Cerca

Il vertice

Forza Italia, summit per scegliere l'organigramma di partito

Silvio incontrerà i vertici del partito per decidere come gestire l'organigramma. Verdini avrà le deleghe organizzative, ma dovrà vedersela anche con Fitto. Giallo sulla Santanchè

Forza Italia, summit per scegliere l'organigramma di partito

Silvio Berlusconi comincia la sua "campagna d'inverno". Forza Italia ha il vento in poppa dei sondaggi e adesso vede come possibile una vittoria alle urne nel caso si vada verso un voto anticipato. Ma per vincere il partito deve comunque trovare una quadra anche sul piano dell'organizzazione. La struttura di Forza Italia è ancora tutta da scrivere. Il Cav oggi incontra i suoi fedelissimi nella sede di San Lorenzo in Lucina a Roma. Al centro del summit gli incarichi di partito. In vista dell'appuntamento dell'8 dicembre, data in cui il Cav lancerà la vera e propria campagna elettorale per il voto delle europee in primavera, l'asset da rafforzare dentro il partito è quello del radicamento sul territorio.

L'organigramma -
Su questo fronte il Cav conta molto sui club Forza Silvio e così ha scelto Marcello Fiori per il coordianmento delle sedi locali. Ma il vero nodo da sciogliere è quello per la leadership. Dennis Verdini dovrebbe mettere le mani sulle deleghe organizzative. Ma in prima fila per lo stesso ruolo c'è anche Raffaele Fitto. Alla fine dovrebbe spuntarla Verdini, ma comunque è certo che l'ex ministro nel partito dovrà avere un ruolo di peso. Non è ancora chiaro invece il ruolo di Daniela Santanchè. Un posto di primo piano toccherà a Mariastella Gelmini e a Mara Carfagna. Stessa cosa anche per Sandro Bondi. Gli unici ad essere già al riparo da scossoni e da guerre per la poltrona sono i due capigruppo Renato Brunetta e Paolo Romani. Ma l'ex ministro pel la funzione pubblica ormai a quanto pare è un leader indiscusso della macchina da guerra di Forza Italia, e Silvio potrebbe anche scegliere di affidargli il ruolo di coordinatore. Intanto sul fronte delle cariche regionali il mosaico è quasi completo. Giro sarà coordinatore nel Lazio, Gippino in Sicilia, Picchetto in Piemonte. Ma per la comuncazione, settore chiave del partito spunta ancora l'ipotesi del direttore del Tg4, Giovanni Toti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • afadri

    09 Dicembre 2013 - 18:06

    Questi due qua sono tra i politici più imbecilli che il paese abbia mai prodotto. Adesso capite perché l'Italia non decolla o non potrà mai rinascere.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    03 Dicembre 2013 - 19:07

    Finalmente un po' di democrazia!

    Report

    Rispondi

  • Romano_1939

    03 Dicembre 2013 - 16:04

    Vede signore, lei qualifica il cav come moderato ma il Berlusca si è staccato dal n c d perchè i moderati erano loro ed i fALCHI i berlusconiani Come al solito i falce e martello vedono sempre alla rovescia o come vorrebbero che ciò fosse

    Report

    Rispondi

  • Romano_1939

    03 Dicembre 2013 - 16:04

    Cav nell,assegnare le cariche, cariche importanti, si ricordi di chi nei suoi confronti si è sempre battuto in prima persona senza mai cambiare rotta: Santanchè Belfiore Bondi Capezzone questi dovrebbero essere in prima fila poi eventualmente gli altri Si la Gelmini - la Garfagna saranno anche brave ma, secondo il mio parere sono un po mosce in poche parole stancano.-

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog