Cerca

Palacongrssi

Roma, lieve malore per Berlusconi dopo il discorso

Spossato e commosso, ha parlato per due ore. Sul palco è intervenuto il suo medico personale

Lieve malore per il Cav

Lieve malore per il Cav

"Dobbiamo costruire un Paese per garantire la piena libertà in Italia". Dopo circa due ore di discorso sul palco del Palacongressi dell'Eur (Roma), il Cav conclude il suo intervento al Consiglio nazionale. E tra la spossatezza delle ultime ore e la commozione sul volto, arriva un lieve malore. Interviene il suo medico personale, Alberto Zangrillo, che gli porge un bicchiere d'acqua. Berlusconi lascia il palco accompagnato dagli uomini della scorta e si siede in  platea.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guidoboc

    17 Novembre 2013 - 14:02

    spari cazzate da mattina a sera

    Report

    Rispondi

  • Chry

    17 Novembre 2013 - 14:02

    bhò, certo che voi bananas avete la memoria corta... non ricordi quanto Silvio abbia corteggiato DiPietro, lo abbia fatto con Monti e poi si sia speso nel suo nuovo corteggiamento al PD per fare il governo insieme... è questo il vostro gran leader???

    Report

    Rispondi

  • katerin

    17 Novembre 2013 - 11:11

    di questi politici da strapazzo inetti vagabondi somari che per non perdere i quattrini che stanno rubando agli italiani non esitano a tradire volendo farci credere di farlo per il bene dell' italia.

    Report

    Rispondi

  • doris

    17 Novembre 2013 - 08:08

    lascio ad ognuno ,come al solito, dire cio' che pensa,siamo o non siamo persone educate?(yaaa). Sono convinta che Silvio Berlusconi sia di una pasta diversa dai soliti politici,sono convinta che risorgera' dalle ceneri come la fenice (e la rabbia degli avversari salira')purtroppo penso agli anni che ha e alla sua salute,per questo consiglierei di lasciare quei quattro o cinque burattini(alfano)e anche molti italiani al loro destino, pensare alla salute, godersi i suoi soldi ,tanto siamo un popolo al quale piace soffrire ............si sieda e stia a guardare .....come dice un proverbio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog