Cerca

La corsa verso la "fucilazione"

Decadenza Berlusconi, Pdl contro Grasso: salta ufficio di presidenza

"Assolto" il grillino Crimi, che sbeffeggiò Silvio durante i lavori in Giunta: i lavori vanno avanti. Furia azzurra: abbandonano i lavori

Pietro Grasso

Pietro Grasso

Ancora alta tensione tra Pdl e Pietro Grasso. A venti giorni dal voto sulla decadenza del Cav dal Senato è scontro col presidente di Palazzo Madama. Il Consiglio di presidenza del Senato era chiamato a valutare l’irregolarità del voto della Giunta elezioni sulla decadenza di Berlusconi, dopo le polemiche per i post pubblicati su Facebook dal senatore M5S Vito Crimi e da altri commissari durante i lavori del 4 ottobre scorso. 

Niente numero legale - Per Grasso, a quanto pare, quel post di Crimi dato in pasto al web durante la seduta - contravvenendo ai regolamenti che impongono a chi partecipa ai lavori di non esprimere un parere sulla materia o la persona sotto la lente d'ingrandimento (Silvio Berlusconi, in quel caso) - non è nulla di grave. Crimi fece ironia su una frase di Berlusconi, "non mollo", che ipotizzò fosse riferita a problemi intestinaliPer il presidente del Senato, riferiscono Alessandra Mussolini e Elisabetta Casellati, non esiste violazione del segreto e il consiglio di presidenza non sarebbe competente a decidere sulla questione sollevata. Potrebbe solo stabilire sanzioni disciplinari per i singoli senatori. Una posizione inaccettabile per il Pdl, che con la Lega ha lasciato i lavori, facendo così mancare il numero legale e impedendo alla seduta di concludersi regolarmente. 

"Decisione inaccettabile"
-  Per il Pdl, infatti, la violazione della segretezza comporta l’invalidazione del voto della giunta.
 "Abbiamo denunciato una violazione del regolamento e non abbiamo ricevuto risposta", afferma la Casellati. "Per noi è inaccettabile presenziare ad un consiglio di presidenza dove non si attui il regolamento. Quale organo è competente di fronte ad un regolamento che non viene rispettato?", Poi la Mussolini aggiunge: "Purtroppo il presidente Grasso non è imparziale perché ha ammesso che secondo lui non c’è stata violazione del regolamento". Grasso archivia dunque la questione ignorando di fatto le richieste del Pdl. Secondo gli azzurri questa violazione avrebbe dovuto invalidare il voto favorevole alla decadenza della Giunta per le immunità. 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Devogu

    07 Novembre 2013 - 12:12

    Fini disse: che fai, mi cacci? Alfano ora dice: vuoi votare? vince Renzi. Le due espressioni si equivalgono per valore, ed anche per chi le pronuncia. Ma tutto quello che combinano i pdiellini arroccati al governo offrono all'elettorato l' impressione che dietro ci sia sempre Berlusconi (come era successo con il famigerato governo monti)il quale incassa le conseguenze negative di un governo di niente solo con le "gride" di un banchiere, anche in questo caso, che ha la stessa fantasia di un ragioniere alla partita doppia.

    Report

    Rispondi

  • aldogam

    07 Novembre 2013 - 09:09

    Lasciate perdere Boldrini e Grasso, non contano niente. Sono stati messi lì, dove sono, per più motivi: 1) qualcuno deve occupare quelle poltrone; 2) hanno già dimostrato di essere supini esecutori di ordini superiori; 3) non hanno più un'immagine da difendere; 4) omissis...

    Report

    Rispondi

  • tizi04

    07 Novembre 2013 - 07:07

    da uno che probabilmente arriva da magistratura democratica ? questa gente prima chiede la tessera e poi giudica. Se non sei dei loro, hai gravi colpe, sei un delinquente e devi essere perseguitato. Se l'Italia deve essere governata e rappresentata da gente come questa, purtroppo non ha speranza di farcela !

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    07 Novembre 2013 - 03:03

    grande magistrato....un furbastro di tre cotte,servile ed abile a galleggiare nella palude di certa politica;un perfetto yes man di scarsissimo spessore istituzionale,incapace di autonomo pensiero e ligio agli ordini della scuderia che scelleratamente lo ha votato insieme a quell´altra perla della Boldrini.Inoltre,ride sempre,sembra che ti prenda costantemente per il c...ma cosac.zo avra´da ridere,ridotti come siamo??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog