Cerca

Verso la rottura?

Santanché: le colombe si sveglieranno e sarà un incubo

Daniela Santanchè

Daniela Santanchè

La resa dei conti di avvicina e i toni dello scontro tra falchi e colombe si fanno sempre più accesi. Questa sera Angelino Alfano riunisce le colombe e raccoglierà le firme sul documento che dovrebbe ufficializzare la spaccatura del partito, Daniela Santanché invece incontra le nuove "leve" del partito. Ed è proprio la Pitonessa a lanciare l'anatema sulle colombe: "Sabato spero che finisca: dobbiamo essere tutti d'accordo che si torna a Forza Italia e che tutte le deleghe sono in mano a Berlusconi, che è  quello che prende voti per tutti e quindi deve poter decidere. Poi se c'è qualcuno che preferisce la poltrona del ministro, pensando di essere diventato capace e di essere il più bravo, si sveglierà e sarà un incubo". Daniela Sanantché lancia la sua maledizione sulle colombe, lo fa durante la trasmissione "Quinta colonna", in onda su Rete4

 L'attacco di Daniela - "Nel Paese - ha premesso la pitonessa - c'è una stortura: abbiamo fatto questo governo di larghe intese, poi però non sono stati rispettati i patti. Il punto è che Forza Italia ha perso il focus, la mission, di stare al governo. Dobbiamo ricordare che tutti noi abbiamo vinto la lotteria, senza comprare il biglietto. Tutto è stato fatto da Silvio Berlusconi: non è che Alfano è diventato segretario perché ha vinto un concorso! Non é che la Lorenzin fa il ministro perché ha vinto un concorso, ma perché Berlusconi lo ha deciso". "Oggi, in una situazione drammatica per lo Stato di diritto e per la democrazia, perché teniamo in piedi un governo che non serve all'Italia e agli italiani e che oltretutto caccia con un uso politico della magistratura, quelli che sono i nostri alleati di governo?". 

L'affondo di Cicchitto - Dall'altro lato della barricata, invece, c'è la colomba Fabrizio Cicchitto che dalle colonne de Il Mattino, dice: "L’escalation dei toni e delle  minacce fatte trapelare da Berlusconi negli ultimi giorni verso i   dissidenti del partito, hanno radicalizzato lo scontro interno. Per quanto riguarda la partecipazione al consiglio nazionale, Cicchitto puntualizza: "Per adesso è ancora nell’aria certo, nelle ultime ore c'è stata la  radicalizzazione dello scontro da parte di fuochisti, lealisti e   falchi, per cui sembra che venga meno le condizioni per un dibattito   sereno. Aggiungo anche che non è chiaro l’ordine del giorno e neanche  il contesto nel quale una riunione cosi delicata dovrebbe svolgersi.   Ecco dunque che i dubbi sulla nostra partecipazione sono meritevoli di  approfondimento".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Pinkalikoi

    13 Novembre 2013 - 09:09

    Sicuro signora Santanché, nel PdL/FI chiunque è stato scelto e messo in lista da Berlusconi, qualsiasi carica è discesa da lui, ogni rimozione è avvenuta per suo volere: Funziona così nelle monarchie assolute o, se non vi piace la parola, nelle strutture proprietarie. Ciò non toglie che, nella storia, quasi sempre il tiranno veniva ucciso dai suoi cortigiani e talvolta persino dai pretoriani. Quasi sempre il tirannicidio era accolto con favore dal popolo che si sentiva liberato, perché una cosa che i tiranni non riuscivano a capire è che la gente la devi convincere, se la compri solamente si comporterà da truppa mercenaria, ossia sempre a guardare da che parte è la propria convenienza.

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    12 Novembre 2013 - 22:10

    di solito si abbattono, sono molto nocivi

    Report

    Rispondi

  • perigo

    perigo

    12 Novembre 2013 - 19:07

    Tutto quanto sta succedendo a Berlusconi, coi suoi alleati che rompono le alleanze, coi suoi delfini che gli girano la faccia, fa venire lo schifo della politica. Ormai quando si sente un politico in TV o alla radio non bisogna credere più a niente. Non esiste etica, non esiste parola data, non esistono valori di affetto o di riconoscenza. Niente di tutto questo! Solo la pagnotta del momento. Oggi me la dà Berlusconi, domani Epifani. Dura poco? Ininfluente! Arraffa ciò che puoi oggi, perché del domani non c'è certezza. Che "cime", ragazzi!

    Report

    Rispondi

  • KING KONG

    12 Novembre 2013 - 17:05

    non ci sono lingue su google translate per dare senso al tuo "post"

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog