Cerca

La mossa

Marina Berlusconi non scende in campo ecco tutti i motivi del "no" a Silvio

Silvio è stato chiaro: "E' una leonessa ma non entrerà in politica". La Cavaliera preferisce occuparsi delle aziende. Un suo impegno nel partito l'avrebbe esposta al linciaggio delle toghe e della sinistra

Marina Berlusconi

Marina Berlusconi

Alla fine non scenderà in campo. Marina Berlusconi molto probabilmente resterà a Segrate a dirigere la Mondadori. Silvio Berlusconi sulla figlia è stato molto chiaro: " "Si parla spesso di lei, ma tutte le volte che si torna a parlare lei dice di no. Certo - aggiunge - sarebbe in grado di adempiere al meglio questo missione. Tutti hanno constatato la sua autorevolezza e il coraggio da leonessa con cui mi ha difeso. Ma - sottolinea il Cav - non è quella la sua vocazione". Chiuso, dunque, il tormentone mediatico: la Cavaliera non scende in campo. "Io sono un padre che rispetta la vocazione e la libertà dei propri figli. Ma se li conosco, sono sicuro - conclude nell'anticipazione del libro - che nessuno di loro si sente attratto dalla politica". Insomma "papà Silvio" ha compreso le ragioni della figlia. E sono tante.

Chi non la vuole -  Per prendere in mano il Pdl in un momento così difficile ci vuole coraggio. Il linciaggio mediatico su Marina si è spalancato ogni volta che da Arcore è uscita anche una minima indiscrezione sulla discesa in campo della Cavaliera. L'Espresso le ha dedicato una copertina parlando di "tutti i suoi segreti in Mondadori", ma anche Repubblica e il Fatto si erano preparati a picchiare duro su Marina. Dentro il Pdl l'ala delle colombe l'ha sempre mal digerita. Giovanardi, ormai vice-Alfano ha chiarito prontamente: "Se vuole prendersi il partito deve passare per le primarie".

I motivi del no -
 Insomma di avvicendamento dinastico un'ala del partito non vuol sentirne parlare. Marina col suo gesto e con i suoi ripetuti "no" ad una discesa in campo ha dimostrato umiltà. Lei resta ad occuparsi delle aziende evitando qualunque coinvolgimento che possa indebolire la sua immagine con un impegno politico costante. La satira di sinistra le ha già fatto capire che è meglio che resti a casa. Maurizio Crozza l'ha già messa nel mirino imitandola nell'ultima puntata del suo show.  Il suo cognome, va detto, pesa. Ma comunque non sarebbe riuscita a sostituire il padre nel cuore degli elettori. Una sfida impossibile la sua. Tenere insieme falchi, colombe e lealisti non è un'impresa da poco e lei lo sa bene. Anche un eventuale scontro con Renzi per la corsa a palazzo Chigi è rischiosissimo. Un flop elettorale della Cavaliera la brucerebbe in modo irrimedianile, ma inoltre affosserebbbe anche il padre. La discesa in campo della figlia sarebbe una scelta voluta da Silvio. E una caduta alle urne avrebbe conseguenze sul "brand" Berlusconi. Meglio lasciare il campo a qualcun altro. Lei pensa ad amministrare le aziende. E quello sa farlo bene. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ubidoc

    ubidoc

    03 Novembre 2013 - 12:12

    Ha visto la fine triste e solitaria del figlio del Padrino (III) . Michael Corleone. Morto come un cane.

    Report

    Rispondi

  • PAULPOGBA

    03 Novembre 2013 - 09:09

    E come programma elettorale di FORZA ITALIA con Berlusconi candidato Premier vorrei il seguente : -Via la Trise sulla prima casa -Riforma Del Catasto -Pugno duro in UE per revisione del rapporto deficit/pil=3% -Riforma della Giustizia( in italia per un processo,come detto da Libero, ci vogliono più di 1000 giorni) -Risoluzione esodati e riforma lavoro -Revisione riforma Fornero -Taglio alla spesa pubblica -Eliminazione delle PRovince (stima 5 miliardi di euro) -Taglio SERIO alle pensioni d'oro( Come sostiene Giorgia MEloni) -Revisione di Camera e Senato: è inutile avere 2 camere con gli stessi compiti, con conseguente riduzione dei parlamentari. -Via finanziamento ai parititi -Riduzione indennità parlamentare -Ulteriore riduzione dei consiglieri comunali -Diminuzione SERIA del cuneo fiscale. -LOtta all'evasione Con questi provvedimenti verranno rilanciati i consumi , e l'Italia ritornerà a crescere, attuando l'equazione di berlusconi: - tasse - pressione= + consumi + crescita

    Report

    Rispondi

  • PAULPOGBA

    03 Novembre 2013 - 08:08

    Sono un elettore di Berlusconi dal 1994,appena scese in politica. L'obiettivo di questo governo è mettere berlusconi alle strette in modo che questo faccia cadere il governo: Tutte le colpe saranno,così,addossate a lui. Un consiglio a Silvio: x evitare che la sinistra faccia questo brutto scherzo, anticipali: dimettitti come senatore e in primavera subito al voto con te candidato premier (alla Grillo). In questo modo la vittoria sarà nostra e potremmo allora si governare come abbiamo sempre fatto: meno tasse e via L'IMU (o TRISE). Il PD ha tradito il patto elettorale aumentando l'IVA e cambiando il nome alla tassa sulla prima casa (DA IMU A TRISE) : nel 2014 pagheremo un miliardo in più di tasse. Questo non è accettabile : il nostro è un partito antitasse e tale deve rimanere. Per le prossime elezioni possiamo optare x la seguente coalizione: Forza Italia,Lega Nord,A.N.(che si riformerà il prossimo 9 novembre)Fratellid'Italia,UDC e la vittoria sarà nostra.

    Report

    Rispondi

  • libero42

    03 Novembre 2013 - 03:03

    Macchè leonessa, a guardarla, con quelle labbra finte, sembra una papera. Dopo vent'anni di disastri, il nano vuole rifilarci pure la dinastia? Così l'Italia da buona ultima in Europa, passerà direttamente al Medioevo. Grazie ai bananas che lo votano ( 68% semi.analfabeti, fonte ICOS riportata da Libero, sul livello scolastico degli elettori Pdl).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog