Cerca

Ncd? Non va bene...

Alfano, sei nomi per il suo partito

Angelino Alfano

Angelino Alfano

Dopo la scissione Angelino Alfano pensa già a cambiare nome al suo nuovo partito. L'idea iniale , annunciata anche in conferenza stampa era quella di chiamare il gruppo delle colombe: Nuovo Centrodestra. Ma il neonato movimento potrebbe trovarsi a fare i conti con una fastidiosa questione di copyright. Il marchio "Nuovo Centrodestra", infatti, fu registrato nel 2011 all'Ufficio marchi e brevetti dall'allora vicepresidente di Futuro e Libertà, Italo Bocchino. Così adesso Alfano prova a correre ai ripari. Sono sei i marchi depositati dagli alfaniani, per dare un nome ai nuovi gruppi autonomi nati dopo lo strappo con Silvio Berlusconi. Tutti risultano consegnati molti giorni prima della rottura ufficiale, sancita sabato scorso dal Consiglio nazionale del Pdl al pala Congressi dell'Eur, con la rinascita di Forza Italia. Scorrendo l'archivio dell'Ufficio italiano marchi e brevetti del ministero dello Sviluppo economico, si scopre che il vicepremier, attraverso un suo fedelissimo (l'agrigentino Davide Tedesco), ha presentato tra il 31 ottobre scorso e il 12 novembre la 'sestina'.

 
Tutti i nomi -
Da questa rosa dovrebbe uscire il nome definitivo, che verra' probabilmente presentato alla prima Convention nazionale di Ncd, in programma il 7 dicembre prossimo. Ben quattro marchi su sei presentano la parola 'liberta'' che si richiama molto al Popolo della liberta', destinato ad andare in soffitta qualora Berlusconi e Alfano non riuscissero a creare un'ampia coalizione di centrodestra, sotto lo stesso ombrello del Pdl, per affrontare le prossime elezioni. Nel dettaglio, lo spin doctor di Alfano ha presentato all'Uibm il primo marchio chiamato 'Centrodestra', il 31 ottobre 2013. Nello stesso giorno e' stato consegnato anche 'Il Nuovo centrodestra', che (almeno politicamente) e' stato ufficializzato con tanto di conferenza stampa il giorno dopo la scissione da Fi, il 17 novembre scorso. Il 5 novembre scorso, invece, e' arrivata la richiesta per 'Unione per la liberta'' e 'Unione della liberta''. Mentre il 12 novembre Tedesco ha depositato gli ultimi due, in ordine temporale, 'Confederazione della liberta'' e 'Federazione della liberta'. Insomma adesso Angelino dovrà scegliere il nome per la sua nuova avventura politica. E il nome del partito, spesso in politica, vuol dire tutto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • er sola

    20 Novembre 2013 - 16:04

    Il nome di un partito è una cosa importante. L'elettore, se la cosa è ben studiata, può rimanere subito colpito dalla chiarezza che scaturisce dal nome. Cosa importante è che anche la sigla sia ben comprensibile. Questi scissionisti non dovrebbero avere grossi problemi nella scelta, già l'atto che hanno compiuto avrebbe dovuto contribuire alla nascita del nome e della sigla: PdM… Partito dei Moderati?… Nooo! Partito delle mer...

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    19 Novembre 2013 - 18:06

    N.C.O.

    Report

    Rispondi

  • oenne

    19 Novembre 2013 - 18:06

    und miserable unpartei di angelino ... darei il nome di... _ ""segregazione di arroganti traditori"" unti e bisunti nel WC_

    Report

    Rispondi

  • tatankayotanka

    19 Novembre 2013 - 18:06

    Complimenti mamex, non la conosco ma le offro - virtualmente - un caffè, perchè il nome Bostik 2.0 è quasi perfetto, ma D.C. (distillato di carogne) non si batte! Continui così...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog