Cerca

Il tramonto

Pd, D'Alema sempre più solo, con Renzi ha perso la sua partita

Sognava un posto alle Europee, ma l'ascesa di Renzi lo può far sparire dai radar

Massimo D\'Alema e Matteo Renzi

Massimo D\'Alema e Matteo Renzi

Se Matteo Renzi corre a gran velocità verso il Nazareno, Massimo D'Alema invece si avvicina all'orlo del baratro. "Baffino" è rimasto lì, come l'ultimo dei giapponesi sull'isola del Pci, dei Ds e ora del Pd per difendere una nomenklatura rossa che Renzi sta smantellando portandosi dietro tutto il partito. D'Alema sognava una candidatura alle europee e addirittura la presidenza dell'Europarlamento di Strasburgo. Ma con Renzi segretario del Pd, evento che dovrebbe materializzarsi l'8 dicembre prossimo, allora cambia tutto. Renzi potrebbe stoppare "Baffino" nella sua scalata europea e decretarne definitivamente la sua fine politica. La partita infinita tira Renzi e D'Alema va avanti da tempo.

Gli ultimi colpi prima della fine
- E come racconta il Corriere della Sera, "Baffino" comincia ad annusare la sua fine e ora non gli resta che attaccare il rottamatore. "Sono stato aggredito da quello lì - ha raccontato poi agli amici - e non sono nemmeno io il candidato. Che c'entro? Sono l'unico a essere menato, come se fossi stato l'unico a guidare il centrosinistra, perché gli altri dov'erano? Dov'erano i Veltroni, i Prodi, i Fassino? Eppure sono sempre io quello che viene attaccato. Mi dicono chi te lo fa fare? Stattene tranquillo? Non replicare? Ma io sono un uomo di convinzioni profonde, che quando crede a qualcosa combatte. Amo la lotta politica. Quando uno si batte per le proprie convinzioni non c'è nulla di più appagante. Marx diceva: la felicità è la lotta e io non ci rinuncio".

Addio europee -  Ma la partita col tempo gioca contro "Baffino". Ha tentato di sbarrargli la strada verso il Nazareno con la candidatura di Gianni Cuperlo, ma il colpo è stato un buco nell'acqua. Renzi va via e vince che nel voto dei circoli e ora è pronto a prendersi la segreteria. C'è stato un tempo in cui "Baffino" andava d'accordo con il rottamtore. Qualche mese fa aveva detto: "Penso che Matteo sia l'uomo giusto per palazzo Chigi". Poi arriva la candidatura del rottamataore al Nazareno e qui D'Alema perde le staffe. Il partito "Baffino" lo sente suo. Ma tant'è. I tesserati ormai fuggono verso Renzi e addio D'Alema, addio Pci, addio Ds. Così Matteo fa jackpot e si becca gli insulti di D'Alema: "Sei un ignorante, un presuntuoso, non capisci nulla". Renzi probabilmente ha già fatto sapere agli "amici" di "Baffino" che per lui alle Europee non c'è posto...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    09 Dicembre 2013 - 12:12

    "ma io non tollero che tra avversari politici ci si manchi di rispetto."? ti dovresti ricordare la bottiglie di champagne e la mortadella mangiata da quelli che voti tu quando Prodi fu silurato e per la seconda volta... quando il secondo Governo Prodi fu eletto con una legge confezionata proprio per non farlo governare, il PORCELLUM!

    Report

    Rispondi

  • encol

    02 Dicembre 2013 - 16:04

    Al pari del suo compare il "monegasco" è l'ectoplasma rosso. Entrambe rubano agli italiani da oltre 30 anni e ancora vorrebbero RUBARE. Schifosi !!!!!!

    Report

    Rispondi

  • cappuccettorosso

    20 Novembre 2013 - 14:02

    della politica non gli frega nulla...a lui interessa solo riceverne gli stipendi... lui spende il suo tempo per farsi viaggi in barca e laute cene con vini pregiati facendo produrre il SUO vino ai lavoratori volenterosi....il lavoro lo lascia fare volentieri agli altri.... >^_^

    Report

    Rispondi

  • afadri

    19 Novembre 2013 - 19:07

    Non sono un'estimatore di Renzi, ne tanto meno della politica di sinistra. Ma ad ogni modo come si sta comportando D'Alema dà proprio l'impressione di essere alla canna del gas. Anche la destra ha i suoi problemi, ma io non tollero che tra avversari politici ci si manchi di rispetto. Almeno quello, visto che poi un'interesse comune esiste sempre. Sì, QUELLO DI RUBARE!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog