Cerca

Il pallottoliere

Letta: "Ho i numeri", ma l'incubo è Renzi

Enrico: "Posso governare". Ma la sua maggioranza rischia di essere come quella di Mortadella. E se per caso Matteo decidesse di andare al voto...

Enrico Letta e Matteo Renzi

Enrico Letta e Matteo Renzi

Il ricordo del 2 ottobre riecheggia come un mantra nella mente di Enrico Letta. Il premier è convinto che la decadenza del Cav sia faccenda separata rispetto alle sorti del governo ed è sicuro di poter andare avanti. I calcoli se li è fatti per bene: sono 166 i senatori che lo sostengono e, oltre a Pd e Scelta Civica, ci sono 20 (ex) Pdl, alcuni fuoriusciti dai 5 Stelle e i quattro senatori di Gal. La fotografia che Letta non può dimenticare è quella che ritrae Gaetano Quagliariello con "la lista dei 24" scattata proprio il due ottobre a Palazzo Madama. "Non posso cadere - continua a ripetersi - perché ho i numeri". 

Pochi - Certo, i calcoli del premier non sono sbagliati e la storia di quest'ultimo mese non fa che dar forza ai suoi ragionamenti. Però Letta sa che sarà costretto a perdere una grandissima fetta di senatori: rinunciare a 71 Pdl non sarebbe affare da poco perché la sua maggioranza da bulgara diventerebbe prodiana. Appena cinque, infatti, sarebbero i senatori sopra l'asticella minima (fissata a 161) e quindi ogni voto sarebbe sinonimo di patema d'animo. I rischi sarebbero alti e, quanto meno, il governo sarebbe costretto a negoziare di più, sempre di più, ogni provvedimeto con i componenti della maggioranza che avrebbero tutt'altra voce in capitolo rispetto a questi primi sei mesi di legislatura. 

Ad esempio i dem - E' proprio questo a turbare Letta: vuole comandare, non fare il negoziatore. Soprattutto il premier non vuole dover trattare con i suoi, con quelli del Pd. Una maggioranza risicata, infatti, farebbe solo il gioco dei suoi avversari interni del Pd che avrebbero la possibilità di manovrare il governo dall'esterno a colpi di piccole minacce. Un nome su tutti: Matteo Renzi. Il sindaco di Firenze diventerà segretario del Pd l'8 dicembre e da lì partirà la sua corsa verso Palazzo Chigi. Può aspettare la primavera 2015 (come spera Letta) ma potrebbe anche ingolosirsi e anticipare i tempi di un bel po'. E allora potrebbe sfiancare il governo per debilitare letta, i lettiani e le colombe azzurre che lo seguiranno. La premiership vale, sicuro, più del patto siglato dal pisano Letta e dal fiorentino Renzi. E non è escluso che il sindaco possa sferrare il colpo della vita pur di diventare il solo uomo al comando.

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • agostino.vaccara

    31 Ottobre 2013 - 14:02

    diventerà una mina vagante!

    Report

    Rispondi

  • er sola

    31 Ottobre 2013 - 14:02

    Finirà anche peggio di prodi.

    Report

    Rispondi

  • encol

    31 Ottobre 2013 - 10:10

    Governare così non serve a nulla e a nessuno. Lei sta superando in sciocchezze il suo predecessore. NON è possibile ridurre un debito che supera i 2000Mld. mantenendo i parametri imposti dalla UE, SENZA TAGLIARE BRUTALMENTE LE SPESE. Lo scrivo in lettere maiuscole sperando che almeno le legga.

    Report

    Rispondi

blog