Cerca

La reazione dell'ex delfino

Alfano: non ha mai creduto in me
perché sono andato via

Alfano: non ha mai creduto in me
perché sono andato via

"Una brutta giornata per il  Parlamento e per l’Italia". Angelino Alfano, dopo aver convocato in  "modo solenne" i gruppi parlamentari del Nuovo centrodestra, commenta   così, in una conferenza stampa, la conclusione della procedura che ha  portato alla decadenza di Silvio Berlusconi. La riunione è terminata  con l’approvazione di un documento che ripercorre gli ultimi vent'anni  della storia politica italiana, perchè, spiega il vicepremier,  "rivendichiamo con forza la storia di questi venti anni e le idee che   in materia di giustizia abbiamo propugnato in questi 20 anni". E la   giustizia, avverte Alfano, "non può e non deve uscire dall’agenda del  governo e del Parlamento dei prossimi mesi. Il Pd non ha più alibi".  Possiamo essere il motore per la riforma della  giustizia - insiste Alfano - non ci sottrarremo a questo compito e se   dovessimo portare a termine questa missione nell’ambito dei prossimi   dodici mesi, avremmo rafforzato ancora di più il senso della nostra   partecipazione a questo governo".  Alfano rivendica "la trasparenza, la chiarezza, la nettezza   della "nostra battaglia politica contro la decadenza del presidente   Berlusconi", che testimonia  "più di ogni altra cosa la coerenza e la   corretteza dei parlamentari che hanno fatto una scelta chiara dal   punto di vista politico".   

I timori di Alfano -  In pubblico Angelino Alfano si mostra solidale con Berlusconi a cui ha fatto anche una telefonata subito dopo il voto di decadenza. In realtà Alfano sa che adesso deve giocare la sua partita, che deve pensare alla strategia politica, puntando ad intercettare il voto di quegli elettori di centrodestra che non si riconoscono nei toni più accesi di Forza Italia. Ma dietro la battaglia poltiica, c'è anche l'amarezza umana. Il vicepremier avrebbe detto ai suoi: "La cosa che alla fine mi ha colpito di più è che nonn si sia fidato di me, della strada che gli stavamo preparando con Napolitano. Ha preferito ascoltare quelli che gli consigliavano la spaccatura. Alcuni in buona fede, altri meno". Per Alfano si apre una nuova fase nuova, quella della costruzione da zero di un partito. Per lui si aprono due sfide: da una parte provare a non farsi attaccare addosso l'etichetta di "traditoro" da parte dei falchi, dall'altra  per dimostrare all'elettorato di non essere satelliti del Pd. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stonefree

    28 Novembre 2013 - 20:08

    Ancora con questi falchi? ma rifondi fi2 tanto dopo renzi segretario alfano sicuramente si troverà solo e dovra fare ritorno...

    Report

    Rispondi

  • stonefree

    28 Novembre 2013 - 19:07

    Ancora con questi falchi? ma rifondi fi2 tanto dopo renzi segretario alfano sicuramente si troverà solo e dovra fare ritorno...

    Report

    Rispondi

  • metallurgico

    28 Novembre 2013 - 17:05

    Il cav non ha mai creduto fino in fondo ad alfano appunto perche' non e' certamente uno stupido .

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    28 Novembre 2013 - 15:03

    non crediamo piu' alle favole

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog