Cerca

La rivelazione

Mussolini: "Alfano pianse davanti a Berlusconi"

La nipote del Duce in tv parla di quanto avvenne il 2 ottobre: "Eravamo sconvolti". Poi la lite in diretta con Formigoni / VIDEO

Angelino Alfano

"Angiolino" Alfano

Prove tecniche in vista del grande scontro di sabato, ammesso che i governisti non lo disertino. Il dissidio è quello che, ormai da mesi, polarizza il Pdl. Nel dettaglio, oggi tocca ad Alessandra Mussolini e Roberto Formigoni, la prima espressione dei fedelissimi del Cav, i lealisti, il secondo pezzo da novanta nella schiera degli alfaniani. La corrida tiene a L'aria che tira, la trasmissione de La7. L'attacco della Mussolini è a tutto campo, ma trova il suo apice in un tuffo nel passato, fino al 2 ottobre. Si tratta del giorno più difficile dell'intera storia del Pdl, il giorno in cui, di fatto, si consumò lo strappo tra Silvio Berlusconi e Angelino Alfano, il giorno in cui Enrico Letta incassò la fiducia. Un voto preceduto da scontri durissimi, ore concitatissime che poi culminarono nell'intervento del Cavaliere stesso a Palazzo Madama, che per il bene del partito, a sorpresa, annunciò il voto di fiducia.

 

 

Il pianto di Alfano - Arriviamo ad oggi. Arriviamo al colpo basso della Mussolini: "In un partito politico grande come il nostro, il segretario si alza e parla, pure se è presente Berlusconi. Invece Alfano non ha parlato", spiega in diretta dagli studi de La7. La nipote del Duce, appunto, si riferisce al 2 ottobre, alla riunione del Pdl prima del voto, in cui "Alfano non ha parlato, ha pianto". Poi ripete, lo scandisce più volte: "Ha pianto. Alfano ha pianto perché...", e via con l'imitazione, tra fazzoletti, soffiate di naso e singhiozzi. In collegamento con lo studio di Myrta Merlino, da Milano, c'è Formigoni. Non smentisce, sogghigna, ma poi prende la parola e attacca la Mussolini: "Se fossi a Roma potrei alzarmi e metterle amorevolmente la mano sulla bocca". La vulcanica deputata del Pdl ribatte all'attacco: "Io la mano te la metterei dall'altra parte".

Il contesto - Ma l'attenzione viene catalizzata dalla rivelazione: Alfano, dopo lo strappo, davanti a Silvio avrebbe pianto. Avvenne nei minuti in cui l'implosione del partito (che potrebbe realizzarsi a ore) non era mai stata così vicina. E la Mussolini, fedelissima del Cav, infilza Alfano proprio per quelle lacrime: "Il segretario politico deve prendere la parola e convincerci su posizioni politiche, non piangere in faccia a Berlusconi come uno studente che ha fatto una marachella. Noi eravamo sconvolti". Quindi, incalzata dalla Merlino, conferma che tutto avvenne "nella giornata della fiducia, durante la riunione al gruppo". In quella situazione, Berlusconi avrebbe poi deciso di prendere in mano la situazione e dettare la linea da tenere in aula: sì alla fiducia pur di ricompattare Berlusconi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uffa

    13 Novembre 2013 - 11:11

    Una raccomandata (come tanti altri) che paghiamo noi cittadini. Qualcuno mi dica il contributo di questa signora al nostro paese.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    13 Novembre 2013 - 10:10

    così rimarrete in pochi duri e puri come il Bossi e l'intellettualeTrota, l'inconcludente semplificatore e porcello Calderoli ed il piromane Stefano Chelazzi da Varese - candidato alle elzioni del 2007 e ricoprente un incarico nel CDA di un Consorzio - che appiccava incendi a cassonetti e garage e poi scriveva ai giornali, accusandone gli extracomunitari (patteggiata una pena di nove mesi) ed ora in arresto perché recidivo. Proprio una bella compagnia

    Report

    Rispondi

  • marco50

    13 Novembre 2013 - 00:12

    Speriamo che si alleino la Lega Nord, Forza Italia del Nord, Il PD del Nord, ed i Grillini del Nord. Dei cagacazzo abbiamo le palle piene, così come di questo meridionalismo che ci è lontano ormai da 60 anni.

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    12 Novembre 2013 - 20:08

    ...ma come si fa a far Segretario un bocia con il ciupa ciupa,ma dai Silvio ma chi è sto Alfano,ma cosa ti è venuto in mente di metterlo lì.mi pare che ogni tanto,nel football ,Borghi, e nella politica,Alfano per l'appunto ma non è il solo,tu abbia preso cantonate

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog