Cerca

La farsa

Pd, scontro sulle primarie: "Chi fa il furbo pagherà"

Lotta tra Cuperlo e Renzi: "Ho vinto io", "No, dati truccati". La Pezzopane avverte: "Se qualcuno ha rubato non finisce qui". Finirà alla sbarra?

Pd, scontro sulle primarie: "Chi fa il furbo pagherà"
La lotta per la segreteria del Nazareno si fa sempre più aspra. La battaglia tra Matteo Renzi e Gianni Cuperlo è al veleno. Cuperlo, che sostiene di essere in vantaggio nei congressi provinciali, da giorni chiede di bloccare il tesseramento per evitare infiltrazioni. Ora però grida allo scandalo. La senatrice Pezzopane spiega: "Se qualcuno ha abusato delle regole pagherà il conto". Insomma i "cuperliani" sono sul piede di guerra e l'appuntamento è fissato all'8 dicembre, data in cui si aprirà il congresso nazionale per eleggere il segretario. La battaglia è destinata a diventare una guerra senza quartiere. Il Comitato di Gianni Cuperlo fa sapere che, in base ai primi dati in proprio possesso sui 250mila votanti, oltre il 50% avrebbe espresso la propria preferenza per candidati alle segreterie provinciali che al nazionale voteranno per l'ex Ds. Nel dettagio 49 su 85, mentre i renziani sarebbero 35 e  i ciavtiani a quota 1. 

"Solo menzogne" - Dati "falsi", è la replica dei renziani, che accusano Cuperlo, uomo di apparato, di voler "avvelenare i pozzi", e rivendicano 47 segretari provinciali che al nazionale sosterrebbero Renzi contro i 38 a favore di Cuperlo. Dal fronte renziano si sottolinea inoltre come i congressi locali facciano storia a sé e ci sia anche un dato di mescolanza territoriale. "Da regolamento - attacca Stefano Bonaccini, coordinatore della campagna per le primarie del sindaco - è fatto divieto di collegare le candidature locali con quelle nazionali". Oggi la bagarre Pd fa tappa a Trapani dove per un solo circolo sono andati in scena addirittura due congressi con tanto di elezione di un 'doppio' segretario. A Cosenza invece i renziani hanno presentato ricorso alla commissione nazionale denunciando uno stop ai tesseramenti che "contribuisce a turbare lo svolgimento della competizione".

"Bloccare il tesseramento" - Cuperlo insiste nella proposta, al momento però non accolta, di chiudere il tesseramento prima dell'avvio della seconda fase del congresso, quella che vede i candidati segretari nazionali misurarsi con il voto degli iscritti, che inizia la prossima settimana. E, pur convenendo sul fatto che si tratta di episodi circoscritti, si dice "angosciato" da tutta la vicenda che "ha a che fare con la trasformazione del modo di essere di un partito". "La verità - sottolinea il bersaniano Alfredo D'Attorre - è che tenere aperto tutto fino alla fine non ha funzionato. E' stata una scelta votata da tutti ma forse dovremmo fare autocritica perchè il patrimonio degli iscritti va curato e regolamentato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fplato

    05 Novembre 2013 - 22:10

    Chi l'avrebbe detto che Renzi & Compagni avrebbero copiato Pannella. Dopo il partito che cantava l'"internazionale" abbiamo un partito veramente mondiale. Pannella ha dato la segreteria del partito a un cittadino del Mali. I veri democratici, dopo aver pagato le tessere a questi "compagni" multicolori, daranno loro anche una rappresentanza o li useranno solamente per regolare i conti tra di loro? Da l'"Bella ciao" a "Faccetta nera"...

    Report

    Rispondi

  • arwen

    05 Novembre 2013 - 17:05

    Prima regola di un appartenente al PD, mai voltare le spalle a un collega....

    Report

    Rispondi

  • encol

    05 Novembre 2013 - 15:03

    direttamente in galera? I truffatori di mestiere li devono stare.

    Report

    Rispondi

blog