Cerca

Angelino non ci sta

Alfano: Renzi non tiri la corda altrimenti

Angelino Alfano

Angelino Alfano

“C'è un dato che resta  strutturale e che Renzi non deve dimenticare: noi siamo determinanti. Era così 15 giorni fa e lo è anche adesso. Quindi chiediamo un   contratto di governo, Italia 2014, per dire senza giri di parole che  deve durare un anno e che deve contenere alcune questioni   ineludibili”. Lo afferma, in un’intervista a La Repubblica, il   vicepremier e leader di Ncd, Angelino Alfano, replicando alle  affermazioni rese domenica primo dicembre da Matteo Renzi allo stesso quotidiano.

Le responsabilità di Matteo  -  “Non abbiamo paura di andare a votare anche prima. Decida lui - aggiunge Alfano- se assumersi la responsabilità di far cadere il   presidente del Consiglio del suo partito”. Le sottolineature critiche  di Renzi, afferma tra l’altro il ministro dell’Interno, altro non sono  che “un modo per far fibrillare il governo", ma "tra una settimana ci  sarà il nuovo segretario del Pd e finalmente avranno altro a cui  pensare. Da mesi il governo è condizionato dal loro scontro   interno. Il nuovo segretario democratico avrà il potere di far cadere   il presidente del Consiglio del proprio partito, il suo presidente del  Consiglio. Se vuole esercitare questo potere, lo dica agli italiani   chiedendo il voto con questa legge elettorale”. Quanto a un possibile  rimpasto di governo, Alfano taglia corto: “Non è un tema che ci   ppassiona. Valuteremo tutti insieme”. Infine, per quel che riguarda   il proprio futuro, il titolare del Viminale dice: "Sono orientato   semmai a non avere ruoli operativi nel nuovo partito”. Il vicepremier ha detto di non temere "la vendetta" di Berlusconi. Siamo decisivi per il futuro del centrodestra. E il premier sarà scelto con le primarie". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pi.bo42

    02 Dicembre 2013 - 23:11

    Sono le stesse del Governo della grande(sic!) coalizione, ma tutti sono convinti che l'unica responsabile sia la sinistra. Renzi ha capito, ma ci voleva poco, che, andando avanti con questo governicchio inconcludente, alle prossime elezioni se la vedranno alla pari Grillo e Berlusconi e quella sinistra farà un'altra figura di m------a! L'unica speranza, a mio avviso, per il PD è, il, sia pur non poco criticabile, sindaco di Firenze! Possibile che si debba parafrasare Foscolo "questo di tanta speme oggi ci resta.."? Vi comunico che le simpatie di D'Alema continuano ad essere per Cuperlo, fidatevi, egli rappresenta meglio i brontosauri del partito; cosa questa che può aiutare Renzi a vincere le primarie.

    Report

    Rispondi

  • locatelli

    02 Dicembre 2013 - 15:03

    nessuno si fida piu del traditore alfano e fanno bene

    Report

    Rispondi

  • spalella

    02 Dicembre 2013 - 15:03

    Renzi ha chiesto a questo governo imbecille di fare tre cose entro un anno ! Riforme, parlamento e legge elettorale... lavoro, misure per il lavoro... ed europa, cioè razionalizzare la bestialità Ue... SONO LE STESSE COSE DI CUI PARLA SEMPRE ALFANO ! e allora, da persona con un minimo cervello, perchè Alfano non risponde : và bene, sono d'accordo ? dobbiamo cancellarli al più presto queste vere e proprie bestie di sx e di dx, questi hanno davvero quattro zampe e le corna ....

    Report

    Rispondi

  • brunicione

    02 Dicembre 2013 - 12:12

    Alfano, come tutti gli altri, si sente male quando qualcuno promette di abbassare i costi della politica in modo serio e deciso. Per lui " Prendetemi tutto, ma non il mio reddito".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog