Cerca

Le vacanze della Casta

Il Natale dei politici: Renzi in montagna, Berlusconi ad Arcore, i ministri in famiglia

Vietato allontanarsi troppo da Roma: venerdì CdM delicatissimo sul Milleproroghe. E una cinquantina di deputati se ne va in carcere...

Il Natale dei politici: Renzi in montagna, Berlusconi ad Arcore, i ministri in famiglia

Ricordate i tempi delle vacanze alle Maldive di Fini, Casini e Rutelli? Era giusto un anno fa ma pare un secolo: perché oggi il clima è cambiato: più rigido, in tutti i sensi, il Natale del governo in carica. Bollente la vigilia, con la polemica sul "Salva Roma", e gelide le prospettive: venerdì 27 è in programma un Coniglio dei ministri per varare il tradizionale decreto "Milleproroghe" che rischia di essere un altro autogol in parlamento. E così il premier Enrico Letta e i suoi compagni di squadra si sono ritagliati giusto un paio di giorni di tranquillità, tra Natale e Santo Stefano, prima di ributtarsi nella mischia. Tutti in Italia, tutti in famiglia, un po' in onore della spending review che almeno a parole è ancora un imperativo categorico, un po' perché allontanarsi troppo da Roma in questo momento non è affatto consigliabile. 

Ministri in famiglia - Letta sta trascorrendo questi due giorni a Pisa, con moglie, figli e genitori. Il suo vice, Angelino Alfano, è in località top secret "per motivi di sicurezza". Il ministro della Difesa Mario Mauro è in viaggio istituzionale all'estero, insieme ai contingenti militari italiani. Quello delle riforme Gaetano Quagliariello, invece, ha preferito restare a Firenze, con la moglie. E vicino a Ponte Vecchio chissà che non incroci anche il sindaco e neosegretario Pd Matteo Renzi, che svincolato da impegni di governo potrebbe poi concedersi qualche ora in montagna, a sciare, e forse a organizzare in alta quota la riunione della segreteria democratica del 3 gennaio. E in montagna si divertirà anche il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato, celebre per le sue escursioni. Natale in famiglia anche per i presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso, per Beppe Grillo a Genova e Gianroberto Casaleggio a Milano e per Silvio Berlusconi ad Arcore, con Francesca Pascale: giornate in villa prima di una puntata in Trentino Alto Adige. 

Dal carcere ai senza tetto - Saranno vacanze di lavoro, invece, per il forzista Renato Brunetta ("Passerò il periodo delle feste tra Roma e l'Umbria, a lavorare alle bozze del mio ultimo libro Il grande imbroglio 3, che uscirà nei primi mesi del 2014") e per una cinquantina di parlamentari che trascorreranno Natale e Santo Stefano... in carcere, per "ribadire, con un gesto da credenti, l'impegno politico contro il sovraffollamento e le condizioni disumane di alcuni istituti penitenziari italiani". Natale in famiglia, sì, ma non riunita per Cècile Kyenge: in pausa di riflessione col marito, il ministro dell'Integrazione ha passato la festa servendo alla mensa dei poveri insieme alle due figlie Maisha e Giulia al Centro Astalli di Roma. In sala era presente anche il marito Grispino, in disparte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stefano colussi

    26 Dicembre 2013 - 16:04

    Sto con la Casta, e sto barricato in casa. In trepida attesa... che la Casta mi "Casti" e, soprattutto, non mi "castri" in modo ir/rimediabile...trepida attesa: insomma mi piacerebbe che una delle 1000 (mille) & 1000 (mille) proroghe sia relativa alla mia povera persona. Stefano Colussi, Stati Uniti d'Europa.

    Report

    Rispondi

  • encol

    26 Dicembre 2013 - 15:03

    A ben vedere sono sempre in "festa grande" comunque la maggior parte di loro (almeno 800 parlamentari) dovrebbero risiedere in galera e li festeggiare o fare ciò che vogliono. Ladri impenitenti dal primo all'ultimo.

    Report

    Rispondi

  • vival

    26 Dicembre 2013 - 15:03

    pensate un po!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! vanno anche di loro spontanea volontà.

    Report

    Rispondi

  • Gancherro

    26 Dicembre 2013 - 13:01

    Ti piacerebbe vero, pezzo di ...komunistoide! Quanto ti piacerebbe instaurare uno stalag qui in Italia per rinchiuderci tutti i non komunisti e poter così instaurare un bel regome tipo p.c.u.s. Sparisci mona dal nick più mona ancora. Tovarish di m...da!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog