Cerca

La successione

Quirinale: da Prodi a D'Alema
i possibili successori di Napolitano

Massimo D'Alema e Romano Prodi

D'Alema e Prodi

Giorgio Napolitano non ha alcuna intenzione di sciogliere le Camere. Piuttosto le dimissioni. Come scrive  il Corriere della Sera, se il governo Letta non andrà avanti con le riforme, il Capo dello Stato sarebbe pronto a lasciare. E così il toto-Colle che già impazzava nei giorni scorsi, sta diventatando un tormentone nei palazzi del potere e sui social network. In pole position c'è Romano Prodi. Per lui, dopo l'umiliazione subita dai 101 franchi tiratori, potrebbe essere la volta buona considerato che gode del benestrare di Matteo Renzi che non ha mai fatto mistero della sua stima per il Professore.

 Gli altri nomi - Ma la sua elezione anche questa volta non è così scontata. Il suo non è l'unico nome "papabile" perché circola anche quello di Luciano Violante. Ex presidente della Camera, ex  comunista, ex magistrato che, nei giorni caldi precedenti al voto sulla decadenza del Cavaliere, aveva attirato l'ira funesta della sinistra per le sue posizioni garantiste su Silvio, per aver sostenuto il suo diritto alla difesa. Un nome questo che potrebbe non dispiacere l'era berlusconiana ma che invece appare fortemente divisivo all'interno del Partito democratico. C'è poi Massimo D'Alema. Baffino. Rottamato da Renzi potrebbe essere salvato proprio da lui e proprio dal nuovo segretario lanciato al Colle. Tra i due, al di là delle posizioni divergenti, c'è rispetto reciprovo. Ma rimbalza un altro nome, quello di Letta. Si parla anche di un possibile ticket Matteo Renzi a Palazzo Chigi e Enrico Letta al Quirinale. Ma il premier deve aspettare di compiere 50 anni per salire al Quirinale. E secondo i retroscenisti sarebbe anche questo il motivo per cui Letta intende mantenere in vita il suo governo. Il 2016 è lontano ma non troppo...

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fraferra

    21 Marzo 2014 - 20:08

    I nomi elencati nell'articolo sono tutti obbrobriosi,,,,, Sono tutti dannosissimi,,,,,, Possibile che non ce ne siano altri più puliti e migliori??

    Report

    Rispondi

  • francori2012

    02 Gennaio 2014 - 18:06

    Troppa gente,se in buona fede, nomina Prodi.E'incapace,ha la faccia da ebete, ha tentato di"regalare la SME a quella "buona lenza"dell'ingegnere.Ronfava"a colloquio con due funzionari dell'ONU beccandosi del"Garbage"quindi si merita la Presidenza,Of course.

    Report

    Rispondi

  • giovannick

    30 Dicembre 2013 - 21:09

    Viene naturale commentare: vinca il peggiore. Cioè Prodi. E non è per niente facile mettere insieme in una sola volta una tale formazione da urlo. Tra una strizzata di maroni e votare per uno di quelli preferirei la prima opzione. Almeno il dolore lo sento tutto subito. I danni che invece ognuno di quelli è in grado di fare possono durare decenni o forse anche secoli...

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    30 Dicembre 2013 - 21:09

    lo deve eleggere il popolo italiano, non i partiti intrallazzoni. Prodi, vuoi continuare a fare il masochista?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog