Cerca

Il superfunzionario

M5S, chiede la testa del segretario generale della Camera

Ugo Zampetti

Ugo Zampetti

Il M5S di Beppe Grillo è tornato all'attacco, ma la sua offensiva è stata subito bloccata. Dopo la richiesta, a settembre, delle dimissioni del presidente della Camera Laura Boldrini, accusata di non essere super partes, ecco l'ultimo braccio di ferro dei pentastellati: vogliono la testa del segretario generale della Camera dei Deputati, Ugo Zampetti. Il superfunzionario festeggerà il suo quattordicesimo anno di mandato e lo scroso martedì 5 novembre, il vicepresidente del M5S Luigi Di Maio, nell'ufficio di presidenza di Montecitorio, aveva tentato di difendere con le grinfie un ordine del giorno che reintroduceva il limite di mandato di sette anni per quella nomina, mandato abolito il 10 dicembre 2002 con l'allora presidente della Camera Pier Ferdinando Casini

La proroga - Grazie all'abolizione del limite dei sette anni, Ugo Zampetti ha potuto mantenere la sua carica anche con Fausto Bertinotti, Gianfranco Fini, e ora con Laura Boldrini. Quattordici anni di mandato, estendibili oltre l'età pensionabile, che proprio non vanno a genio al partito di Grillo, solo contro tutti, con l'unica eccezione del vicepresidente democratico Giacchetti. La richiesta dei pentastellati, che sono riusciti a spuntarla (in parte) ottenendo di poter votare la proposta in assemblea, è stata bocciata il giorno dopo. 

Richiesta negata - Un muro insormontabile quello alzato da Montecitorio per tenere a bada i grillini, che si percepisce dal comunicato ufficiale pubblicato sul sito della Camera dai tre questori: lì si attribuisce una "reazione composta e nervosa" degli esponenti del Movimento Cinque Stelle, tacciati anche di "demagogia". E così, il mandato del superfunzionario della Camera, una delle figure più potenti della burocrazia pubblica, potrà essere prorogato oltre l'età pensionabile, che verrà raggiunta il prossimo anno. Il segretario generale di Montecitorio si appresta di fatto a superare gli anni di carica di Aldo Rossi Merighi, alla guida della Camera dal 1930 al 1944, mentre è ancora distante da quelli di Camillo Montalcini, venti in tutto (dal 1907 al 1927).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • er sola

    08 Novembre 2013 - 16:04

    e proroga del mandato oltre l'età pensionabile? Ma chi è? Cosa ha di speciale? Magari alla morte passerà l'incarico ad un familiare!!

    Report

    Rispondi

  • spalella

    08 Novembre 2013 - 15:03

    ...dipenderà da quelli che sono definiti senza mai alcun merito visibile : la Terza carica dello stato.... e che fino a oggi sono sempre stati delle bestie di dubbia utilità.... O, No ? ed allora è utile prendersela col LADRO 'INVITATO' a RUBARE, PRENDIAMOCELA CON CHI HA FATTO L'INVITO. O NON CI SI ARRIVA COL CERVELLO nemmeno a questa ovvia MINIMA razionalità ????? razionalità che ormai sembra sparita da questo paese, sparita soprattutto nella politica ladra che distrugge il gregge che tosa, nella burocrazia che prende ma che contribuisce a doistruggere, nella classe dirigente selezionata denza merito alcuna e che non capisce che per sopravvivere dovrebbe almeno fare qualcosa... unica razionalità, annullata dalla bestiale cultura cattolica del subire e porgere l'altra guancia, stà nei piccoli imprenditori che strillano MA NON FANNO AZIONI ORGANIZZATE E COSTRUTTIVE AL FINE DI DISTRUGGERE L'ANORMALE POLITICA ED IL SUO STATO CANAGLIA.

    Report

    Rispondi

  • jborroni

    08 Novembre 2013 - 13:01

    Il sogno dei romani!! una pacchia senza limiti e senza controlli!! forza lupi, so' finiti I tempi cupi! da mo'!!

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    08 Novembre 2013 - 13:01

    PARASSITI

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog