Cerca

L'intervista

Renzi: C'è una maggioranza nuova
il governo non può igorarla

Matteo Renzi

Matteo Renzi visto da Benny

 E Matteo Renzi? Nel giorno della decadenza di Silvio Berlusconi lui è a Firenze. Mentre il Cavaliere parla alla sua gente e dice di non preoccuparsi se starà fuori dal Parlamento "perchè un leader può essere tale anche stando fuori dal Parlamento. Farò come Renzi e Grillo", lui manda un messaggio chiarissimo a Letta.  "Questo governo è nato in modo un  pò strano, è nato come un governo di larghe intese, tutti insieme   per fare le riforme e arrivare alla guida del semestre europeo, dal 1 luglio a 31 dicembre del 2014. Oggi il governo delle larghe intese è  saltato e con il ritiro di Forza Italia e Berlusconi non c'è più un   governo di larghe intese. 

L'avvertimento di Renzi Allora questo governo non può continuare ad  andare avanti facendo finta che tutto sia rimasto uguale. Bisogna dare  una svolta. Bisogna fare finalmente le cose che servono". Lo dice   Matteo Renzi in un’intervista al  Corriere della Sera. "E il Pd - aggiunge - in questi mesi, in quest settimane è stato  molto prudente, paziente, responsabile. Ok, siamo stati dei good  guys, dei bravi ragazzi. Però adesso è il momento di chiedere che   le cose si facciano, e quindi ci faremo sentire. Sennò... finish". Poi la sua ricetta sul lavoro. Cita come esempio Donatello che, a chi gli chiedeva come avesse fatto a fare il David, rispondeva: "C'era già. E' bastato togliere il marmo in eccesso". E ha spiegato che le condizioni perché l'Italia torni a crescere ci sono ancora, bisogna togliere burocrazia, l'oppressione fiscale e il sistema della giustizia". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    28 Novembre 2013 - 18:06

    tra Renzi e Berlusconi c'è un abisso. E l'abisso più grande stà nel fatto che berlusconi ha detto molte cose MA NON LE HA MAI REALIZZATE. Renzi, invece, che dice molte cose sullo spreco, sulla efficenza statale, sul Buon Spendere, HA ANCORA DIRITTO AL BENEFICIO DEL DUBBIO. E che il Pd sia il maggior azinista del governo è vero. Un PD ancora infettato dai d'alema-beRsani-bindi-veltroni ecc ecc, ma che si spera verrà PURIFICATO dopo la nomina di renzi a segretario. Altrimenti questa volta, se Renzi fallirà e lo si vedrà entro il marzo/aprile prossimi, ALLORA SARA' DEL TUTTO SICURO CHE GRILLO ANDRA' AL 90% DEI CONSENSI.

    Report

    Rispondi

  • Baggins

    28 Novembre 2013 - 14:02

    Per favore, qualcuno spieghi ai titolisti dei quotidiani che l'espressione "sotto schiaffo" non esiste in italiano. Esiste invece l'espressione "sotto scacco" presa dal gioco degli scacchi. L'espressione, fra l'altro bruttissima, "sotto schiaffo" è stata usata molti anni fa da un ignorantissimo giornalista di "La Repubblica". Per favore, non mettetevi al loro livello! almeno voi scrivete decentemente!

    Report

    Rispondi

  • fossog

    28 Novembre 2013 - 13:01

    Ha ragione Renzi. Il maggiore azionista di questo governo è il Pd. Un PD ancora animalesco perchè infetto dei vari d'alema, bersani, bindi ecc ecc. Ma anche un Pd che stà cercando di macellare le vecchie bestie e assumere il livello dei partiti socialisti 'tipo nord europa' che da decenni danno risposte civili a TUTTO il loro popolo. Alfano vuole mantenere i privilegi ? le rendite di posizione ? difende i pensionati d'oro che hanno versato uno e ricevono dieci ? alfano vuole un popolo diviso in due tra i ricchi ed i poveri che non hanno lavoro ? allora Alfano deve sparire, visto anche che in questi venti anni nè Alfano nè il suo ex capo hanno fatto nulla di utile in proposito.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    28 Novembre 2013 - 12:12

    Sarà anche un Berluschino sinistrorso, Renzi, ma messi come siamo, provare non costa niente. Peggio di Letta e della sua armata Brancaleone non può fare. A mio avviso ha un grave difetto (fra gli altri... difetti ne abbiamo tutti): quello di ostinarsi a cambiare le cose con un partito che "non" è disposto a cambiare niente, perché preferisce lo status quo, che gli permette di blandire le sue clientele e gestire le sue collateralità. E conservando le clientele e le collateralità del PD non si cambia nulla. Farebbe meglio a farsi un partito suo, ma forse non ne ha il fegato. Peccato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog