Cerca

Il retroscena

Cancellieri, la lettera di dimissioni c’è già
ma aspetta la decadenza di Berlusconi

Giorgio Napolitano e Annamaria Cancellieri

Il presidente della Repubblica e il Guardasigilli

Per Sandro Bondi è una «inusuale supplenza politica». Per Matteo Renzi si tratta solo di interventi fatti nel «rispetto delle sue prerogative». Destra e sinistra, però, vedono ambedue lo zampino di Giorgio Napolitano nella gestione del caso di Annamaria Cancellieri. Il Capo dello Stato vuole che l’esecutivo di Enrico Letta prosegua il suo lavoro fino al 2015 e sa che la pedina di via Arenula è decisiva. Per questa ragione, sin dalla pubblicazione delle prime telefonate tra la Guardasigilli e Antonino Ligresti, il presidente ha chiesto all’ex prefetto di non cedere alle pressioni, di non presentare le dimissioni. Lunedì, anzi, ha addirittura fatto trapelare di avere apprezzato la nota della Procura di Torino con la quale si comunicava che il ministro non è stato indagato. 

La blindatura è passata per un altro attore fondamentale, cioè il presidente del consiglio Enrico Letta. È stato lui prima a ribadire la fiducia alla sua ministra, chiedendo al suo vice Angelino Alfano di fare lo stesso, poi a sfidare apertamente il suo partito all’assemblea dei gruppi parlamentari, ieri sera. L’accordo è stato siglato con il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini. È a lui che la Guardasigilli, “scoperta” da Mario Monti, ha promesso di essere pronta a sottoporsi al «voto parlamentare», di avere già scritto il discorso», e, contemporaneamente, di avere pronte le dimissioni. La lettera di addio è già stata offerta al premier e consegnata per quando «il presidente del consiglio ritenesse opportuno usarla». La titolare della Giustizia è pronta dunque a sacrificarsi se quello fosse l’unico modo per tenere in piedi il governo. 

Il ministro non avrebbe nascosto l’amarezza per la presa di distanza di Scelta civica, che la ha scaricata prima degli altri, proprio come il Pd. Per il momento le dimissioni sono rimaste nel cassetto, ma la mossa di ieri sera è servita soltanto a guadagnare qualche settimana di tempo. La procura di Roma, che ha ricevuto le carte da quella di Torino, ha aperto un’inchiesta «in atti relativi», cioè senza indagati e senza ipotesi di reato. Il procedimento è al vaglio del procuratore Giuseppe Pignatone, che assegnerà oggi l’inchiesta a uno dei pm. Ci vorranno settimane per conoscere gli sviluppi. Già trapela che, anche se le dichiarazioni rese dal ministro alla Procura di Torino «non fossero corrette al 100%, potrebbero non essere punibili». Di più, c’è una scappatoia giuridica: è possibile applicare una delle cosiddette «cause di non punibilità» previste dall’articolo 384 del codice penale, cioè «la necessità di salvaguardare il proprio onore». La Guardasigilli può ancora uscire pulitissima.

Il problema non è giudiziario, quindi, ma strettamente politico. Il fronte più caldo resta quello del Pd. Nonostante la decisione di ieri, infatti, il renziano Paolo Gentiloni avrebbe già scritto un ordine del giorno col quale chiede un passo indietro alla ministra. A difenderla è rimasto solo il Pdl: «Sul ministro Cancellieri saremo come sempre garantisti», conferma Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera. Nessuno crede però che l’ex prefetto riuscirà a resistere molto a lungo e per questa ragione è già partito il toto-sostituto. La sua sostituzione avverrà certamente dopo il voto sulla decadenza di Silvio Berlusconi e quindi con ogni probabilità quando Forza Italia sarà all’opposizione. Per questa ragione i predestinati sono il deputato di Scelta civica ed ex pm antiterrorismo, Stefano Dambruoso, oppure due tecnici vicinissimi al Colle come Valerio Onida e Cesare Mirabelli.

di Paolo Emilio Russo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ketaon_01

    21 Novembre 2013 - 16:04

    Quello del colle non perde l'occasione per farsi notare quanto sia incapace. Hai il cervello in acqua , ci vuole il girello. Bravo , tieni unito un governo veramente di falliti , corrotti , incapaci. COMPLIMENTI.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    20 Novembre 2013 - 14:02

    Allorché il tuo padrone disse che ormai non ci sono più comunisti? Solo il vino invecchiato é buono.

    Report

    Rispondi

  • sebin6

    20 Novembre 2013 - 13:01

    sempre a parlare male di berlusconi, Il più grande politico che ha avuto l'italia da giulio cesare in poi, l'uomo del destino, ONESTO, PURO, HA SEMPRE MANTENUTO LE PROMESSE, NON HA MAI RACCONTATO FROTTOLE, MAI HA CORROTTO, MAI HA TRADITO LE SUE DONNE ETC ETC. BISOGNA ESSERE KOMUNISTI PER PARLAR MALE DELL'UNTO DEL SIGNORE.

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    20 Novembre 2013 - 13:01

    Poi, questi delinquenti dei comunisti, vanno cercando i mafiosi, quando li hanno in casa propria.....! Possibile che nessuno ha il coraggio di denunciare quel bavoso comunista del quirinale per associazione mafiosa e alto tradimento alla costituzione....? Dov'è quel Grillo sparlante che nelle piazze vuole mangiarsi tutto è tutti.....? Dov'è il Cavaliere perseguitato dagli zozzoni rossi, dato che ora, potrebbe querelare con prove inconfutabili il bavoso re Giorgio.....? E Angelino...? Non dice nulla il verginello Angelino o è anche lui connivente di questo silenzioso colpo di stato comunista....? Fanno e disfanno a loro uso, consumo e comodo, come se lo stato appartenesse a loro e fosse loro cosa propria, approfittando che gli Italiani sono sornioni e pigri, che sono nei centri commerciali per il periodo prenatalizio e che tutto sommato, non sono abbastanza incazzati, per andare a cacciare i cinghiali con fucili caricati a sale.......!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog