Cerca

Parola del principe del foro

Berlusconi, l'avvocato Coppi: "L'ipotesi della grazia è tramontata"

Berlusconi, l'avvocato Coppi: "L'ipotesi della grazia è tramontata"

La richiesta di grazia per Silvio Berlusconi "è tramontata". Lo ha spiegato il professor Franco Coppi, uno dei legali del Cavaliere, oggi pomeriggio, al termine dell'udienza dell'appello 'bis', in corso a Milano, sulla tentata scalata da parte di Unipol avvenuta nel 2005. Le porte del Colle si chiudono. L'ipotesi di un gesto di clemenza da parte del Qurinale per il Cav pare adesso lontanissima. Dopo settimane di polemiche e di indiscrezioni sulle presunte domande di grazie presentate da Berlusconi, dai suoi legali e dai suoi figli, adesso arriva lo stop dell'avvocato cassazionista, dal principe del foro. L'ultima bagarre sulla grazia si era aperta dopo un'intervista di Marcello Dell'Utri a Virus, il programma di Nicola Porro.

 

"La data non deve slittare"
Leggi l'approfondimento

Le indiscrezioni -  In quell'occasione l'ex senatore del Pdl aveva detto: "La grazia per Silvio Berlusconi l'hanno chiesta tutti e cinque i suoi figli, insieme". Subito dopo era arrivata la smentita del più celebre degli avvocati del Cavaliere, Niccolò Ghedini: "La grazia non l'abbiamo chiesta e non la chiederemo mai". E sabato 9 novembre, all'HuffingtonPost, lo stesso Dell'Utri ha ritrattato, in modo colorito: "Io della grazia non so un c…o. Non ho detto niente di che. A domanda di Porro sulla clemenza, dopo un servizio, ho risposto che non lo so se è stata presentata. Quando mi hanno chiesto se è stata firmata da alcuni dei figli ho risposto: sarà firmata da tutti non da alcuni, immagino. E' un discorso generico. Mi sono limitato a rispondere alle domande di Porro. Non ho detto: so che è successo o non è successo o che succederà questo. Non gioco su queste cose". 

La risposta del Colle - Ma a sgomberare il campo dai dubbi era arrivata anche la precisazione del Quirinale: "Non è arrivato nulla. Non ci ha sorpreso in materia la dichiarazione diffusa ieri dall'avvocato Niccolò Ghedini perché già da tempo al presidente della Repubblica era stata esclusa da persone vicine all'onorevole Berlusconi ogni ipotesi di domanda di grazia". Ora anche Coppi conferma che la richiesta di grazia da parte del Cav non è partita e non partirà. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    13 Novembre 2013 - 19:07

    "Ora è chiaro che i veri poteri che gestiscono Berlusconi si sono rotti le palle e vogliono farlo fuori." mi sembra una affermazione interessante. ora, però, bisognerebbe chiedersi: ma chi sono i poteri che gestiscono il delinquente? visto il carattere dell'ometto non saranno certamente degli stinchi di santi, no?

    Report

    Rispondi

  • sommesso49

    13 Novembre 2013 - 18:06

    Mentre Berlusconi faceva il "fioretto" alla bella Madunina affinché Napolitano gli concedesse la grazia, il Dott. Dell'Utri giocava di fioretto asserendo che i figli del Cav avessero chiesto la grazia per il padre. Non ci voleva frate indovino per capire che, con tale affermazione, il Dott. Dell'Utri avesse voluto sbarrare la strada al proprio burattino. Ora è chiaro che i veri poteri che gestiscono Berlusconi si sono rotti le palle e vogliono farlo fuori. A supporto di quanto testè detto, voglio ricordare il passo dell'intervista in cui il Dott. Dell'Utri disse: "...vogliono che Berlusconi si arrenda...." e, poi, quasi come un messaggio imperativo: "...ti devi arrendere!" Mi sembra che da tale data Berlusconi si sia ammosciato e rassegnato. Deve ubbidire a coloro che lo manovrano.

    Report

    Rispondi

blog