Cerca

Anticasta a parole

M5S, le spese dei grillini: 1300 euro al mese per vitto e alloggio

M5S, le spese dei grillini: 1300 euro al mese per vitto e alloggio

"Spendi spandi effendi". Se ci fosse ancora Rino Gaetano accompagnerebbe così l'esperienza parlamentare della truppa grillina. Già perchè i Cinque Stelle non badano a spese. In  nome della "trasparenza e dell'apriscatiole" il M5S ha pubblicato sul suo sito tutti i rendiconti dei suoi eletti. Spese per alloggio, trasporti e banchetti in compagnia. Risultato? Vacanze romane. I Cinque Stelle non badano a spese.

Alloggi di lusso -  Marta Grande ama la bella vita. Lei 25 enne deputata del M5S non bada a spese e a Roma si gode tutti i privilegi di uno stipendio sostanzioso da parlamentare. Il Movimento Cinque Stelle ha pubblicato i rediconti delle spese dei parlamentari grillini. Ma in nome della trasparenza si scopre che la Grande si è un pò lasciata andare . Tralasciando gli ordinari 4 mila euro di caparra dei mesi precedenti, ci sono alcune rendicontazioni con cifre che si discostano dalla media dei colleghi. Capita che c’è chi supera i 10 mila euro di alloggio, chi supera i mille di vitto in un solo mese, chi invece spende 45 euro di noleggio bici e chi fa lievitare i costi sotto la voce varie. Marta Grande per marzo ed aprile avrebbe speso 12.365,42 euro in alloggio (con cifra zero nella voce caparre e 142,75 euro di solo vitto), scesi a soli 1.800,00 euro nel mese di maggio. Tante è che in quei due mesi la deputata ha restituito 2.692,38 euro e 1.953,88 euro a maggio. Su twitter c’è chi però lo fa notare: "Qui saltano gli altarini e la parlamentare #M5S Marta Grande ha speso in meno di due mesi 12365€ per un alloggio", e ancora "da osservatore,credo sia molto opportuno che @MartaGrande87 chiarisca i 12mila euro d'affitto pagati in marzo-aprile". Ma non finisce qui. Il deputato Antonio Ferraresi sempre per alloggio, spende 1.150 euro a marzo-aprile, e 2.512,50 a maggio. Si superano abbondantemente i mille euro mensili di affitto per molti altri parlamentari grillini Nicolò Romano paga 1600 euro, la Rostellato 1300 euro, la deputata Terzoni più di 1.700 euro, il senatore Giarrusso 1.640 euro.

Pancia piena - Ma anche sul fronte "vitto" non si bada a spese. Roberto Fico, presidente della Vigilanza Rai ha sopeso 1.312,08 euro  nel mese di maggio solo per mangiare. Mentre Paola Taverna, capogruppo M5S al Senato, 828 euro. Il senatore Fabrizio Bocchino tiene molto alla pulizia e ha speso tra marzo e aprile 1.814,70 per "abbigliamento e lavanderia". Insomma i grillini parlano di rivoluzione ma intanto stanno a tavola e camminano in doppiopetto...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luan

    02 Febbraio 2015 - 05:05

    ma perché non pensate ai ladri di forza Italia?

    Report

    Rispondi

  • fabiou

    08 Novembre 2013 - 22:10

    perche non scrivete che i grillini hanno rinunciato a ben 40 milioni di rimborsi elettorali??? e le loro spese di alcune migliaia di euro sono bruscolini in confronto al sistema marcio di raccomandazioni e amici di amici che ha spolpato questo paese . chi ha votato il fiscal compact e per il MES ha derubato gli italiani di MILIARDI DI EURO

    Report

    Rispondi

  • giannistecca

    05 Novembre 2013 - 18:06

    Perché gli italiani si tengono 950 parassiti attaccati alla pelle? E' una domanda che mi faccio ogni giorno e ogni giorno non so darmi una risposta. Giovani che non trovano lavoro, al sud circa il 40%, operai e impiegati che perdono il lavoro e sono nullafacenti senza stipendio, pensionati che non sanno più a che santo raccomandarsi per arrivare a fine mese, tasse che continuano ad aumentare e chi più ne ha più ne metta, e a Roma gozzovigliano perfino alle Camere. Tutti che dicono che la politica è corrotta fino all'osso, che non c'è più moralità, che si è perso qualsiasi valore civico, che non funziona più niente, che cresce l'anarchia. E cosa succede? Nulla. I paesi dell'est si sono rivoltati, quelli del medio oriente anche e da noi? Niente, calma assoluta. E' la paura? E' l'accondiscendenza verso i politici? E' il sistema italiano di arrangiarsi comunque? A me verrebbe voglia di imbracciare il fucile come nel '45 ma sono sicuro che sarei solo. Proprio non capisco. A quando?

    Report

    Rispondi

  • arwen

    05 Novembre 2013 - 17:05

    "Cu..lo che non vide mai camicia, quando la vide si fece chiamare Don cu..lo". "...1.312,08 euro nel mese di maggio solo per mangiare.." ci sono famiglie intere che con quella cifra ci devono campare per un mese...buffoni tali e quali agli altri. Alla faccia dei rivoluzionari! Voti buttati nel cesso.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog