Cerca

La lunga notte

Alfano rifiuta il piano di Berlusconi: "E' una trappola"

Alfano e Berlusconi

Alfano e Berlusconi

L'ultimo - solo in ordine cronologico - tesissimo faccia a faccia. Doveva essere la resa dei conti, che però, di fatto, si terrà sabato, al Consiglio nazionale del Pdl. I protagonisti sono Angelino Alfano e Silvio Berlusconi. Sul piatto, l'unità del partito nel suo movimento verso Forza Italia e, per Alfano, il sostegno alle larghe intese. Il Cavaliere avrebbe offerto il suo sostegno a Letta in cambio di avere pieni poteri nella nuova formazione politica, dove tutte le cariche verrebbero azzerate. Un piano che, però, non piace al vicepremier. E l'intesa sfuma.

"Non ho garanzie" - "E' una trappola. Presidente, non possiamo accettarlo. Non abbiamo alcuna garanzia - avrebbe detto Angelino a Silvio - che non apriate la crisi, se è così ce ne andiamo". Alfano, così, ha respinto l'ultimo tentativo di mediazione del Cavaliere. Il tutto a Palazzo Grazioli, in tarda serata, in un vertice blindatissimo, al termine della consueta giornata di enorme tensione. L'incontro era iniziato poco dopo le 21. Alfano, per prima cosa, aveva chiesto il rinvio del Consiglio nazionale di sabato, forte dell'appoggio di molti parlamentari.

Le tre condizioni - Il vicepremier, inoltre, al Cav ha posto tre condizioni. La prima: se il Consiglio si terrà, Berlusconi dovrà confermare nel suo discorso la fiducia al governo già accordata nella drammatica giornata del 2 ottobre. La seconda: nella nuova Forza Italia, Silvio dovrà garantire equilibrio, ossia varare il doppio coordinatore. La terza: nel passaggio a Forza Italia non si devono azzerare tutte le cariche, altrimenti - questo il timore di Alfano e filogovernativi - "finiremmo tutti nelle mani di Verdini e Santanchè". E, per loro, sarebbe la fine. 

Le badilate di Fitto - Condizioni che però, Berlusconi, non può accettare in toto. Proprio così come Alfano non può accettare quanto proposto dal leader, poiché gli mancano le garanzie. E, dunque, la resa dei conti sarà sabato. Sullo sfondo continua il lavoro ai fianchi di Alfano del leader lealista, Raffaele Fitto, che a colloquio con Berlusconi avrebbe usato toni incendiari: "Sono dei traditori, e se tu accetti di spostare il Consiglio nazionale ti consegni mani e piedi ai carnefici". I lealisti, insomma, vogliono che sabato si vada alla resa dei conti. E Fitto non ha dubbi: "Silvio, molla i traditori".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Romano_1939

    14 Novembre 2013 - 20:08

    BRAVO Fitto ricorda al cav di fare ciò che hai proposto = cacciare al = fini = e relativi traditori detti = giuda e meglio ancora bruto = dalla nascitua f.i. Pussa via

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    14 Novembre 2013 - 20:08

    vede per un moderato sarebbe grande soddisfazione mandare a casa questo governicchio e uscire dall'euro

    Report

    Rispondi

  • Chry

    14 Novembre 2013 - 14:02

    ma non ci crede più manco Dudù

    Report

    Rispondi

  • FalceMartello

    14 Novembre 2013 - 13:01

    Altro che Lealisti e Governativi; falci oppure colombe condite da pitonesse. Secondo me stanno -tutti quanti- azzannando le carni del Cavaliere ancora prima che ergli sia morto (politicamente). Chiaro che il "pover' uomo" gridi di dolore e si dibatta. Il vero carnefice del suo declino politico è il PDL (TUTTO), riescono a frgli ancora più male di quanto la Magistratura politizzata e la sinistra sia riuscita. Io di questo ne sono lieto; anche se poca cosa, è motivo di grande soddisfazione ;-)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog