Cerca

Il retroscena

Napolitano, la lettera ai leader dei partiti prima della rielezione

Il 15 aprile Re Giorgio spedì una missiva a Bersani, Berlusconi e Monti. "La mia rielezione? Una mossa di comodo. Nel caso, resto poco". Però intanto...

Giorgio Napolitano

Giorgio Napolitano

Monarca per volontà altrui, ci sono i documunenti che lo dimostrano. Se il 20 aprile 2013 Giorgio Napolitano si è trovato, primo nella storia della Repubblica Italiana, ad essere eletto per la seconda volta al Quirinale, non è stata per una sua pretesa personale, ma per la debolezza dei leader politici del Belpaese. A sostegno di questa tesi, più volte ribadita dagli ambienti vicini all'ex migliorista, il Corriere della Sera pubblica una lettera che lo stesso Napolitano ha inviato a Pierluigi Bersani, Angelino Alfano e Mario Monti lo scorso 15 aprile, ovvero tre giorni prima dell'inizio delle votazioni. Cinque paginette (accompagnate da una seconda missiva all'allora segretario Pd, poi utilizzata come circolare interna per i parlamentari democratici) nelle quali Giorgio spiega di non avere nessuna premura di rimanere in carica. E che l'inquilino del Quirinale oggi rivendica come certificato della propria buona fede.

La lettera - "La mia rielezione sarebbe una soluzione di comodo, non una soluzione, e darebbe dimostrazione di impotenza politica". E' questo il tenore della lettera che Napolitano aveva rivolto ai segretari dei due partiti che di lì a poco avrebbero costituito la spina dorsale delle Larghe Intese e all'ex premier. Vale a dire: cercatevi un altro presidente, io a coprirvi le spalle non rimango. Ma, è la ricostruzione offerta da Marzio Breda per il Corsera, la risposta ricevuta dal trittico Bersani-Alfano-Monti non è stata sulla stessa lunghezza d'onde del messaggio di Napolitano: il primo era troppo preoccupato dalla tenuta del proprio partito per potersi permettere di andare alla ricerca di un nuovo nome (e s'è visto come è andata con Marini e Prodi), il secondo aveva come priorità le sorti del suo presidente (Silvio Berlusconi) e il terzo, entrato per il rotto della cuffia in Parlamento, aveva poca voce in capitolo. E quindi è finita con la rielezione di Giorgio (nel frattempo diventato re) al Quirinale. Ma non dite che l'ha voluto lui, è il refrain. Gliel'hanno chiesto, e pure in ginocchio. Napolitano continua a ribadire che il suo mandato durerà poco. Intanto, però, è sempre là...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angetire

    02 Gennaio 2014 - 16:04

    Caro presidente, lei predica bene e........!Forse nessuno le ha fatto notare che lei guadagna il triplo del PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI e il Quirinale costa come i corrispettivi di Francia Germania e Inghilterra messi insieme? La sua inparzialità? Per fugare ogni dubbio ha nominato 5 senatori a vita (tra cui una 50enne)e tutti palesemente schierati,naturalmente a sinistra,il tutto con la naturalezza che contraddistigue i metodi "ROSSI" Presidente,basta retorica basta maneggi...sia,alla fine della sua avventura politica,il PRESIDENTE DI TUTTI GLI ITALIANI.Angelo

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    02 Gennaio 2014 - 14:02

    solo per generare chiacchere inutili..

    Report

    Rispondi

  • lobadini

    02 Gennaio 2014 - 13:01

    Lui il Napoletano poteva tranquillamente rifiutare! Ma....non lo ha fatto quindi adesso non cerchi colpevoli! Se rifiutava era a posto mica sono andati con le armi a dirgli che doveva restare!! Giorgio non ce la racconti giusta.

    Report

    Rispondi

  • mirtilla2011

    02 Gennaio 2014 - 13:01

    tiè... Beccati anche questa invidioso comunista berlusconiano. Lo sapevo che vi avrebbe fregato anche questa volta "robot" azzuri

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog