Cerca

Stipendio di Stato

M5s, proposto il reddito di cittadinanza: "600 euro al mese per chi vive sotto la soglia di povertà"

Il testo sottoposto ai grillini sul blog di Beppe, poi sarà presentato in Parlamento. Ma Fassina: "Insostenibile, è solo fuffa"

M5s, proposto il reddito di cittadinanza: "600 euro al mese per chi vive sotto la soglia di povertà"

Seicento euro al mese netti, pari a 7200 all'anno, per chi vive sotto la soglia di povertà. Uno strumento per "contrastare la diseguaglianza e l'esclusione sociale, e per favorire il diritto al lavoro e alla formazione", da coprire con fondi reperiti dai tagli al ministero della Difesa, alle pensioni d'oro e con una nuova tassa sulle transazioni finanziarie (esclusa in corsa, invece, l'ipotesi di trarre fondi dall'Imu sui beni ecclesiastici). E' la proposta di legge del Movimento 5 stelle per il reddito di cittadinanza, testo sottoposto dai grillini alla propria community e che verrà depositato in Parlamento dopo il vaglio del popolo della Rete. Sul tavolo della discussione c'è uno stipendio di Stato per chi non raggiunge neanche "la soglia di povertà relativa, fissate dall'Istat a 594 mensili per il 2012". Il reddito di cittadinanza si tradurrà, inoltre in un'integrazione di 200 euro per chi gode delle pensioni minime. Il provvedimento si rivolge a una platea di circa 9milioni di persone, sono le stime dei pentastellati, con un costo per le casse pubbliche di 19 miliardi di euro.

Il testo online - I 5 stelle inaugurano con il reddito di cittadinanza la pagina "dal basso e in rete" sul blog di Beppe Grillo. La proposta "sarà messa in discussione con tutti i 90mila iscritti certificati al Movimento tramite l'applicazione online. I cittadini - rivendicano i grillini - potranno avanzare proposte, critiche e modifiche migliorando la legge. Dopo questo processo di discussione, la legge sul reddito di cittadinanza sarà ufficialmente depositata in Parlamento".

Il viceministro - "Il livello di demagogia nella discussione pubblica di proposte economiche è sempre più alto. Grillo supera tutti, impresa non facile dati i competitor in campo". A stroncare il progetto pentastellato è il democratico Stefano Fassina, viceministro dell'Economia. "Il costo complessivo del reddito di cittadinanza - spiega il bocconiano - supera, secondo le valutazioni più prudenti, i 30 miliardi di euro all'anno. Le proposte per la copertura, facendo una generosissima valutazione, libererebbero 4 miliardi di euro dispoinibili per alcuni anni - conclude Fassina -. Un decimo del totale. Le balle di Grillo sono sempre piu' grosse".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Beppe.demilio

    23 Maggio 2014 - 06:06

    Quello che Grillo non ha mai detto dove prenderà i tanti miliardi che serviranno per fare ciò che dice. I costi della politica ,anche se ridotti al lumicino, non bastano . Sugli immigrati e le invasioni non è stato MAI chiaro eppure i soldi vengono tolti agli Italiani per darli a loro. Grillo dica al popolo Italiano che prima degli immigrati ci siamo NOI Italiani e non solo per le tasse!

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    11 Novembre 2013 - 12:12

    Tutti a coltivare i campi ... ecco il lavoro per tutta questa gente che vive sotto la soglia di poverta' .... A parte i vecchi. Il resto non ha voglia di lavorare e di sporcarsi le mani, o spostarsi troppo lontano da casa. Perche' un extra comunitario riesce a trovare lavoro meglio degli altri ? Perche' sa' veramente cosa sia la poverta'. I giovani e il lavoro ? Sono una branca di lavativi una buona fetta. Ci sono anche giovani e persone che riescono ad avere inventiva e inventarsi il lavoro.... Ma prima di tutto la volonta' di lavorare.

    Report

    Rispondi

  • Franco Gregorio

    09 Novembre 2013 - 12:12

    Rubare a quelli che hanno sempre pagato le tasse per dare ai parassiti, quelli che hanno sempre fatto i furbi. Vogliamo metterci anche i "migranti" con lo ius soli? Ma sì, dai! Più sono, meglio è. Basta aumentare un poco il prezzo della benzina e portare l'IVA al 23%.

    Report

    Rispondi

  • lui976

    09 Novembre 2013 - 11:11

    Ho l'impressione che i detrattori di questa proposta siano tutti belli stipendiati e non abbiano il problema di come pagare le bollette. Facile parlare con la pancia piena. Andateci voi a rovistare nei cassonetti, poi ne riparliamo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog