Cerca

La guerra azzurra

Alfano: "Non sono come Fini"
Fitto: "Smetti di fare l'ipocrita"

Angelino Alfano e Raffaele Fitto

Angelino Alfano e Raffaele Fitto

Angelino Alfano si arrabbia quando lo paragonano al "traditore" Gianfranco Fini. Durante La Telefonata con Maurizio Belpietro, questa mattina su Canale 5, dice che il confronto è inaccettabile: "Noi siamo tutti frutti o rami dell’albero berlusconiano. Non accettiamo paragoni che non ci appartengono per storia, biografia e anche per rapporto con Berlusconi, perché con lui abbiamo un rapporto di grande affetto e un vincolo non paragonabile a quello di altri". Sembrava finita lì, invece questa dichiarazione, insieme a quelle pubblicate dal Corsera, in cui il ministro dell'Interno sosteneva quanto avesse a cuore l'unità del partito e le sorti del Cav, ha scatenato Raffaele Fitto. "Il tempo delle ipocrisie, delle parole dolci verso Silvio Berlusconi ma degli atti ostili nei suoi confronti, deve finire", ha tuonato il capo dei "lealisti". Altrimenti il rischio non è che si voglia 'guastare la festa' al presidente Berlusconi, ma che si voglia 'fargli la festa'". Il riferimento è alle parole che il vicepremier ha detto al direttore Belpietro, ovvero che non è intenzione sua e dei filogovernativi andare al Consiglio Nazionale di sabato per rovinare la festa al Cavaliere. 

"L'onorevole Alfano descrive sul Corriere della Sera un quadro unitario, sereno, nel quale non sembrano esservi ombre, semplicemente perché  sceglie di eludere i nodi di fondo", incalza Fitto. "Altri a lui vicini, contemporaneamente, si incaricano di chiarire lo scenario: Berlusconi deve di fatto mettersi da parte (al di là dei consueti omaggi formali); il Governo deve essere sostenuto 'a prescindere'; il voto sulla decadenza, al di là di qualche lacrima di coccodrillo, non deve produrre conseguenze; quanto alla legge di stabilità, sarà quel che sarà".  Per Fitto "è il momento di dire con assoluta chiarezza che noi riteniamo inaccettabile questo approccio. Non crediamo che Silvio Berlusconi debba mettersi da parte, perchè è stato scelto (lui, non altri) da milioni di elettori; non crediamo che un partito serio possa mai permettersi di accucciarsi davanti a un esecutivo, rinunciando a posizioni chiare; non crediamo che il voto sulla decadenza possa essere considerato un evento scontato e quindi da subire come se nulla fosse; e non crediamo che si possa tradire il patto con i nostri elettori accettando il ritorno delle tasse sulla casa". E ancora: "Riteniamo che sia ormai un vero e proprio 'metodo buffo' che si continui a parlare di 'metodo Boffo' da chi, da sempre, ha avuto solo onori, ruoli e trattamento in guanti bianchi. Nello stesso modo, consideriamo inaccettabile la sequenza di dichiarazioni del premier Letta, sempre senza risposta dei nostri ministri, verso Silvio Berlusconi. Così come è grave e sintomatico che non vi sia stata alcuna smentita alle battute e alle irrisioni che alcuni giornali hanno attribuito al ministro Saccomanni verso il nostro leader". "E se un 'metodo' va quindi denunciato, è quello di chi, tra una riunione di corrente e l'assenza alle riunioni ufficiali di partito, vuole solo guadagnare tempo per realizzare un percorso alternativo rispetto a Silvio Berlusconi, ai nostri programmi e ai nostri elettori", conclude l'ex governatore della Puglia.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FabioSPIacono

    13 Novembre 2013 - 15:03

    Il PPE in fondo non si è mai sentito rappresentato nel bel paese da Silvio Berlusconi.Non si nasconde più dalle tutt'altro che regali espressioni facciali dei primi ministri franco-tedeschi in conferenza stampa poco tempo addietro. Il gambero rosso Monti, Alfano e l'evergreen Casini sono le corsie preferenziali della formazione in oggetto. Il cavaliere, Corte Europea permettendo, guiderà interdetto falchi e lealisti nel ri-torno a Forza Italia, via dal patrigno PPE a meno che non vorrà gettare al vento i suoi due primati: 1)Stop nel 1994 a comunisti e post comunisti,2)Governo più longevo nella storia repubblicana;altrimenti verrà ricordato solo come imprenditore dionisiaco cresciuto sotto l'ombrello del PSI di Bettino Craxi. Fabio S. P. Iacono

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    13 Novembre 2013 - 15:03

    Vi rendete conto di essere ridicoli. Vi rendete conto che avete stancato anche i sassi. Vi rendete conto che non avete più nessuna credibilità. Vi rendete conto che voi tutti classe politica sietedei falliti, inconcludenti, incapaci. ANDATE A CASA ALTRIMENTI PROVERETE LA VERGOGNA AL MOMENTO DELLE ELEZIONI, questo poco vi preocupa avendo una faccia da culo. FALLITI

    Report

    Rispondi

  • campofreddi

    13 Novembre 2013 - 15:03

    Fitto è stato condannato in primo grado a quattro anni di reclusione e a cinque di interdizione dai pubblici uffici per i reati di corruzione...perciò la smetta di parlare contro Alfano che mi sembra ancora una persona degna e pulita.

    Report

    Rispondi

  • annaritaspad

    13 Novembre 2013 - 15:03

    Sono contenta che ci sono ancora persone con la testa sulle spalle capaci di rivendicare le proprie posizioni. Bravo Fitto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog