Cerca

Alta tensione

Pd, guerra sui conti, i renziani: "Serve chiarezza sul bilancio"

Il "Corriere" ha fatto i conti in tasca ai dem: "il partito è in rosso". Scoppia la faida e i renziani attaccano: "Fare chiarezza sui conti"

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Alta tensione in casa Pd dove, a quanto pare, si fa fatica a tenere i conti in pari. Secondo un articolo apparso ieri, domenica 29 dicembre, sul Corriere, il bilancio del Nazareno sarebbe in rosso per spese pazze su consulenze, investimenti pubblicitari e affissioni. Non dev’essere stato piacevole per Francesco Bonifazi, neo tesoriere renziano, spulciare il bilancio del Partito Democratico. Anche per questo, come ha raccontato ieri il Corriere della Sera , avrebbe intenzione di affidare a un gruppo di professionisti una due diligence per verificare contratti e rapporti bancari .

Pd spaccato sui conti -  L'ex tesoriere del Pd Antonio Misiani ha subito replicato con una lettera al Corriere respingendo tutte le accuse mosse da via Solferino. Ma il partito adesso è spaccato sui conti. Michele Anzaldi un deputato renziano e dipendente del Pd: "Bisogna stare attenti a non fare di tutta un’erba un fascio, anche perché al Nazareno molti lavorano e sodo. Ma se è vero quello che emerge dall’articolo, è gravissimo. Ma come, si va verso tempi difficili con il taglio al finanziamento, stai per dichiarare fallimento e chi se ne va fa trovare a chi arriva le casse vuote? Assume persone come dirigenti e le fa diventare deputati un mese dopo? Ma se è così, è un’azione di guerra, hanno messo le mine sulla pelle dei dipendenti che lavorano davvero e fanno sacrifici. Abbiamo fatto un lavoro immenso per unificare Ds e Margherita e poi arriva questa mazzata". Pippo Civati chiede chiarezza: "Sono temi delicati e bisogna avere tutti gli elementi prima di giudicare. Per questo mi piacerebbe, senza drammi, che ci fosse una direzione nazionale per parlarne. E per proporre, per esempio, un bilancio consolidato di tutto il gruppo, che comprenda federazioni e unioni regionali". 

"Tutto in regola" - A difesa della gestione Misiani invece si schiera Stefano Di Traglia, già portavoce dell’ex segretario Pd Pier Luigi Bersani: "In questi anni abbiamo solo tagliato risorse. E Bersani aveva dato ordine al tesoriere Misiani che nessuno del suo staff fosse assunto. La campagna elettorale del 2013 è stata tagliata di oltre il 30 per cento rispetto al 2008. Con risultati migliori, peraltro". Nico Stumpo, responsabile dell’organizzazione nell’era bersaniana, non ha dubbi: "Una cosa di cui sono convinto è la limpidezza dei conti". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • exbiondo

    30 Dicembre 2013 - 20:08

    chiunque si trovi in un comune amministrato dal PD avrà visto che sono come una piovra e cercano di mettere le mani su tutto. Esempio concreto una casa di riposo, sempre andata bene, in cui hanno messo le mani è ora sull'orlo del fallimento, i commissari si sono accorti di stipendi altissimi per figure senza neanche i requisiti (tranne che tessera pd), quindi rette che aumentavano e servizi sempre più scadenti. E questo in ogni dove hanno messo le mani

    Report

    Rispondi

  • allianz

    30 Dicembre 2013 - 18:06

    fasti di un tempo in forza dei rubli-quando valevano qualcosa-sono assai lontani.Adesso,i tempi si sono fatti duri.Per dirla tutta utilizzando il volgo popolare che sappiamo villano e rude,il tempo delle vacche magre è finito...Adesso inizia quello delle vacche anoressiche...Al contrario della buona massaia il venditore di pentolame ed affini, tuona contro le mani bucate.Dai tempi del PCI/PDS/DS/PD le mani bucate sono sempre le stesse,come sono le stesse identiche facce da culo a cui sono collegate.Escludendo il vizio di famiglia pare che il venditore di pentolame vario & affini in tutti questi cambiamenti-di nomi-del magazzino non abbia fatto caso al tintinnio di monetine che cascavano a terra....

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    30 Dicembre 2013 - 17:05

    A leggere i giornali, benché non ancora in posizione per giocare forte, anche un certo Matteo Renzi ha la manina bucherellata, specie nei confronti degli amici. Se tanto mi dà tanto, ne vedremo di belle, in futuro...

    Report

    Rispondi

  • sconosciuto

    30 Dicembre 2013 - 17:05

    E questi devono governare l'Italia? Questi se vanno al potere ci faranno a noi italiani un mazzo grande quando una casa,e si dovevano togliere il finanziamento pubblico! Di come sono assetati di danaro,dopo il MPS sotto a chi tocca.. Dove hanno governato i Sinistri hanno fatto solo tabula rasa.Berlusca nei loro confronti e un pivello.

    Report

    Rispondi

blog