Cerca

La bordata

Forza Italia, Bondi: "Alfano ci ruba i parlamentari"

Bondi attacca a testa bassa Angelino: "Ncd è in pressing sui nostri parlamentari per convincerli a cambiare casacca". Poi la bordata: "Angelino deve mollare una delle due poltrone che ha"

Angelino Alfano

"Angiolino" Alfano

"Basta fare scouting su altri Parlamentari per convincerli ad aderire a Ncd". L'accusa è di quelle che fanno male. E a farla è Sandro Bondi. L'ex ministro mette nel mirino ancora Angelino Alfano e i suoi e denuncia uno "scouting" sospetto a palazzo Madama: "Mi chiedo se si possa considerare   moralmente corretto che ministri in carica appartenenti al nuovo   centrodestra lavorino con particolare insistenza per favorire il passaggio di parlamentari di Forza Italia e di altri gruppi al loro   nuovo partito. La prima riforma della politica dovrebbe essere quella   di scoraggiare questa forma di abigeato politico, che trasforma il   Parlamento in una specie di suburra", afferma Bondi.

"Basta con i traditori" -  "E poi -aggiunge- ci dovremmo pure alleare, dopo   la loro alleanza con la sinistra, con questo partito!". Insomma l'accusa è chiara: Gli alfaniani vogliono vampirizzare Forza Italia e far crescere le proprie truppe. Secondo alcune indiscrezioni raccontate dall'Agi, sarebbe in arrivo il trentadueseimo senatore per il Nuovo Centrodestra, si chiama Michelino Davico, dovrebbe esprimere un voto di dissenso rispetto all’atteggiamento della Lega, votando la fiducia al governo per poi passare nei prossimi giorni nel gruppo di Angelino Alfano. Ma se nel Carroccio c'è chi non vuole cavalcare la linea anti-europea di Salvini, anche in Forza Italia c'è chi si interroga sul da farsi, visto che anche un altro senatore azzurro potrebbe la prossima settimana annunciare il cambio di casacca. Insomma i transfughi in Aula sono tanti e il pericolo emorragia è sempre in agguato.

"Dimettiti" -  Ma Bondi non è preoccupato solo per lo "scouting" degli alfaniani, l'ex ministro chiede anche ad Angelino di fare un passo indietro: "Particolarmente in un momento come questo, caratterizzato da forti tensioni sociali che impongono una   saggia e attenta gestione dell’ordine pubblico, non appare opportuno   che l’onorevole Alfano mantenga due importanti responsabilità: quella  di segretario di partito e di ministro dell’Interno. Lo sostengo senza  alcuno spirito polemico, ma segnalando un problema che avrebbe già   dovuto essere affrontato e sciolto dal diretto interessato. Non   rammento infatti nella storia repubblicana altri casi analoghi". Insomma la guerra è ancora aperta e i falchi non hanno alcuna intenzione di mollare la presa sulle colombe...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    17 Dicembre 2013 - 10:10

    faranno la fine dell'Udc e di Sciolta Civica... sono già sulla buona strada!

    Report

    Rispondi

  • raf1943

    13 Dicembre 2013 - 19:07

    E poi per anni si è detto che la campagna acquisti la faceva sempre Berlusconi(c'è persino un processo intentato al riguardo nei suoi confronti!)!Adesso è il turno di Alfano e compagnia bella!Perchè non passano nel mondo del calcio dove la campagna acquisti è aperta quasi tutto l'anno?Perchè non si rendono conto che così facendo riescono magari ad acquistare un parlamentare ma perdono almeno centomila voti di elettori di centro destra!Così fece Fini e poi sappiamo come è andata a finire!!

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    12 Dicembre 2013 - 17:05

    ...che comprava parlamentari dagli altri partiti andava bene, immagino...

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    12 Dicembre 2013 - 16:04

    Insomma Alfano in questo governo qualcosa deve pur fare, non fa il ministro dell'interno, non fa il vicepremier, come capo partito lascia il tempo che trova, la sola cosa che gli resta é il bracconaggio. Faccia pure, tanto alla fine i voti li daranno gli elettori che hanno buona memoria.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog