Cerca

Contro la diaspora azzurra

Brunetta sfotte Alfano
"Torna a casa Angel-Lassie
o Renzi te lo mette..."

Nel mattinale, l'appello-sfottò dei deputati forzisti all'ex segretario: "Noi ti aspettiamo un anno, l'Italia no"

Brunetta, Alfano e Lassie

Brunetta, Alfano e Lassie

Dopo i toni epocali, le minacce e i paragoni a Fini, Renato Brunetta la mette sullo sfottò. Il mattinale, la consueta nota politica redatta dallo staff del gruppo forzista alla Camera dei deputati, ha per protagonista Angel-Lassie, l'ex segretario del partito Alfano al quale gli azzurri chiedono di tornare a casa. E al quale ricordano che "l'ultima volta che si è sentito parlare di 'discontinuità' fu ai tempi di Follini, anche lui vicepremier". Non gli andò bene (alzi la mano, oggi, chi sa cosa faccia e in che partito militi Follini). Per Alfano come per Follini, Fini proseguono gli azzurri di Brunetta, è stata la "sfiga la categoria politica delle Fasi 2, dei governi bis, delle discontinuità para-punzi-punzi-pà". E a proposito, motteggiano, "sai, caro Angelino, dove ve la mette, la discontinuità, Renzi?". Allora, il consiglio è "vota la sfiducia, Angelino. Ritirati da un governo il cui primo atto di discontinuità c'è già stato, ed è stato l’inchino al nuovo segretario del Pd che ancora non c'è ma già detta tempi e regole al premier, il quale, in atto di ossequio extraparlamentare, mette la sovranità popolare in posizione subordinata alla sovranità della sinistra che sceglie il proprio Matteuccio I. Deciditi. Non ti aspettiamo un anno. Non ti aspetta l’Italia". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • white warrior

    04 Dicembre 2013 - 14:02

    La politica italiana si fa conoscere non certo da oggi, le polemiche velenose fra ex di Partito sono storia vecchia e certo, non edificante, ma, entro certi toni e limiti, più comprensibili delle difese d'ufficio non si capisce se fra ex nemici, per giunta, mentre polemizzano o nel caso, si rivolgono inviti coloriti non diretti a altri. I quali, invece, si intromettono solo per rivolgere offese che prendono spunto dalla bassa statura, dimostrando, in tal modo, per restare al livello di discorso in cui i denigratori di pronto intervento si sentono a casa propria, un 'nanismo politico' ben al di sotto del livello di rispetto che rivendicano per sé. Poi, se si vuole, anche con più garbo dell'usato, un parere sul modo più opportuno di giudicare questo o quello, non ha senso minacciare di derisione, anche perché, per molti pià di quanto si pensi, la cortesia non ha bisogno di essere estorta con le buone o per non smentirsi, con le cattive. Nel qual caso, inutile stupirsi degli altri.

    Report

    Rispondi

  • JamesCook

    04 Dicembre 2013 - 13:01

    Egr.Sig. Visto che Lei è un fine conoscitore dei costumi della Politica Italiana in particolare del PDL/Farsa italia cosa avrà pensato di vedere in televisione lo scontro tra le Santanchè e Formigoni,dove la Pitonessa giudicava martire il suo capo Silvio mentre auspicava un intervento della magistratura sulle presunte malefatte di Formigoni..... in regione!con Brunetta il circo Barnum è al completo, risparmi altri commenti se non vuole essere deriso!

    Report

    Rispondi

  • white warrior

    04 Dicembre 2013 - 13:01

    I sinistri, che accusano gli altri di essere incivili e intolleranti, fanno i mastini e i cani da guardia di Alfano! Ah, che bella parabola sulla scarsa attendibilità politica, morale e umana di questa specie antropologicamente superiore! Si mettono a difendere Alfano! Dopo avergliene dette di tutti i colori, dopo averlo maledetto e ricoperto di ogni genere di offese dalla testa ai piedi, ora, Alfano non si tocca! E così, odio per B., Brunetta, FI e furore e terrore perché i sondaggi, per quel che valgono, ma unanimi, portano verso l'alto la parabola di chi i sinistri davano per morto anche nelle previsioni demoscopiche e meteo, gli fanno rimangiare con mucho gusto tutte le porcherie che gli scappano dalla bocca salendo dalle viscere e senza passare per il cervello, chiuso per esaurimento nervoso in corso o per dismissione e cause perse. Reazioni patologiche che danno ragione a Brunetta: Alfano, da guardiano anti-tasse a guardato a vista da chi fa di te un osso nella ciotola di Letta

    Report

    Rispondi

  • battaglinip

    04 Dicembre 2013 - 12:12

    Stolti che insultate Brunetta, ricordatevi del pollice e dell'indice!!!!. Brunetta inoltre ha il sale in testa, voi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog