Cerca

Scelta Civica: "Cambiare la tassa"

Tasi, Scelta Civica: "O si cambia o la maggioranza rischia"

Mario Monti, Enrico Letta, Fabrizio Saccomanni e Matteo Renzi

Mario Monti, Enrico Letta, Fabrizio Saccomanni e Matteo Renzi

Terremoto Tasi. Trema la casa. E trema anche il governo. La gabella architettata da Palazzo Chigi non convince nessuno: le opposizioni (ovvio), gli amministratori locali (il presidente Anci, Piero Fassino, spiega che non risolve il nodo delle coperture), gli italiani (stratassati), Confedilizia ("no all'Imu bis")  e nemmeno Mario Monti. Che c'entra il Professore? C'entra eccome, perché ora Scelta Civica minaccia la crisi di governo (e senza i loro - pochissimi - voti, Enrico Letta fa le valigie e va a casa). Per i centrini il provvedimento è "indigeribile". I toni utilizzati dal segretario del partito, Stefania Giannini, sono durissimi: o si cambia, o il governo cade. Scelta Civica chiede l'apertura "di un tavolo in cui definire, entro un mese, come deve essere la fiscalità sulla casa. Si tratta - aggiunge - di un tentativo, spero di successo, per non mettere questa maggioranza in crisi. Se su questo non ci sarà ascolto è chiaro che dovremmo riflettere tutti. Se il governo porrà la fiducia sulla Tasi, votiamo no", conclude. I montiani, già alla vigilia, lamentavano il fatto che la possibilità di far schizzare l'aliquota fino al 3,3 per mille a patto di prevedere detrazioni per le fasce più deboli sia un metodo che, in definitiva, finisce col premiare i Comuni spreconi.

Legittimo sospetto - La politica, certo, è fatta anche di suggestioni. E nelle ultime ore, anzi negli ultimi minuti, se n'è affacciata una piuttosto convincente. Il presupposto è la tempesta che si sta abbattendo sul ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, l'uomo dei pasticci (l'ultimo, quello sulla restituzione degli scatti dei professori, prima imposta poi cancellata con un tratto di penna). Saccomanni, inoltre, si associa con particolare semplicità alla più odiata delle gabelle, la Tasi: il ministro ha sempre detto che l'Imu non doveva essere abolita, e che una stangata sulla casa è necessaria. Contro il titolare del Tesoro ha aperto il fuoco anche il renziano Dario Nardella: "Al suo posto meglio un politico", ha detto, per poi essere parzialmente rettificato dal suo Pd. E ora, nei palazzi romani, comincia a circolare una voce piuttosto insistente e puntualmente raccolta da Dagospia: fuori Saccomanni, in via XX Settembre entra Mario Monti. A favore del (fu) leader del governo tecnico si starebbe muovendo proprio Matteo Renzi. Sarà un caso, dunque, che proprio nel momento di maggior tribolazione per Saccomanni, proprio quando i renziani lo attaccano frontalmente, cominci a circolare la voce su Monti al ministero grazie alla sponsorizzazione del sindaco di Firenze? Forse è un caso. O forse no...

di Andrea Tempestini
@antempestini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    16 Gennaio 2014 - 17:05

    altro che forconi ci vogliono stavolta!

    Report

    Rispondi

  • encol

    10 Gennaio 2014 - 08:08

    LETTA se ne va per altro viaggio INUTILE non ostante i problemi stiano traboccando e di fatto sia un premier del tutto VIRTUALE. Va in Messico per una visita di stato un premier fasullo che nulla può decidere quindi ancora una volta andrà a fare il fighetta.

    Report

    Rispondi

  • lstmare2006

    10 Gennaio 2014 - 06:06

    è un ammasso di ideologia senza testa ne coda. Non ne azzeccano una neanche con la luce accesa. Matrimoni gay, clandestini allo sbaraglio,Monti all' economia(che tragedia). Secondo me si sono messi in testa di perdere le prossime elezioni per non governare . Per il resto abbiamo ciò che meritiamo, un presidente con le palle di latta e un ministro dell'economia che vive in un mondo parallelo che basa le sue decisioni economiche lanciando I dadi per non parlare del vecchietto che vive sul colle piu alto che si sente Stallin dei tempi nostri. Gente completamente staccato dalla realtà.

    Report

    Rispondi

  • Palmiro Fazzari

    10 Gennaio 2014 - 05:05

    Ma scherziamo , ma cosa ci devolvono fare , schiacciarci come sarde per capirlo : un uomo che ha fatto acqua da tutte le parti , un uomo venduto , un uomo che ha dato consenso al presidente NAPOLITANO di svendere la nostra democrazia , in accordo i poteri forti dell'Europa , onestamente non capisco . Adesso questo gli danno ancora la parola, oltre al fatto che alle elezioni , oltre che prendere due calci in culo non ha preso altro , mi spiace , questa è la dimostrazione di quanto si possa essere ignoranti nel nostro paese . Siamo destinati alla sottomissioni , non abbiamo più speranze !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog