Cerca

La bordata

Napolitano: clima avvelenato. Il Pdl: "Non ha fatto nulla per pacificazione"

Napolitano: clima avvelenato. Il Pdl: "Non ha fatto nulla per pacificazione"

Giorgio Napolitano incontra Papa Bergoglio e punta il dito contro la politica italiana: "Noi che in Italia esercitiamo funzioni di rappresentanza e di guida nelle istituzioni politiche, siamo immersi in una faticosa quotidianita', dominata dalla tumultuosa pressione e dalla gravita' dei problemi del Paese e stravolta da esasperazioni di parte in un clima avvelenato e destabilizzante". Insomma Re Giorgio non vuole più un clima velenoso tra i palazzi della politica. Ma il Colle cosa ha fatto per evitare questa situazione? Se lo chiede l'azzurro Sandro Bondi che risponde a Napolitano: "Sono d’accordo con Napolitano quando sostiene che in Italia prevale un clima politico avvelenato, ma sono dell’opinione che non abbia fatto nulla per stemperare le esasperazioni e per pacificare davvero la vita politica italiana".

Critiche dal Pdl - Che poi ha aggiunto: "Era l’unico che poteva farlo, sia per la sua coscienza storica dei problemi dell’Italia sia per le prerogative di cui dispone". E sulla stessa linea di Bondi si schiera il capogruppo del Pdl Renato Brunetta: "Il Presidente Napolitano ha descritto al Papa il clima destabilizzante e avvelenato che domina l’Italia. Lo ha fatto parlando quasi da spettatore rassegnato. Io credo che invece il Capo dello Stato ha la responsabilità istituzionale, le risorse e l’energia per fare molto, in prima persona, per dare stabilità e contrastare i veleni nella vita pubblica". E ancora: "Il capo dello Stato non è, e lo ha sempre dimostrato, una comparsa impotente e marginale della nostra scena, ma un protagonista. Il mio appello è che non si consegni al pessimismo, non sottovaluti il peso delle sue scelte nella bilancia della storia, e faccia proprio, lo dico con l’ammirazione di un non credente, l’invito di Papa Francesco a operare per la creativita e la concordia necessarie al suo, cioè dell’Italia, armonioso sviluppo". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    15 Novembre 2013 - 11:11

    Proprio lui che ha fatto il comunista tutta la vita si meraviglia.Quando Berlinguer arringava gli operai a Mirafiori,quando glioperai boicottavano la fabbrica bucando le camicie dei pistoni dei motori ,quando alle Alfa Romeo nuove ci voleva l'ombrello perchè pioveva dentro .Lui dov'era su Marte? Ma fammi il piacere Napolitano.

    Report

    Rispondi

  • andrea.toscano757

    15 Novembre 2013 - 08:08

    Ma è lo stesso Napolitano che per tre anni ha girato la testa dall'altra parte mente la terza carica dello stato faceva strame del suo ruolo "super partes"? O è ancora lui quello che - pur essendo chiamato a presiedere la magistratura - non fiatava quando veniva impunemente violato il segreto istruttorio? Ma ancora è proprio lui che, mentre molta gente non ha lavoro e "tira la cinghia", regala lauti stipendi a quattro "inutili" senatori a vita, tutti benevoli verso la sua parte politica di provenienza? Non vado avanti per carità di Patria.

    Report

    Rispondi

  • AlexFG

    15 Novembre 2013 - 08:08

    Lo manteniamo da 50 anni, ci costa un sacco di milioni l'anno e si permette di fare la morale al paese. Ieri si è suicidato un'altro imprenditore, non riusciva ad andare avanti e questi parassiti continuano a far finta di niente. Appello alla calma? Qui ci vuole il sangue per le strade.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    15 Novembre 2013 - 07:07

    Ma se nel '56 (praticamente ieri) napo disse quelle cose, perché il pdl l'ha voluto nuovamente al Quirinale? Lei, tra i bananas, è solo un primus inter pares!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog