Cerca

La polemica

Brunetta: "Orribile il silenzio di Napolitano su Berlusconi"

Attacco frontale dell'ex ministro al presidente della Repubblica: "Il suo silenzio fa ribrezzo"

Renato Brunetta

Renato Brunetta

Il silenzio di Giorgio Napolitano nel discorso di fine anno su Silvio Berlusconi "è stato orribile". "In questo 2013 il leader del centrodestra, il leader dei moderati, il leader di 10 milioni di italiani - attacca Renato Brunetta, deputato di Forze Italia -, che ha governato per almeno 9 degli ultimi 20 anni, è stato estromesso dalla vita politica e dal Parlamento dapprima da un’ingiusta condanna penale e in seconda battuta dall’applicazione di una legge incostituzionale, usata retrottivamente con il solo obiettivo di cacciare dal Senato Silvio Berlusconi". Motivo per il quale, sostiene l'ex ministro, il fatto che l'inquilino del Quirinale non ne abbia fatto menzione rappresenta "la più grave omissione" nel suo discorso a reti unificate.

Dopo il boicottaggio - Proprio Brunetta aveva invitato il popolo azzurro a boicottare catodicamente il saluto del presidente della Repubblica. Ma lui dimostra di averlo ascoltato bene: "Quello di Napolitano è stato il discorso di un uomo solo. Toni mesti, contenuti retorici - afferma intervistato da Il Tempo -. Il discorso di un uomo ormai incapace di vedere e progettare il futuro del Paese dall’alto della sua Istituzione. Il discorso di un uomo incapace di fare un’autocritica rispetto a quello che è successo tra la fine del 2011 e le ultime settimane di questo 2013". 

Quel mese di novembre - Tra le lacune che il capogruppo di forzista rinfaccia a re Giorgio c'è quella sul novembre 2011, quando il Cavaliere rassegnò le dimissioni a favore del governo tecnico di Mario Monti: "Con la caduta del governo Berlusconi e l'incoronazione di Monti e del suo governo tecnico, con la chiara sponsorizzazione del Capo dello Stato, in Italia c'è stata una vera e propria sospensione della democrazia. In seguito a un attacco speculativo al nostro debito pubblico venne fatto fuori un esecutivo legittimato dal voto popolare - accusa - per far posto a dei burocrati che in 14 mesi hanno distrutto il Paese con provvedimenti insostenibili e inaccettabili. Il tutto in nome di quel grande imbroglio dello spread e dei diktat dell’Europa tedesca. Su questa parentesi, condotta sotto la sua regia, Napolitano avrebbe potuto e dovuto spendere qualche parola chiarificatrice".

Legge elettorale - Brunetta non si spiega neanche il perché Napolitano non abbia parlato di legge elettorale: "Avrebbe potuto e dovuto trattare l’argomento della sentenza della Corte costituzionale sul Porcellum - accusa -, la legge elettorale con la quale è stato eletto l’attuale Parlamento. Un Parlamento incostituzionale, quanto a premio di maggioranza e liste bloccate, e dunque delegittimato, al quale Napolitano continua a chiedere le riforme. Le pur necessarie riforme costituzionali - conclude - che andrebbero fatte solo dopo nuove elezioni - da indire dopo l'approvazione di una nuova legge elettorale - con le Camere nel pieno dei propri poteri e magari con un governo forte e in grado di affrontare queste complesse sfide".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    10 Febbraio 2014 - 11:11

    La riflessione ci vuole e si arriva alla verità.La storia del Britannia la sai? La svendita ci hai pensato? La stessa Mondadori sarebbe stata fatta a pezzi e poi la Mediaset sarebbe stata fatta a pezzi .Ma allora Brunetta ,chi avrebbe venduto alla Russia Sovietica tutta l'Italia ,cosa vuoi che siano queste cose ,Lui sapeva bene cosa fosse il comunismo Sovietico ,ma di scrupoli non ne ha mai avuti.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    06 Gennaio 2014 - 23:11

    Dì, che il condannato é ancora tra noi e fa progetti campati sulle nuvole. Vuole riparare le sue malefatte che ci hanno portato alla fame-. Fallo confessare da Francesca, non da Francesco che non lo assollverebbe

    Report

    Rispondi

  • aifide

    04 Gennaio 2014 - 19:07

    Nemmeno la dignità di tacere l'ultimo dell'anno. Vergogna! Un discorso "orribile": metà la posta di donna Letizia, metà i racconti del nonno, sì ma di un nonno komunista che impedisce al popolo di esprimersi con libere elezioni!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    03 Gennaio 2014 - 19:07

    Ah Brunetta, mind the step.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog