Cerca

Tutti contro Letta

Berlusconi, riforma elettorale: "Bene Renzi, ma voglio l'election day"

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

L'assist è di Matteo Renzi, il tentativo di trasformarlo in rete è di Silvio Berlusconi. La giornata politica è dominata dalle dichiarazioni del segretario del Pd. Prima l'intervista rilasciata al Fatto Quotidiano, dove strizza l'occhio a Beppe Grillo, al quale chiede di trasformare il Senato in una Camera delle regioni. Quindi la newsletter dove mette nero su bianco il "contratto di governo", ossia l'agenda a cui Enrico Letta dovrà attenersi per continuare il suo lavoro a Palazzo Chigi.

Oltre il Porcellum - Tra i punti chiesti dal sindaco di Firenze, la riforma elettorale: sul piatto tre proposte, a patto che una di queste venga trasformata in legge nel minor tempo possibile. Renzi propone il modello spagnolo con mini-liste in collegi piccoli, oppure il Mattarellum con premio di maggiornaza oppure, infine, il doppio turno di coalizione sulla base della legge con cui vengono eletti i sindaci. Il primo a rispondere, come detto, è Berlusconi: "A proposito di legge elettorale, colgo con positività il metodo proposto dal segretario del Pd, Matteo Renzi, sia rispetto alla possibilità di incontri e consultazioni bilaterali, sia rispetto al fatto che abbia messo sul tavolo diverse ipotesi, tra le quali c'è certamente una soluzione ragionevole, utile a garantire governabilità piena, un limpido bipolarismo e chiarezza di scelta per gli elettori".

La sfida di Silvio - Il Cav, in una nota, poi rilancia la sfida. "Colgo l'occasione, su un altro piano, per anticipare che, rispetto alle scadenze elettorali che già sono in agenda (e cioè le elezioni europee, e una consistente tornata amministrativa), la nostra posizione è chiara: serve un election day per garantire una alta partecipazione e un notevole risparmio di spese per lo Stato". Il messaggio è chiaro: in cambio dell'appoggio alla riforma elettorale, le elezioni, subito, già in questo 2014. Un'offerta che, per Renzi, potrebbe diventare allettante nel caso in cui sfumassero le intese sul superamento del Porcellum all'interno della maggioranza. Quello di Berlusconi è una proposta circoscritta, limitata: appoggio sulla riforma elettorale e basta; non c'è spazio per altri punti proposti nel "contratto di governo", quali la revisione della Bossi-Fini e una legge per le unioni civili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mirtilla2011

    03 Gennaio 2014 - 13:01

    ma "l'erba voglio non nasce neppure nel giardino del re". (vecchio detto genitoriale per i bambini capricciosi che volevano tutto...)

    Report

    Rispondi

  • encol

    03 Gennaio 2014 - 08:08

    AL VOTO si deve andare subito è la gente che lo chiede, il prossimo febbraio è già tardi. Il popolo vuole decidere in prima persona da chi farsi governare perciò occorre ufficializzare ciò che già esiste ovvero la REPUBBLICA SEMI-PRESIDENZIALE di fatto che esiste da quando avete eletto Napolitano. Chi ancora non lo ha capito o è miope oppure scemo.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    02 Gennaio 2014 - 23:11

    Metti la maglia pesante . Fatti obbedire da Galliani. Marina lasciala stare. Non provocare ulteriori fallimenti. Avrai il tempo di meditare su questi consigli, su da bravo

    Report

    Rispondi

  • sconosciuto

    02 Gennaio 2014 - 18:06

    E talmente finito che non appena esce un trafilo co il suo nome vieni qui a srivere le solite minkiate come un orologio svizzero...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog