Cerca

Silvio non molla

Berlusconi: "Non farò come Craxi, lotterò in Italia. Il suo libro? Lo leggo in carcere"

Il leader di Forza Italia ricorda Bettino: "Combatto anche per lui. Non siamo un Paese democratico, contro di me 4 colpi di Stato di sinistra e toghe"

Berlusconi: "Non farò come Craxi, lotterò in Italia. Il suo libro? Lo leggo in carcere"

"Ho letto solo le prime 30 pagine del libro sulla vita di Bettino Craxi. Vuol dire che le altre mi riserverò di leggerle quando sarò in galera...". E' l'unica battuta, amara, che Silvio Berlusconi riserva ai giornalisti durante la presentazione del volume curato da Niccolò Amato sullo storico leader socialista, morto a Hammamet, in Tunisia, 19 gennaio del 2000. Per il resto, i toni sono gravi, preoccupati, cupi. La sensazione è che il leader di Forza Italia tema un nuovo assalto giudiziario, un modo per eliminarlo definitivamente dalla vita politica italiana. Di una cosa, però, il Cavaliere è certo: "Non andrei via dal mio Paese per evitare una carcerazione, sarei colpevole nei confronti di chi mi ha dato il voto". Esilio, fuga? Tutte opzioni impossibili, dunque. "Sono disposto a continuare la lotta, perché non solo non darei una fine decorosa alla mia avventura umana, ma sarei anche colpevole nei confronti di coloro che mi hanno dato il voto. Sento di avere la possibilità di convincere i nostri concittadini che abbiamo ancora molte chance di cambiare la situazione e di fare del nostro Paese un Paese civile e democratico".

"Quattro colpi di Stato" - Berlusconi come Craxi, ma solo per l'accanimento giudiziario. La reazione sarà diversa. "Capisco Bettino - prosegue il leader di Forza Italia -,non c'era speranza alcuna ma io sono   intenzionato a continuare la lotta, non andrò all’estero e lo farò anche per il mio amico Bettino". Il nemico comune, secondo il Cav, è la magistratura che a suo dire si è accordata con alcuni partiti per "assassinare il leader del centrodestra e portare a compimento il disegno di vent'anni di eliminarmi dalla scena politica". E tra quei naturalmente il principale è il Partito democratico. Intorno al maggior partito della sinistra "e a Magistratura democratica" sono ruotati i "quattro colpi di Stato" messi in atto dal 1994 ad oggi contro di lui. L'ultimo, secondo Berlusconi, nel novembre 2012: "Quando si diffuse la notizia di un mio ritorno in campo, si cambiò la strategia: oltre ai pm di estrema sinistra, scesero in campo contro di me anche i giudici: tre su tre di strema sinistra e sono stato condannato". "L'Italia - conclude - è l’unico Paese dell'Occidente che ha una magistratura che non è controllata e non è controllabile. E’ una magistratura che ha una completa impunità. L'Italia non è una democrazia".

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • honhil

    15 Dicembre 2013 - 09:09

    Andare controcorrente, a volte è necessario. Non è per amore verso Craxi o Berlusconi, ma la superficialità becera a spingermi: si spara ad alzo zero, spinti soltanto dalla propria malevolenza o dalla dipendenza ideologica o, peggio, dalle due cose messe insieme. Senza tenere presente il quadro generale e le anomalie a cui la politica ci ha abituati a convivere e a subire. E la prima anomalia sta al Quirinale, per il solo fatto che gli errori politici, in Italia, non si pagano. Mai. Almeno che non lo voglia la Sinistra. Tanto è vero che il dirigente comunista che per opportunità politica, e con tanto cinismo, disse, nel 1956, all'indomani dell'invasione dei carri armati sovietici a Budapest,"in Ungheria l'Urss porta la pace", ne è l’inquilino.

    Report

    Rispondi

  • honhil

    15 Dicembre 2013 - 09:09

    E che dire dell’esultanza del Ministro degli Esteri a commento della liberalizzazione in Uruguay della marijuana: “Marijuana libera in Uruguay: Benissimo, ci vado a marzo“? E questo mentre gli italiani di buonsenso, da mesi e mesi, si aspettano che vada a mettere le tende in India, per riportare a casa i due Marò. E che dire di una riforma della Giustizia sempre annunciata, e più e più volte anche da più di un capo di Stato, Napolitano compreso, e mai attuata? Ma riflettere, si sa, costa fatica: meglio abbandonarsi alle correnti di pensiero e sopravvivere.

    Report

    Rispondi

  • fearofthedark

    fearofthedark

    14 Dicembre 2013 - 09:09

    insieme alla collana di cavalier pompetta fa una bella parure!

    Report

    Rispondi

  • bellunolibero

    14 Dicembre 2013 - 01:01

    ..che l'hanno condannato! ma quando comincerà a scontare la pena?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog