Cerca

L'articolo

Senatori a vita, il regolamento autorizza la Giunta a chiedere ulteriore documentazione

Nessun "affronto istituzionale" nella mossa di Forza Italia contro i Senatori a vita: è una facoltà della Giunta chiedere più informazioni

Senatori a vita, il regolamento autorizza la Giunta a chiedere ulteriore documentazione

Nessun affronto, nessuna arroganza istituzionale. La richiesta di rinvio della convalida dei quattro senatori a vita nominati lo scorso 30 agosto da Giorgio Napolitano è una mossa prevista del regolamento parlamentare. L'articolo 19 del Regolamento della Giunta per le elezioni recita che "sulla validità dei titoli di ammissione dei senatori nominati a vita dal Presidente della Repubblica - si legge -, la Giunta esercita un controllo di legittimità, verificando la regolarità formale del decreto presidenziale di nomina e la sussistenza, nel nominato, dei requisiti di legge". Quindi i parlamentari azzurri Elisabetta Alberti Casellati e Lucio Malan, membri della giunta in quota Forza Italia, fanno solo il loro mestiere. A quanto si è appreso, i due senatori (che siedono anche nel Consiglio di presidenza di Palazzo Madama, l’una come segretario di presidenza, l’altro come Questore), avrebbero sollecitato la trasmissione da parte della presidenza della Repubblica di elementi a ulteriore supporto degli "altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario" previsti dall’art. 59 della Costituzione ai fini della nomina dei senatori a vita da parte del   Presidente della Repubblica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    05 Dicembre 2013 - 15:03

    Senatori a vita. L'intervento n. 2 ha spiegato chi sono, come si nominano e perché... Non fa una grinza,ma non c'é peggior sordo di chi non vuol sentire. Bananas fanatici ! Per voi é meglio Capezzolone, Gasparri e i leghisti.

    Report

    Rispondi

  • robylella

    05 Dicembre 2013 - 12:12

    Avranno anche dei meriti, ma questi non sono altissimi come i sinistri vorrebbero far valere, da giustificare un titolo di senatore a vita. Di questo passo allora ne dovremmo avere migliaia di senatori a vita!

    Report

    Rispondi

  • blu521

    05 Dicembre 2013 - 10:10

    Lei è un originale. Vorrebbe cambiare la Costituzione con un decreto? Bananas scacciapensieri!

    Report

    Rispondi

  • alpaio

    05 Dicembre 2013 - 10:10

    In Libero (perfetta cinghia di trasmissione di "Forza Italia") regna una palmare confusione. Come si fa a chiedere "documentazione" sui titoli giustificativi di maestri (in campi diversi, evidentemente) come Piano, Abbado, Rubbia. Sottolineo che la Costituzione Italiana prevede la concessione (libera e non condizionata) del Presidente della Repubblica del titolo di Senatore a vita a quei cittadini che "che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo sociale, scientifico, artistico e letterario" (art.59). Evidentemente tali titoli non sono da intendere presenti contemporaneamente, ma selettivamente. E' difficile trovare un cittadino che li possegga tutti. Nemmeno il direttore di Libero....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog