Cerca

Il caso del Guardasigilli

Cancellieri, e l'asse Napolitano-Letta

Giorgio Napolitano e Annamaria Cancellieri

Il presidente della Repubblica e il Guardasigilli

Un intervento ufficiale. Una presa di posizione che apre moltissimi dubbi sull'imparzialità del presidente della Repubblica. Accade questo: la procura di Torino decide di non indagare il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri per le sue telefonate con la famiglia Ligresti e il Colle approva. Napolitano infatti ha fatto conoscere la sua posizione sulla scelta dei giudici torinesi. I: "Apprezzo il rigore e la chiarezza della Procura di Torino". Parole chiarissime che blindano un ministro che non ha alcuna intenzione di lasciare la poltrona anzi la Cancellieri ha detto: "Se cado io cade il governo perché il Pd farebbe un atto contro Napolitano e contro Letta". L'incauta esternazione del Presidente Napolitano arriva alla vigilia del voto parlamentare di sfiducia e di una decisiva riunione del Pd proprio sul caso della ministra. Inoltre non dimentichiamo che  le "carte che scottano" adesso sono in mano alla Procura di Roma che dovrà decidere come gestire la "patata bollente" arrivata dai colleghi torinesi. Essendo il capo dello Stato anche il capo del Csm i dubbi sull'opportunità dell'esternazione crescono ulteriormente. 

La riunione del Pd Questa sera, martedì 19 novembre, c'è la riunione del Pd sul caso Cancellieri. Il partito si trova costretto a difendere un ministro (peraltro non suo) per tenere in piedi Letta. Ma i renziani vorrebbero votare le dimissioni ma allo stesso tempo colpire il Guardasigilli vuol dire colpire Letta. Sulla riunione di questa sera, si aggira lo spettro dei 101 franchi tiratori anti-prodiani. A questo si sta lavorando nei contatti tra dem e governo, sotto   lo sguardo del presidente Giorgio Napolitano. Per adesso, però, una   via d’uscita non si intravede. Anzi, è il momento dell’irrigidimento delle posizioni.  Pippo Civati conferma la mozione di sfiducia. Il fronte renziano  la volontà di andare fino in fondo nella richiesta di un passo indietro del Guardasigilli. Mentre Gianni Cuperlo, da parte sua,  chiede che "si decida insieme". No conte interne, né decisioni a   maggioranza, insomma. Al momento, il Pd è nell’impasse. E c'è il   rischio che senza un raccordo tra dem e governo, la faccenda finisca  con una rottura: o tra il gruppo e Letta-Napolitano o tra il governo e il probabile futuro segretario, Matteo Renzi.

Il ruolo di Epifani -    "Serve un arbitro", è il ragionamento che si fa a palazz  Chigi. E l’unico che potrebbe esercitare questo ruolo è Guglielmo  Epifani. Tuttavia il segretario, si fa sapere, non sarebbe affatto  intenzionato a prendersi questa croce. E’ in scadenza di mandato e,  con i suoi, non nasconde l’irritazione per il fatto che il caso   Cancellieri sia stato usato in chiave congressuale dai candidati alla  segreteria. "Se la Cancellieri non farà un passo indietro, la   soluzione auspicabile - dicono fonti del governo- sarebbe che Epifani  chieda un gesto di responsabilità al gruppo. Dica che, per adesso,  non ci sono novità. Se poi queste novità arriveranno, allora, sarà   il Pd a presentare una mozione di sfiducia". 

Il discorso  - Intanto il responsabile di via Arenula sta preparando il suo discorso in Aula, basato su ciò che ha fatto al ministero e su ciò che intende portare avanti, a partire dalla riforma carceraria. Nel discorso al momento non compare affatto la parola dimissioni. L’intenzione di Annamaria Cancellieri sarebbe quella di aspettare fino all’ultimo, di capire come si comporterà il Pd e quale sarà il contenuto delle mozioni di sfiducia che verranno presentate in Parlamento.   Intanto il ministro ha messo nero su bianco già le risposte destinate ai 5 stelle. "Sono serena e tranquilla", continua a dire ai suoi il ministro anche se - viene ribadito più volte - qualora si dovesse concretizzare l’accerchiamento nei suoi confronti potrebbe fare un passo indietro. Magari proprio mercoledì in Aula

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • colombinitullo

    22 Novembre 2013 - 18:06

    la bestia

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    20 Novembre 2013 - 13:01

    Avete notato che per il presente articolo, non si sente volare neppure una mosca da parte di quegli zozzoni drogati e alcolizzati dei comunisti, che il Direttore di Libero, grazie alla grande libertà di stampa che rappresenta, gli permette di postare senza censura, come invece avviene in quegli immondezzai di repubblica e il fatto quotidiano...?

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    19 Novembre 2013 - 16:04

    napolitano non mi è mai piaciuto da quando applaudiva i carri sovietici che uccidevano i civili innocenti che volevano la libertà , era il 1956 . non ha mai lavorato tutta la vita , presto finirà in una cassa di zinco , vero , considerata l'età , ma può anche essere che satana non lo voglia. la cancellieri è la vergogna italiana , alta e ciula come si dice dalle mie parti . e non ha un minimo di dignità . ieri o tre giorni fa napolitano ha parlato della dignità della donna , e della sua dignità non dice niente . caro re Giorgio prima di parlare di noi , si guardi allo specchio e si sputi in faccia , e ripensi alle sue frasi molto offensive . io mi vesto come mi pare , e siete voi uomini che dovete avere il senso di vergogna . con quello che ha affermato voleva difendere la ministra e la boldrini ? quelle frasi erano da boldrini , ovvero del nulla

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    19 Novembre 2013 - 14:02

    Mi sembra che le opposizioni, abbiano abbastanza voti, per incriminarlo di alto tradimento alla costituzione e lo si chiami a rispondere anche della distruzione delle intercettazioni telefoniche con la mafia....! Cosa aspettate a farlo, che il demonio se lo porti nella Genna......?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog