Cerca

Conti in rosso

Pdl, tutti i debiti: senza Berlusconi è quasi bancarotta

Angelino Alfano

Angelino Alfano

Un brutto affare, tenersi il Pdl. Non si parla di voti, ma di soldi. In caso di scissioni, se le colombe si tenessero il partito, si troverebbero a fronteggiare problemi non solo di consenso, ma relativi al vil denaro. L'allarme lo suona il tesoriere, Maurizio Bianconi, berlusconiano di ferro: "Se qualcuno pensa di scalare il partito fa male di conto". Perché? Semplice: "Gli conviene farsene uno nuovo".

Debiti e cause - Parlano le cifre. Il Pdl deve pur incassare (in tre anni) 18 milioni di rimborsi elettorali, ma ad oggi i debiti correnti da pagare sono pari a 9,4 milioni di euro. Quindi i fornitori da pagare, un conto da 8 milioni; e di questi rimborsi alcuni sono contestati (o dal Pdl per fatture non dovute, o dai fornitori per il ritardo). Un rimborso contestato equivale a una nuova grana giudiziaria: causa coi fornitori, contenziosi, e dunque avvocati da pagare. E, per inciso, l'ultimo bilancio del Pdl si è chiuso con un disavanzo pari a 3,7 milioni di euro.

Costi fissi - Ma non ci sono soltanto i debiti e i problemi giudiziari. A gravare sulle tasche di chi si vuol prendere il partito ci sono anche i costi fissi. Per esempio i siti internet che gravitano attorno al dominio del partito (qualche centinaia di migliaia di euro l'anno). Poi i costi delle sedi locali, 97 in tutta Italia: affitti e personale di partito. Il partito azzurro conta molti dipendenti, e ci si interroga su quale fine faranno con la riduzione del finanziamento pubblico (il Pd, da par suo, ha già iniziato a tagliare).

Il bivio - Eccoci dunque al bivio. Al Consiglio nazionale tutti votano uniti e non c'è nessuno strappo? La nuova Forza Italia s'accollerà tutti i costi e i debiti, e il garante sarà Silvio Berlusconi, da sempre pronto a sganciare - e tanto - per il suo partito. Al contrario al Consiglio nazionale Alfano e i suoi decidono di rompere e tenersi il partito? Il Pdl si tiene i debiti, che però non verranno coperti da Berlusconi. Non solo i debiti. Anche i costi delle manifestazioni, per esempio. Basti pensare che per quella del marzo 2012, il Cavaliere sganciò 2,8 milioni. Alfano e i suoi, con buona approssimazione, non dispongono della liquidità necessaria per foraggiare un partito già di per sé molto indebitato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    11 Dicembre 2013 - 19:07

    perché il suo patrimonio azionario é giù, giù.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    11 Dicembre 2013 - 19:07

    Berlusconi é il padrone, mette i soldi, sceglie le cariche. In veneziano 'fasso tutto mi'' Perché , invece di Forza Italia non lo chiama ''il mio capitale''(tale sarebbe se controllasse la spesa). Ora si comprende ''forza Silvio'', sgancia e non rompere'' Che politica !! Coi forconi, con 5 stelle, con Forza Nuova, coi fascisti e mafia. Evviva c'é tutto.!

    Report

    Rispondi

  • spalella

    15 Novembre 2013 - 17:05

    imparino a spendere come persone civili e non come parassiti. O serve elencare la BESTIALITA' con cui i partiti dilapidano i soldi del finanziamento ? siano civili e non bestie, ed i soldi basteranno, così come bastano e avanzano ai 5 stelle.

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    15 Novembre 2013 - 16:04

    Con tutti i soldi a tizio e a caio il cappello si svuota. Pero' che sono per loro che si terranno il PDL ,quelle cifre.... Fate na' colletta e liberatevi, Contento Silvio contenti Tutti. Su' Angelino dato che sei responsabile e protagonista di una destra senza piu'Berlusconi fai vedere che hai le palle !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog