Cerca

La sfida infinita

Pdl, Giovanardi attacca Berlusconi: "Lui leader? Ma nemmeno per sogno"

La colomba non manda giù la leadership di Silvio: "Non potrà candidarsi. E' impensabile che guidi il partito. Senza di lui possiamo farcela". E su Marina: "Non può vincere"

Pdl, Giovanardi attacca Berlusconi: "Lui leader? Ma nemmeno per sogno"

Nel Pdl tira aria di tempesta. Il Cav ieri è stato molto chiaro: "Se si va al voto il leader del partito resto io e nessuno può mettermi da parte". Ma tra gli azzurri c'è tensione. Le colombe non hanno preso bene la rivendicazione della leadership da parte di Silvio. Così a far da portavoce dei governisti è Carlo Giovanardi che in un'intervista a Repubblica sbotta contro Berlusconi: "Lui leader? Ma nemmeno per sogno". Giovanardi è un fiume in piena: " In caso di elezioni, Berlusconi non sara' ancora il candidato premier del centrodestra perche' ''non puo'. Sara' interdetto. Lo sa benissimo''. E su Marina Berlusconi il parere non cambia: "Successioni dinastiche neanche per sogno'', afferma il senatore del Pdl, esponente dei Popolari Liberali. Anche perche', aggiunge, il partito non e' finito senza Berlusconi: ''Ma Forza Italia crede che possa piacere ai cattolici? Capezzone, Verdini, Bondi, Galan: sono tutti dei superlaicisti. Galan e' addirittura per il matrimonio gay''. E la scissione ''la faranno loro. Noi restiamo nel Pdl che abbiamo fondato''. A Berlusconi, Giovanardi contesta ''di volere un partito senza democrazia senza segretario, senza tesseramento. La Santanche' dice che e' vecchia politica, in una roba cosi' non ci voglio entrare''.

Lady Bondi zittisce le colombe - A zittire le colombe arriva il "cigno", lady Bondi, Mauela Repetti: "Avremmo dovuto trarre da giorni le conseguenze politiche necessarie - sostiene -. Questo governo è ancora il nostro? Possiamo stare seduti allo stesso tavolo del Pd?". La Repetti non volerà alto quanto i falchi, ma non per questo è più clemente con le colombe: "Quando guardo Quagliariello e quelli come lui - racconta - la Lorenzin, la De Girolamo, Lupi, mi chiedo - ma la riconoscenza? Certi valori condivisi fino a due mesi fa? Possibile che per opportunismo si possa ignorare il passato?". Lo scontro però non è solo sulla leadership del partito ma anche sulla legge di stabilità che il governo Letta si prepara a varare. L'indicazione di Berlusconi è chiara: "Non voterò mai un provvedimento che preveda nuove tasse". Una indicazione trasmessa chiaramente ad Angelino Alfano.

Alfano nel mirino - I ministri sono nel mirino dei falchi e Daniele Capezzone chiarisce il punto: "Ci sono stati colleghi, anche ministri, che quando venne presentata difesero la legge di Stabilità" Capezzone. "Alcuni di noi, invece, fin dall'inizio lanciarono un grido d'allarme, denunciando che il provvedimento conteneva più spesa, più tasse e una vera e propria stangata sulla casa. Qui non si tratta di imbracciare il fioretto e fare interventi di piccola cosmesi sulla signora Stabilità ma di prendere la sciabola. Le tasse non possono aumentare. Se qualcuno non è d'accordo ha l'onere di spiegarlo agli italiani. Personalmente sto preparando significative ipotesi di riscrittura su sei-sette punti decisivi. Perché con il testo attuale si vanno a colpire scientificamente le fasce sociali che votano centrodestra. E questo per noi è semplicemente inaccettabile". Insomma il Pdl ora si scontra sul muro della manovra. L'esame più duro per Alfano e i suoi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • al59ma63

    04 Novembre 2013 - 00:12

    Silvio e' da queste teste bacate che si deve difendere, smammali a Modena, a casa loro e a casa dei rossi, vedranno quante poltrone scalderanno senza Berlusconi, le uniche che scalderanno saranno gli scranni dei WATER. Che personaggi miseri e meschini i vari Alfano, Giovanardi, Lupi ecc..per i quali Silvio aveva posto fiducia e fatti eleggere: CHE SE NE VADANO!!

    Report

    Rispondi

  • mastergi84

    03 Novembre 2013 - 10:10

    Ma vi rendete conto che Berlusconi pretenderebbe un partito totalmente privo di persone pensanti che si affida a lui in tutto e per tutto senza mai dire A... Berlusconi sarà molto presto interdetto ai pubblici uffici per 2 anni, sarà ai servizi socialmente utili per 1 anno, secondo la legge Severino è incandidabile per 6 anni, ha altri processi in corso... Ma come può pretendere di essere lui il leader unico ed indiscusso, di essere lui a decidere tutto e comandare tutto??? Ma non vi rendete conto che a Berlusconi del Pdl o Forza Italia non importa un fico secco e che a lui importa solo ed esclusivamente di sè stesso!!! Non si fa scrupoli di portare il suo partito e l'Italia intera al disastro totale pur di tentare qualsiasi mossa disperata per salvarsi da una situazione personale estremamente compromessa!!! Come un capitano di una nave che punta a tutta birra contro gli scogli e guai a dire che sta sbagliando!!!

    Report

    Rispondi

  • peterparker

    03 Novembre 2013 - 09:09

    da analizzare...gli avranno gia' offerto una poltrona sponda pd, la storia democristiana si ripete all'infinito. certo fanno schifo questi ominicchi

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    03 Novembre 2013 - 08:08

    ma sognifica non soccombere ai diktac della santanchè che vuole il partito per se. E per la sua incapacità e voglia di potere lo sta portando alla deriva come ha fatto con la destra di Storace, è una nullità solo apparenza. Facciamo una scommessa tra Santanché forza italia candidata premier e PDl Alfano candidato premier chi avrà più voti? Io dico Alfano la pitonessa non la vuole nessuno è antipatica alla gente per la sua prosopopea ecco perché forza italia non sarà più quella del 1994 tanche Berlusconi ormai è in fase discendente si è circondato di incapaci e lui lo sa se no non metteva le colombe al governo. Non è stupido ha calcolato tutto.Sarebbe meglio che tutti i fozisti della prima ora si avvicinassero di più verso Alfano e le colombe e tornare allo spirito del 1994 quello dei martino pera urbani ghigo ecc.. Cavalcare la protesta no tax vera abbassare le tasse ma se continuano a dare retta alla santanché è finita . Magari avvicinarsi a tea party per dsalvare l'Italia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog