Cerca

Blitz a Palazzo Madama

Senato, salta l'emendamento anti-sprechi sugli affitti dei palazzi del potere. Marcia indietro alla Camera

L'emendamento Fraccaro (M5S) permette allo Stato di recedere dai contratti di locazione troppo esosi per i "palazzi del potere". Guerra di emendamenti tra Palazzo Madama e Montecitorio

Senato, salta l'emendamento anti-sprechi sugli affitti dei palazzi del potere. Marcia indietro alla Camera

Un pasticcio da antologia sui palazzi della Casta affittati a peso d'oro. Sabato la Camera, con un emendamento firmato da Pd, M5S, Scelta civica, Lega Nord, Autonomisti e Forza Italia, ha di fatto sconfessato quanto votato dal Senato poche ore prima, che a sua volta sconfessava quanto votato alla Camera una settimana fa. Colpa del rilievo dato dalla stampa a quella furbata che blindava i contratti di affitto dei "palazzi del Potere", praticamente impossibili da annullare anche laddove lo spreco fosse sotto gli occhi di tutti.

Blitz e marcia indietro - Il guaio che ha costretto la Camera a una precipitosa marcia indietro l'aveva combinato la senatrice Pd Magda Zanoni, il cui emendamento avrebbe "consentito" allo Stato italiano di continuare a pagare affitti milionari (roba da 444 milioni di euro in 18 anni sborsati dalla Camera solo per 4 palazzi) per i "Palazzi del Potere", gli uffici degli onorevoli. Lo scorso 13 dicembre, un emendamento alla "manovrina" presentato dal deputato grillino Massimo Fraccaro era stato approvato dal Senato "per sbaglio". Quell'emendamento prevedeva che "le amministrazioni dello Stato, le Regioni e gli enti locali, nonché gli organi costituzionali nell’ambito della propria autonomia, hanno facoltà di recedere, entro il 31 dicembre 2014, dai contratti di locazione di immobili in corso alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Il termine di preavviso per l’esercizio del diritto di recesso è stabilito in trenta giorni, anche in deroga a eventuali clausole difformi previste dal contratto". Una norma che permette allo Stato di risparmiare una bella manciata di milioni di euro operando una "spending review" sugli immobili presi in affitto. Ma il Senato, e il Parlamento in generale, a quegli immobili presi in affitto e spesso pagati a peso d'oro ci tengono eccome. E in appena 6 giorni, alla faccia delle lungaggini burocratiche e dei complessi iter burocratici, ecco che a Palazzo Madama la maggioranza ci mette la toppa votando la "contro-modifica". 

Palazzi a peso d'oro - Vengono salvati, tra gli altri, i Palazzi degli uffici dei deputati affittati, spiega il Corriere della Sera, con il meccanismo del global service all'immobiliarista Sergio Scarpellini. Con lui lo Stato fa affari fin dagli Anni 90: la sua società Milano 90 mette a disposizione di Montecitorio quattro immobili con servizi a oltre 500 euro annui al metro quadrato. Totale in 18 anni, come detto, di 444 milioni buttati letteralmente al vento. Di quei 4 affitti, uno è stato annullato. Gli altri tre continuano invece a pesare per 26 milioni di euro l'anno solo in canone d'affitto. Con l'emendamento Fraccaro si potrebbe recedere senza incorrere in penali, ma la legge votata al Senato "scongiurava" il rischio. Uno scandalo troppo grande, però, in tempi di spending review annunciate ogni giorno. E così alla Camera è arrivato l'emendamento Giachetti a riportare la legge sui binari iniziali, virtuosi. Sempre che al Senato non ci scappi un'altra sorpresa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabiou

    22 Dicembre 2013 - 18:06

    a noi mettono l IMU perche loro devono regalare i soldi ai lobbisti. indegni. rivoluzione unica via

    Report

    Rispondi

  • alpaio

    22 Dicembre 2013 - 15:03

    Che sia l'inizio di un'era di maggiore obbiettività? Attendiamo (fiduciosi) conferme....

    Report

    Rispondi

  • alpaio

    22 Dicembre 2013 - 15:03

    Nella "Fattoria degli animali" di Libero, si tengono in evidenza le notizie scadute (che fanno piacere),come quella che dice "salta l'emendamento anti-sprechi sugli affitti dei palazzi del potere", mentre non si pubblica (DOVEROSAMENTE, per i quotidiani seri) quella che smentisce la nota originale. Oramai anche i sassi (ma non Libero) sanno che Renzi ha obbligato il PD a smentire l'infausta mossa iniziale,con una nuova iniziativa parlamentare,che fa giustizia alla topica. Quando Libero se ne accorgerà? Quando la faccenda avrò perso di importanza ed attenzione, presso i suoi accaniti fans, evidentemente. A meno che la smentita non sia la (una!) riga senza senso e senza commento che recita :"Ma i colleghi "rimediano": butteremo altre centinaia di milioni". Ma che vuol dire "butteremo altre centinaia di milioni"? Questa è la libertà di stampa, secondo Libero.....

    Report

    Rispondi

  • encol

    22 Dicembre 2013 - 13:01

    buttare fuori a calci in culo tutti i buffoni del parlamento. Questo è assolutamente scevro da violenze, seguendo il suggerimento di Papa Francesco, ma terribilmente efficace.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog