Cerca

Gli "innovatori"

Decadenza Berlusconi, 22 colombe firmano appello a Grasso: "No al voto palese". Ma il Pdl si spacca

"Il parere della giunta non è vincolante, Grasso imponga il voto segreto". Ma nella mossa degli alfaniani i falchi vedono una prova di forza. "Si comportano da gruppo autonomo"

Decadenza Berlusconi, 22 colombe firmano appello a Grasso: "No al voto palese". Ma il Pdl si spacca

Un appello che va incontro a Silvio Berlusconi, ma che spacca il Pdl. Un drappello di ventidue colombe al Senato (senza il vicepremier Angelino Alfano, ma con l'appoggio del ministro Gaetano Quagliariello) ha presentato un documento al presidente della Camera Alta Piero Grasso affinché ignori il parere della giunta per il regolamento e imponga comunque il voto segreto in occasione del voto di decadenza del Cavaliere. Tra i sottoscrittori dell'appello (autodefinitisi gli "innovatori") spiccano colombe di primissimo piano: manca Gaetano Quagliariello (solo per il suo ruolo nell'esecutivo), ma ci sono Roberto Formigoni, Carlo Giovanardi, Maurizio Sacconi, Luigi Compagna e Andrea Augello (componente Pdl e primo relatore nella stessa giunta). "Il parere della giunta per il regolamento del Senato sul voto palese - si legge in una nota diramata dagli innovatori -, oltreché tecnicamente infondato, contravviene alle regole della correttezza istituzionale. Non vi può essere infatti alcun dubbio - continua - sul fatto che il tipo di votazione in esame riguardi una persona e che dunque debba avvenire a scrutinio segreto". Il succo dell'appello a Grasso è: il parere della giunta non è vincolante, il presidente del Senato faccia valere le sue prerogative per garantire il voto segreto.

Falchi di cattivo umore - Tutto ok? Niente affatto. Perché la mossa degli "innovatori" è stata interpretata come una prova di forza da parte dei falchi. Insomma, un tentativo per sembrare agli occhi degli elettori e dello stesso Berlusconi, dopo lunghe settimane in cui sono stati dipinti come traditori, più lealisti degli stessi lealisti. "E' un modo di solidarizzare dividendo ridicolo", commenta Maurizio Gasparri. "Ma è solidale con Berlusconi nel gruppo al Senato del Pdl solo chi fa parte dell'elenco dei 22 più aderenti postumi - chiede l'ex ministro berlusconiano - o siamo, come credo, solidali tutti? Che giochetti antiquati. Berlusconi si sostiene in primo luogo tenendo uniti partito e gruppi parlamentari". Ancora più diretta è Manuela Repetti: "Si comportano come un gruppo autonomo - dice -. Mi sembra un comportamento del tutto anomalo da parte di chi appartiene a un partito che in Senato conta ben 91 rappresentanti con un suo capogruppo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • secondotentedi

    01 Novembre 2013 - 15:03

    ho solo scritto qualche punto,se permettete 6 ad esplodere, nelle polemiche ci sembrano motivi futili, poi per il resto forse hai torto tu, per quel che ti riferisci, è molto difficile avere risposte per questioni che richiedi, per un cittadino semplice, neppure nei 5 giorni 15 giorni a seguire, le opinioni vanno rispettate e ciascuno ha le sue proposizioni, calcolando che vi è un politico, e un imprenditore, con un patrimonio non indifferente, per questo secolo sarà difficile toglierglielo..., e che, è probabile si occupi in modo diretto di politica senza volerlo..., in quanto non indifferente, vi sono comunque altre cose da dire, grazie mille.(:

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    01 Novembre 2013 - 11:11

    E' vero quello che tu dici,anzi direi condivisibile. Tutti vogliamo trasparenza,tutti vogliamo processi più brevi,ma guarda caso,tutto questo avviene quando c'è Silvio.Non ti sembra una presa per il culo?A me,si.

    Report

    Rispondi

  • secondotentedi

    31 Ottobre 2013 - 23:11

    vorrei con esprimere un'opinione, quantificata in qualche punto se permettete 6 ad esplodere, nelle polemiche ci sembrano motivi futili, molte persone, cittadini hanno preferito il voto palese,forse perchè pare più trasparenza e informazione per le istituzioni e i cittdini,non trattandosi di un caso delicato, bensì che riguarda anche i cittadini, dopo aver spiattellato tutte le cose possibili, intercettazioni telefoniche ecc, per interessi economici e, od altre cose..., non si capisce perchè a lor signori non piaccia il voto palese, è un servizio anche quello,il cittadino forse sapeva, e sa, a chi accomunare tal voto come ovvio..., franco, od a altre cose...,conosce bene e sa che non v'è nessun santo, in parlamento,conosce il loro trascorso,il loro presente,ed è un diritto, conoscere meglio le loro opinioni,chiare,distinte, per poi potersi orientare meglio, nella scelta di un leader...,se e orquando anche le cornache li portasse in un futuro prossimo alla ribalta..., grazie mille.(:

    Report

    Rispondi

blog