Cerca

Piatto ricco

Aragoste e raccomandazioni ecco l'amicizia tra Ligresti e la Cancellieri

Secondo alcune intercettazioni il ministro avrebbe frequentato il resort Tanka insieme ai Ligresti banchettando a base di pesce. Ma lei smentisce: "Prima sì, ora non più"

Aragoste e raccomandazioni ecco l'amicizia tra Ligresti e la Cancellieri
Anche nella storia della Cancellieri qualcuno prova a tirare in mezzo il Cav. Lo fa Salvatore Ligresti. Secondo Ligresti circa due anni fa Anna Maria Cancellieri gli chiese di parlare con Berlusconi perchè potesse restare al suo posto di prefetto di "Parma o di Bologna", racconta Ligresti in una deposizione ai pm che risale al luglio 2012. Proprio mentre parlava con i magistrati mentre era indagato a piede libero Ligresti parla della Cancellieri, che in quel momento - plurime fonti indicano dovrebbe essere dicembre 2102 - non è più solo un prefetto ma è ministro dell’Interno nel governo Monti. Nel raccontare che altre volte si sarebbe fatto portavoce di esigenze altrui al cospetto di Berlusconi, cita Cancellieri che da prefetto gli avrebbe esposto il desiderio di restare in un incarico di cui si avvicinava la scadenza (non è chiaro in quale data se Parma o Bologna). La deposizione di Ligresti appare confusa ma indica comunque che i rapporti tra la famiglia e il ministro erano ben saldi da anni.

Aragoste con Ligresti -
 Insomma la linea tra casa Cancellieri e casa Ligresti era sempre calda. Il rapporto tra i Ligresti e la Cancellieri però va avanti da anni. Anche durante le vacanze. Secondo quanto racconta il Fatto Quotidiano, la Cancellieri frequentava il Tanka Village di Villasimius meta preferita dei Ligresti. Sempre secondo quanto racconta il Fatto, in quel resort c'erano ministri sottosegretari e...pure la Cancellieri che mangiavano a spese di Salvatore Ligresti. In un'intercettazione del 15 aprile 2013 l'ex amministratore delegato di Fonsai Fausto Marchionni parlava al telefono di aragoste con Alberto Alderisio, uomo vicinissimo a Ligresti: "C'è una tonnellata di aragoste. Una tonnellata! Invitiamo un pò di gente. Ogni aragosta pesa un chilo! Tu sai quante cene venivano fatte al Tanka...Poi c'è quello che non si sa, però sai...vengono fuori le cose più incredibili". La Cancellieri però respinge le accuse, lei le aragoste dice di non averle mai mangiate. Ma non rinnega le sue frequentazioni al Tanka: "Sì ci andavo, ma non negli ultimi anni...". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ladxdibrescia

    10 Novembre 2013 - 17:05

    Quale povera Giulia, cavalli a go go nel suo quartier generale a Pozzolengo nel centro recupero tossicodipendenti del suo ex marito con tanto di stalle in ferro battuto, stallieri, fantini, e saloni con affreschi

    Report

    Rispondi

  • Lino Raudi

    02 Novembre 2013 - 14:02

    Davvero lodevole la preoccupazione della Cancellieri. La risposta italiana (ma più obesa) ad Angela Merkel. Circa le condizioni di salute di Giulia "poverina". Quello che nessuno dice ma tutti sanno è che la bimbetta della famiglia Ligresti è anoressica da sempre. Ben diversa dalle cellulitiche rotondità della sorella amazzone. Che spendeva milioni per comperare cavalli coi soldi degli ignari sottoscrittori di polizze. Consoliamoci. Per quanto possano cadere in disgrazia, questi farabutti non moriranno poveri. Sicuramente gli interesserà ancora meno quanto costa un chilo di pane o di pasta. Povera Giulia.Tonnellate di trucco mai sono riuscite a nascondere una drammatica evidenza. La speculare somiglianza col padre Totò. Comunque grande imprenditrice. Basta vedere come è andata a finire colle sue borse di lusso marca "Gilli". Che genio. Ma il centrodestra si indigna. La Santanchè col suo tacco 40, i Larussa e tutti quelli che nel piatto del boss di Paternò hanno sempre stramangiato.

    Report

    Rispondi

blog