Cerca

La decadenza del Cav

In Senato il voto può tornare segreto. Ecco come

La decisione della giunta per le elezioni potrebbe essere ribaltata da una richiesta firmata da almeno venti senatori

Non è detta l'ultima parola. Nel senso che il sistema di voto palese indicato oggi dalla giunta per elezioni del Senato potrebbe tornare segreto quando la vicenda della decadenza di Silvio Berlusconi approderà effettivamente all'aula di Palazzo Madama. Basterebbe infatti una richiesta, motivata e firmata da almeno venti senatori, che poi dovrebbe essere a sua volta approvata dai senatori. La data del voto al Senato non è stata ancora fissata. Ieri l’aula ha respinto la richiesta dei Cinque Stelle di votare il 5 novembre, mentre il calendario di Palazzo Madama è ormai “pieno” fino al 22.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    30 Ottobre 2013 - 19:07

    E' verissimo: si può presentare una richiesta "motivata" da almeno 20 senatori. Ma quella richiesta si vota con scrutinio palese.

    Report

    Rispondi

  • milkoshka

    30 Ottobre 2013 - 16:04

    ma non sapete piu' su quali specchi arrampicarvi! e' chiaro che se il senato vota sulla proposta dei venti senatori il pdl non ha i numeri per farla approvare...

    Report

    Rispondi

  • milkoshka

    30 Ottobre 2013 - 16:04

    ma non sapete piu' su quali specchi arrampicarvi! e' chiaro che se il senato vota sulla proposta dei venti senatori il pdl non ha i numeri per farla approvare...

    Report

    Rispondi

blog