Cerca

Sfida dem

Gianni Cuperlo vola nei congressi provinciali, panico renziano

Quello che sarebbe dovuto essere lo sfidante è in testa nella conta delle sezioni: i pericoli per Renzi crescono di giorno in giorno

Gianni Cuperlo e Matteo Renzi

Gianni Cuperlo e Matteo Renzi

Piano piano, l'ultimo segretario dei giovani comunisti italiani sta scalfendo il (presunto) dominio del rottamatore: Gianni Cuperlo è in testa nei congressi provinciali del Partito democratico e Matteo Renzi per ora (ri)veste i panni dell'inseguitore. Che Cuperlo, nell'88 ultimo a guidare la Figc, potesse provare l'ebbrezza della testa proprio non se l'aspettava nessuno dei commentatori politici, ma chi nelle dinamiche dem ci sguazza uno scellino l'avrebbe anche puntato. Il Pci funzionava così e il Pd, che è il nipote prediletto, pure: le sezioni, i militanti e l'apparato hanno un potere immenso e quando in campo di sono i maestri delle tessere ecco che tutta questa forza viene allo scoperto. E si fa notare. 

Cento - I dati li ha sbandierati proprio il vecchio Gianni: su 76 congressi chiusi su cento, ben 48 candidati vincenti hanno in Cuperlo il loro "capo". Renzi, invece, si deve accontentare di appena 28 province conquistate e deve rincorrere. Certo, in alcuni capoluoghi i due sono fianco a fianco e i candidati bipartisan. Però il dato che emerge è netto: Renzi sta rischiando grosso nella conta interna e i risultati definitivi, che arriveranno il 6 novembre, preoccupano non poco il sindaco di Firenze. Pierluigi Bersani, uno smacchiato dalla storia, se la ride perché di Cuperlo è lo sponsor numero uno. "Non sta andando come credevano loro - dice - su questi qui finirà pari, forse qualcosina in più per noi". E' contento, ma ci va piano. Un po' perché è esperto di sconfitte all'ultimo chilometro, un po' perché, in attesa delle primarie dell'8 dicembre, vuole continuare a far passare Cuperlo come lo sfidante di Renzi e non viceversa.

Apparato - Ma come ha fatto Cuperlo a superare l'eterno giovane e promettente Matteo? Come scrive Maria Giovanna Maglie su Libero in edicola, "chi si stupisce sicuramente non conosce o non sa valutare come si muove, ragiona e sopravvive il corpaccione dell'ex partito comunista, che è anche lo stesso della scelta illiberale, ma per il corpaccione naturale e salvifica, del voto palese contro il Cavaliere". Chi comanda nei democratici, insomma, è chi ha nei cassetti delle scrivanie pacchi pieni di tessere: solo così si vincono i congressi, nonostante l'eterno giovane si sforzi di indossare jeans e camicie. Adesso il rischio è che il povero Matteo rimanga fermo o che, quanto meno, la sua leadership non possa essere a tutto tondo. Il Pd ha bisogno tanto di un capo che faccia il capo e sia, soprattutto, legittimato dalla base del partito. Di un leader spuntato non sanno proprio che farsene, anche se son maestri nel bruciare promesse. 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nebokid

    01 Novembre 2013 - 14:02

    Piu si sente parlare Cuperlo più ci si allontana da Renzi.

    Report

    Rispondi

  • Aprile2016

    01 Novembre 2013 - 13:01

    ***Quando una lentikkiara di pseudo giornalista affermò che nella Lega Nord firmavano anche i bambini, le televisioni ed i giornali ne hanno fatto come prima notizia per settimane. E non era vero niente. Di questi imbroglioni con DNA rosso sangue che prendono i giro milioni di BAMBA idioti e sinistrati sottomessi, se ne guardano bene i lecchini dell'informazione di amplificare lo scandalo. A già come disse Dalema-ilama, loro sono diversi. Di questo non c'è dubbio! Vero "orekkinto del tavoliere" inquisito? D'altronde dei "girini rossi" di Fognarossa (frazione di Bettola, PC paese di Ber-sani) loro se ne possono approfittare. L'ignoranza si taglia a fette con l'accetta. Che ridere, POVERACCI!!!*

    Report

    Rispondi

  • raucher

    01 Novembre 2013 - 12:12

    che i vecchietti stalinisti votino Cuperlo così come votarono bersani.Con i risultati che abbiamo visto.Non contenti insistono.Una delle tante palle al piede di questo infelice paese che ancora oggi sconta il peso d'aver avuto il più grande partito comunista d'Europa.

    Report

    Rispondi

  • huckleberry10

    01 Novembre 2013 - 11:11

    Sono sempre i soliti vecchi compagni, nel cassetto tengono sempre le solite reliquie, falce, martello, bandiera rossa, etc. Renzi forse è il candidato giusto, ma ha scelto il partito sbagliato, quindi non è certo un genio!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog