Cerca

La fine del caso

Alma Shalabayeva atterra a Roma e incontra il ministro Bonino: "Sono felice di essere di nuovo qui"

La moglie del dissidente kazako torna in Italia a 7 mese del blitz che l'ha vista rimpatriare a forza. Il ministro: "Risultato che sembrava impensabile"

Alma Shalabayeva atterra a Roma e incontra il ministro Bonino: "Sono felice di essere di nuovo qui"

E' atterrata a Roma, ha salutato il ministro degli Esteri Emma Bonino, e poi ha ripreso il viaggio in direzione Svizzera. Alma Shalabayeva, la moglie del dissidente kazako Mukhtar Ablyazov rimpatriata la scorsa primavera nel paese centroasiatico con grande imbarazzo delle istituzioni italiane, è adesso di nuovo libera di spostarsi come preferisce: le autorità del Kazakistan hanno annunciato il 24 dicembre il ritiro del provvedimento di fermo che gravava sulla donna, alla quale era impedito di uscire dai confini municipali di Almaty, la cittadina in cui è residente. Shalabayeva dovrà poi tornare nel Palazzo di Giustizia romano per essere sentita dal pm Eugenio Albomonte, che l'ha iscritta nel registro degli indagati perpossesso di documenti falsi.

I ringraziamenti - "Grazie a tutti e al ministro Bonino, sono molto felice di essere qui". Sono le prime dichiarazioni della Shalabayeva appenna atterrata in Italia. Recatasi poi alla Farnesina con le tre figli, la donna ha incontrato il ministro. "All’inizio di giugno sembrava davvero impensabile ottenere questo risultato - è il commento di Bonino -, ma ci siamo riusciti grazie alla determinata e costante azione del governo e delle forze parlamentari".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gaidem

    27 Dicembre 2013 - 23:11

    Che Napolitano le dia subito la cittadinanza italiana: chi più italiana, infatti, di un'imbrogliona entrata in un paese straniero con passaporto falso, moglie di un truffatore - sedicente dissidente - che ha rubato sei miliardi di dollari alla banca di cui era presidente, e, dulcis in fundo, pure cornuta, essendo il marito stato arrestato in Francia mentre era in dolce compagnia dell'amante avvocatessa!

    Report

    Rispondi

  • giovannick

    27 Dicembre 2013 - 21:09

    Concordo con tutti gli improperi contro codesta ministra inutile al pari di molti altri ministri del governo in carica di marca pd (Kyenge su tutti). Egregi, mi dispiace assai, ma ci dovremo abituare ad un mare di ministri parolai di questa risma che se ne fottono dell'Italia e degli italiani. Gli frega solo di avere il colpetto sulla spalla a mo' di incoraggiamento da parte della Merkel, di Van Rompuy, di Barroso, della Lagarde. La missione dei quali è quella di farci sguazzare nel letame. Col concorso primario della nostra classe politica, non senza sottolineare - per onor di cronaca - che con i ministri dell'altra parte politica la situazione e le prospettive non fossero poi così rosee...

    Report

    Rispondi

  • er sola

    27 Dicembre 2013 - 18:06

    Invece di pensare a questa kazaka di cui non ci frega una sega, pensasse a far tornare i nostri Marò. Letta ma, che ministri hai scelto, uno peggio dell'altro!! Anche per questo motivo il governo deve cadere al più presto.

    Report

    Rispondi

  • primus

    27 Dicembre 2013 - 18:06

    Questi cialtroni si occupano di tutti fuori che degli italiani, per loro tasse su tasse, i marò lasciati al loro destino, per questa piena di soldi moglie di un condannato, per i clandestini arroganti e delinquenti già condannati, che sono nel cie di Roma si fanno in quattro, si vergognassero, opportunisti miserabili

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog