Cerca

Manovre azzurre

Berlusconi: "Sono già all'opposizione"

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi non può credere che sia vero: la scelta della Giunta per il regolamento che ha imposto il voto palese sulla sua decadenza l'ha lasciato senza parole. "Stanno facendo di tutto per eliminarmi" ha detto il leader azzurro a chi ha avuto la fortuna di parlargli mercoledì sera. Adesso la linea che vuole seguire il leader azzurro è quella dell'intransigenza falchista. Loro, i lealisti guidati da Daniela Santanché, Denis Verdini e Raffaele Fitto, sono gli unici che Silvio ascolta ancora. Le colombe no: i ministri del Pdl sarebbero dovuti andare a pranzo da lui poco dopo la decisione della Giunta, ma Silvio ha detto a tutti di restare a casa. "E cosa dovremmo dirci?", ha ironizzato. Il morale è a terra, lui è arrabbiato e le parole sulla necessaria stabilità governativa fanno venire l'orticaria al Cav. I falchi, almeno nelle stanze di Palazzo Grazioli, hanno vinto. 

Opposizione - Nella serata di mercoledì è stato Fitto a far capolino in via del Plebiscito. Il leader pugliese è entrato in punta di piedi a casa del Cavaliere per dispensare consigli: "Cosa aspetti a far saltare tutto?". Il piano dei falchi è tanto semplice quanto duro: abbandonare la nave del governo e tirar dritto a nuove elezioni. Ci sarebbe il tempo di una campagna elettorale lunga e completa; il Pdl potrebbe organizzarsi e presentare uomini e amazzoni pronte a tutto pur di vendicare Berlusconi. Il Cav ci sta. Pare che ai presenti abbia detto: "Io sono già all'opposizione", provando a far fare il pieno di entusiasmo a chi gli chiedeva proprio l'ennesimo colpo di reni. Secondo i falchi, infatti, c'è bisogno di una reazione, di un atto che possa risollevare Berlusconi e Forza Italia

Alfetta - In cima alla lista c'è l'addio al governo. "La mia testa - dice Silvio - è ormai diventata una coccarda da mettersi addosso l'8 dicembre" e allora, pensa, è giusto fare un passo in avanti prima che sia troppo tardi. Il primo a cadere non deve essere lui, ma Enrico Letta, espressione di quel Pd che s'è inventato regole nuove pur di eliminarlo dal Senato. E allora via. Insieme al premier cadranno i ministri azzurri, ma adesso a Palazzo Grazioli di loro importa poco. Non sono considerati traditori, ma pagano il costante dialogo con i democratici e, soprattutto, il loro voler stare al governo a tutti i costi. I falchi non vedono l'ora di far pesare i loro numeri in Parlamento e sono pronti a ripartire per una nuova avventura che avrà in un Berlusconi ferito il suo naturale leader.

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Tobyyy

    01 Novembre 2013 - 00:12

    Questo, deve insegnare, che ai comunisti bisogna schiacciare la testa sul nascere e fanno bene quando certi giudici fanno la fine che si meritano....!

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    01 Novembre 2013 - 00:12

    Oh sì, come sarebbe bello vedere in diretta i miei nipotini rompere i denti e farli ingoiare ad un comunista come te....!

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    31 Ottobre 2013 - 23:11

    Questo, deve insegnare, che ai comunisti bisogna schiacciare la testa sul nascere e fanno bene quando certi giudici fanno la fine che si meritano....!

    Report

    Rispondi

  • eaman

    31 Ottobre 2013 - 16:04

    Il giorno della sentenza Epifani ha detto che avrebbe votato per la decadenza e non avrebbe mosso un dito per salvare Silvio. Cosa e' cambiato? Chi lo ha obbligato ad ammucchiarsi con il PD? C'e' qualcuno che pensava che PD o M5S si sarebbero inventati uno stratagemma per salvare B.? E se il governo non cade per le europee cosa fanno quando si beccheranno una disfatta elettorale clamorosa con forza italia fuori dal PPE?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog