillo, che non è mai stato Pdc, è stato condannato per un reato colposo. la conosce la differenza tra reato doloso, colposo e preterintenzionale? evidentemente no... BANANAS!

    Report

    Rispondi

  • puccetta

    29 Ottobre 2013 - 18:06

    Se pensarla come lei vuol dire esprimersi nel modo volgare con cui lei si esprime, ringrazio Dio di avere idee diverse dalle sue. Da fiorentina doc le dico che il caso Mps è risaputo dalla notte dei tempi; qui non muove foglia che Pd non voglia. Persino il tanto odiato porcellum noi lo applichiamo da ben prima che divenisse nazionale. Resta un fatto oggettivo: la costituzione afferma che una legge non può essere retroattiva (forse sbagliando o forse no) ergo la Severino è palesemente anticostituzionale sia che valga per Berlusconi sia per un signor Rossi qualunque. E le ricordo che negli ultimi 20 anni Dx e SX hanno governato più o meno gli stessi anni e che l'uomo che l'europa considera pessimo e inadeguato la sinistra lo voleva Presidente della Repubblica (e non perchè lo dice Libero bensì perchè lo dicono i carteggi tratti dalle riunioni del consiglio d'europa che si trovano ampiamente in rete e sul sito ufficiale).Se poi lei non fosse di sinistra,beh Grillo è altrettanto deliquente

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    29 Ottobre 2013 - 14:02

    eccolo l'ennesimo coglione berlusconiano. veramente renatino sta per enrico de pedis, famoso bandito di roma, un bel personaggino che sarebbe nelle vostre fila se fosse ancora in vita. per quanto riguarda la banca senese, non sono io che sono convinto del fatto che anche il Pdl sia coinvolto nello scandalo, ma sono i fatti i dimostrarlo: "Per il via libera ad Andrea Pisaneschi quale espressione del Pdl nel Cda di Mps e di Carlo Querci come ”espressione dei soci privati”, Gianni Letta telefonò a Silvio Berlusconi e poi richiamò Gabriello Mancini, presidente della Fondazione Mps, dicendogli che ”il presidente aveva dato il suo assenso”. Lo ha detto Mancini ai pm." per non parlare del fatto che Gianni Letta è advisor esterno della Goldman e dal 2007. con Penati, invece, non centra un cazzo. IDIOTA! ma pensa che tu voti un frodatore fiscale, un corruttore di giudici e un puttaniere, possibilmente se minorenni, oltre che un pessimo affarista(ALITALIA)... sempre a parlare di cazzate...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog