Cerca

Il partito va alla conta

Il piano delle colombe
per la nuova Forza Italia:
no a Monti e Casini, ma Silvio...

Pronto il testo della mozione che gli alfaniani intendono portare al Consiglio nazionale azzurro

Angelino Alfano

Alfano, il segretario del Pdl

Il documento delle colombe per mantenre in piedi il Pdl in vista del Consiglio Nazionale dell'8 dicembre, come aveva già annunciato Roberto Formigoni è pronto. A rivelarlo è Affaitaliani.it. In sostanza da quanto emerge dal documento gli alfaniani dicono sì a Berlusconi padre nobile del Pdl, ma chiedono comunque primarie per la leadership del partito. L’unità del partito viene sottolineata fin dall’inizio e vengono respinte ipotesi di fughe verso il centro di Casini e Monti. Ma le colombe chiedono un cambiamento radicale dentro il partito: “Riteniamo che le giuste esigenze di democrazia e meritocrazia interna debbano essere soddisfatte senza rinnegare la grande novità del berlusconismo”, recita il documento.

"Sì alla destra no al centro" -
Insomma, si chiede a Berlusconi di farsi da parte, ma senza rinnegare il suo passato. E ancora: "Noi abbiamo testa, cuore ed entrambi i piedi ben piantati nel centrodestra", si legge nel documento segreto. Sulle future alleanze c'è una black list dettagliata. Gli alfaniani chiudono le porte ad un nuovo centro con Mario Mauro e Gabriele Albertini, ma nemmeno con l'Udc di Cesa e Casini. Ma l'apertura arriva però verso destra: "Siamo totalmente lontani dalle sirene del neocentrismo, da sottolineare il valore di una destra che è uscita dalla dimensione minoritaria e ha scelto di condividere fino in fondo un progetto e una sintesi comuni".


Nodo cariche - Nodo fondamentale è quello sull'azzeramento delle cariche già deciso da Berlusconi con il lancio di Forza Italia dopo l'ufficio di presidenza dello scorso 25 ottobre. Gli alfaniani precisano: "E' decisiva l'affermazione di un binomio fondato su Silvio Berlusconi e Angelino Alfano". L'azzeramento "ha il solo scopo di provocare una frattura nel nostro movimento". Poi arriva la professione di fede verso il governo Letta: "Nei primi suoi mesi di attività ha realizzato punti importanti del programma del centrodestra".

"Letta deve restare" - Ma mettono un punto fermo: "Noi non accettiamo lezioni da nessuno nella lotta contro l'uso politico della giustizia". Infine arriva un messaggio per i falchi: "Noi crediamo che la stabilità e l'azione di governo siano una risorsa da preservare". E aggiungono: "Lo scontro fine a se stesso finirebbe infatti per marginalizzare il centrodestra, a vantaggio della sinistra. E ci renderebbe estranei a quella famiglia popolare che è la casa dei moderati in Europa".

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • metallurgico

    31 Ottobre 2013 - 23:11

    Qui si sentono cose assurde e demenziali: Un governo che e' schiavo della sx e asservito alla germania, lo definiscono una "risorsa da preservare". E la democrazia che fine ha fatto? E poi esiste "La famiglia popolare" Puzza di ipocrisia comunista lontano un miglio. E il liberismo che fine ha fatto? E poi "La casa dei moderati in europa" C'e' da non credere dopo che l'europa non ci caga neanche di striscio e ci spinge verso il fallimento e la poverta' Ma che cazz.. avete un gelone al posto del cervello??????? Voi pensate soltanto alle vostre poltrone e all'europa complice che ve li mantiene in cambio del vostro appoggio alle loro regole assurde che stanno strangolando il paese.

    Report

    Rispondi

  • mich123

    31 Ottobre 2013 - 10:10

    Alfano: "abbiamo testa, cuore ed entrambi i piedi". Si, ma il quid te lo puoi scordare.

    Report

    Rispondi

  • ambastianelli

    31 Ottobre 2013 - 09:09

    Basta fatela finita ,state dando un sostegno a chi ,a giochi fatti vi fara' fare la fine di FINI, loro hanno una sola regola* USA E GETTA* (non che Fini non la meritasse......INTENDIAMOCI)

    Report

    Rispondi

  • gici50

    31 Ottobre 2013 - 09:09

    Chi è che avrebbe i voti? Cicchitto? Quagliariello? Lorenzin? Formigoni, soprattutto dopo le sue poco edificanti vicende che lo vedono coinvolto sul piano giudiziario? Alfano, al di fuori di voti raccolti in maniera clientelare in Sicilia? Questi sono solo capitani senza truppe e per di più traditori!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog