Cerca

Totonomi dem

Segreteria Pd, se vince Renzi
Fassino in pole per la presidenza

La squadra che guiderà il partito se il rottamatore vincerà le primarie di domenica sarà operativa già lunedì a mezzogiorno

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Matteo Renzi ha annunciato che, se domenica vincerà le primarie per la segreteria del Pd, la sua squadra sarà operativa già lunedì a mezzogiorno. Ma di nomi certi, per la composizione della segreteria dem, a cinque giorni da quella scadenza ve n'è solo uno. Secondo La Stampa, si tratterebbe di Luca Lotti, giovane, biondo e scarmigliato deputato fiorentinoal quale da tempo il sindaco di Firenze affida le pratiche più delicate, dalle candidature nelle liste ai rapporti col gruppo parlamentare. A lui andrebbe il posto di coordinatore della segreteria piddina. Il nome di Lotti ne fa fuori automaticamente altri due: quello di Maria Elena Boschi, organizzatrice della Leopolda e gradita ospite in molti talk show, e quello di Simona Bonafè che lo segue fin dal camper delle scorse primarie contro bersani. Motivo? Le due sono fiorentine e Renzi non vuole trasmettere l'immagine di un leader chiuso a riccio con i suoi.

Il nome "big" è quello di Piero Fassino, che è dato per favorito alla presidenza del partito, il ruolo che fu della Bindi. Il delicato (ora che il finanziamento pubblico verrà meno) incarico di tesoriere potrebbe andare a Lorenzo Guerini, già sindaco di Lodi e ben addentro al mondo degli enti locali. All'organizzazione potrebbe andare Stefano Bonacini, ex bersaniano, segretario del Pd emiliano e in predicato per una candidatura a sindaco di Modena. Per la casella di responsabile economico girano i nomi di due economisti: il deputato Yoram Gutgeld (notoriamente il guru economico del sindaco di Firenze) e il bocconiano Tommaso Nannicini.  Tra le donne, che saranno la metà dei dodici in squadra, i nomi più accreditati sono quello della governatrice del Friuli Venezia Giulia Deborah Serracchiani e quello della giovane insegnante palerminata Mila Spicola. Per la comunicazione, favorito sembra essere Antonio Funiciello, uno dei volti nuovi e in ascesa del renzismo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    22 Maggio 2014 - 09:09

    Con Fassino avremo il presidente del dito medio- dalle cazzate infantili alla presidenza il passo è purtroppo breve.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    04 Dicembre 2013 - 18:06

    non credo che Renzi sia così stupido...

    Report

    Rispondi

  • bettely1313

    04 Dicembre 2013 - 17:05

    costui aveva pronta la lista per l'occupazione delle varie poltrone, adesso è fuori lui e i suoi discepoli.

    Report

    Rispondi

  • dx

    04 Dicembre 2013 - 15:03

    troppo magro? aspetto malaticcio? legato troppo al vaticano? --- ??? forse per immolarlo adesso. è proprio vero: nel pd non c'è proprio più trippa, nemmeno per i gatti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog